Siamo malfidenti, malfidanti, malfidati o malfidi?

Sono arrivati diversi quesiti che chiedono quale sia la forma da usare tra malfidente, malfidante, malfidato e malfido.

Risposta

Probabilmente uno dei motivi dell’incertezza nella scelta tra le varie forme indicate dai nostri lettori dipende dal fatto che vengono implicitamente ricondotte al verbo fidare, che è oggi usato soprattutto come intransitivo pronominale: fidarsi, nel senso di ‘avere fiducia in qualcuno’, ‘fare affidamento su qualcosa’, ecc. L’incertezza tra malfidente e malfidante, in particolare, è da mettere in rapporto alla derivazione dell’it. fidare, della I coniugazione, dal lat. fideo, fides, fidēre, della II classe, con un metaplasmo. Direttamente a forme del verbo latino o a suoi derivati si legano aggettivi come fidente ‘che ha fiducia’ o diffidente ‘che non ha fiducia’ e aggettivi-nomi come confidente, che sono ben più frequenti di fidante, diffidante e confidante, regolari participi presenti dei verbi italiani fidare, diffidare e confidare.

Ma un verbo malfidare, composto da male + fidare, non è attestato in italiano, o meglio non è stato accolto nel lessico generale: se ne trovano oggi alcune occorrenze in rete, mentre altre, rarissime e per lo più non univerbate, si leggono in testi sette-ottocenteschi (dovrebbe in ogni caso trattarsi di una retroformazione da malfidente, sul modello di fidente - fidare). Dunque non si può considerare accettabile malfidante, che ha tuttavia alcune recenti attestazioni in rete e compare perfino in testi scritti (a partire dagli anni Novanta; gli esempi precedenti offerti da Google Libri sono tratti da libri in esperanto). La forma corretta è certamente malfidente, che è poi una parola di formazione relativamente recente: è datata solo al 1869 nello Zingarelli 2019, mentre il GRADIT risale al sec. XVIII (ed è giusto: malfidente figura tra le Voci italiane di Gian Pietro Bergamini, del 1745). Il secondo dizionario considera l’aggettivo di basso uso, il primo lo etichetta come letterario; entrambi riportano i significati di ‘diffidente’ (il GRADIT aggiunge ‘sospettoso’) e di ‘malfermo’ (il GRADIT aggiunge ‘vacillante’).     

Rispetto a malfidente, malfidato è parola più antica (secondo il GRADIT e lo Zingarelli risale al Trecento; in realtà non si trova nel corpus OVI, ma forse i due dizionari si riferiscono a un esempio che nel corpus OVI non è univerbato) ed è più diffusa nel lessico comune (almeno secondo il GRADIT; lo Zingarelli 2019 la ritiene letteraria). Però, il suo significato è ambiguo: quello più frequente è ‘diffidente, sospettoso’ (come malfidente), ma può significare anche ‘che non merita fiducia, sleale, infido’ oppure ‘che desta sospetti, sospetto’.

L’ultimo significato è l’unico attribuibile a malfido, voce dotta d’uso prevalentemente letterario, che (come indica giustamente lo Zingarelli 2019) è attestata già nel Trecento, riprende il lat. tardo malefīdu(m), formato da măle ‘male’, avv. e fīdus ‘fido, fidato’ agg., e significa ‘che è indegno di fiducia, che non dà sufficiente sicurezza’.

Dunque, tirando le somme, malfidante è aggettivo non ancora ammesso nello standard (e quindi da evitare), malfidente significa ‘che diffida, che sospetta’, malfido vuol dire ‘che desta sospetti’, mentre malfidato può significare sia ‘che sospetta’, sia ‘che desta sospetti’, a seconda dei casi. È chiaro che chi parla di sé dicendo io sono malfidato intende ‘sospettoso’, ma in altri contesti il senso dell’aggettivo potrebbe essere dubbio e dunque è preferibile usare, alternativamente, o malfidente o malfido. Ma non è indispensabile ricorrere a questi aggettivi, oltretutto poco comuni, perché l’italiano offre alternative: in un caso si può dire diffidente, sospettoso (che nell’uso attuale hanno solo questo senso), nel secondo inaffidabile, infidosospetto (agg.).  

 

Paolo D’Achille

 

5 ottobre 2018


Agenda eventi


Avvisi

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Università per Stranieri di Siena: bando del Dottorato di Ricerca in Linguistica Storica, Linguistica educativa e italianistica. L’italiano, le altre Lingue e Culture (XXXVI ciclo)

Avviso da Crusca

Il bando (progetto Pegaso) è cofinanziato dalla Regione Toscana e gode della collaborazione dell'Accademia della Crusca e dell'Università degli Studi di Siena. Scadenza della presentazione delle domande: 15 luglio 2020. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione