Morte di una sineddoche: gli Intellettuali e la Casalinga di Voghera

di Claudio Marazzini


La casalinga di Voghera è stata senza dubbio un gran personaggio degli ultimi vent'anni del passato secolo. Fior di intellettuali se ne disputavano la paternità. Nanni Moretti si ispirava a lei per una battuta di un suo film. Oreste del Buono se ne serviva nella sua rubrica del Lunedì sulla “Stampa”. Beniamino Placido mandava la casalinga all’attacco di Bruno Vespa, con il plauso di Miriam Mafai (“la Repubblica" del 13 agosto del 1985): "La ormai famosissima casalinga di Voghera, dietro la quale si è fatto scudo Beniamino Placido per la sua polemica contro Bruno Vespa, si è fatta sentire a Repubblica…”. Quasi quasi la sineddoche prendeva corpo, esisteva per davvero come individuo pensante e vivente. Il 9 dicembre del 1993 il “Corriere della Sera”, pagina 12, annunciava trionfalmente l'ingresso della casalinga di Voghera in un dizionario, seppure settoriale: il Dizionario dei termini giuridici di Germano Palmieri, Edito dalla BUR (oggi è anche registrata nello Zingarelli). La casalinga di Voghera la faceva da padrona nei corsi avanzati di giornalismo, dove si studiavano le tecniche per raggiungere il pubblico più recondito. Umberto Eco, fin dal 1971, nel saggio Guida all'interpretazione del linguaggio giornalistico, aveva parlato del sondaggio della Rai sulla (mancata) comprensione di parole importanti nella vita sociale da parte del pubblico: parole quali scrutinio, crisi di governo, promulgazione di una legge ecc. Com’è noto, stando al racconto di Eco, il peggior risultato era stato proprio quello di un gruppo selezionato di casalinghe di Voghera, che avevano compreso solo il 26% delle parole proposte, e avevano mancato tutte le altre. Ancora nel 1975, Mario De Angelis, su “Stampa sera”, commentava quell’intervento di Umberto Eco. Frattanto la casalinga di Voghera doveva aver frequentato le scuole serali, e non risultava più così ignorante, almeno stando alla poesia pubblicata da Alberto Arbasino sulla “Stampa” del 27 aprile 2001: "La casalinga di Voghera / in attesa della corriera / con le sataniste di Mortara / e i fidanzatini di Novara / quando scende il tiggì della sera / sul cavalcavia di Cava Manara / rilegge Montale: Occasioni e Bufera". Ancora: nel 2000, la casalinga di Voghera aveva intrigato Aldo Grasso, che ne parlava collegandola  a Nanni Moretti, Beniamino Placido, Umberto Eco. Sull’onda del successo, si costituì persino un gruppo di casalinghe di Voghera, e la trasmissione “Il treno dei Desideri”, che andava in onda su RAI 1, donò alla locale associazione una statua, nel 2006. Oggi quella figura in vetroresina, che brandisce minacciosamente uno spolverino,  è finita in uno scantinato, sul viale del tramonto, perché è evidente la carica discriminatoria dell'espressione usata per indicare un pubblico poco colto, disarmato di fronte al linguaggio criptico della burocrazia e della politica, incapace di intendere termini tecnici necessari per una consapevole vita sociale. L’espressione, sineddoche o no, appare discriminatoria, per le donne, e anche per quella cittadina della provincia italiana. Perché proprio quella (per quanto la spiegazione di Umberto Eco sul sondaggio della Rai una motivazione la suggerisca)? Pare comunque che l’espressione stia oggi andando pian piano in disuso, e risulta che sia stata condannata da gruppi femministi. Altro che statua!

Eppure quell'espressione brillante piaceva, come abbiamo visto: appariva efficace ed originale per riflettere sui problemi della comunicazione, per mettere in luce uno scarto di comprensione e di linguaggio che la società civile doveva superare. Svolse dunque una funzione educativa contro gli effetti deleteri dell’oscurità nella comunicazione, allora molto temuta, prima che i social dessero l’impressione di poter chiarire tutto per tutti. Oggi un intellettuale progressista starebbe bene attento nel coniare un'espressione del genere, che potrebbe costargli un mare di guai. Persino nella fortuna o sfortuna di una sineddoche si può cogliere il profondo cambiamento di quello che potremmo definire ‘lo spirito dei tempi’.

Questo pensavo, leggendo ieri 30 novembre l'intervento durissimo del “Corriere della Sera” di Francesco Battistini (Se l’Europa boccia l’uso delle parole «Natale» e «Maria») contro i suggerimenti della Commissione Europea a proposito di una serie di censure linguistiche indicate in una circolare interna molto discutibile, se non stravagante. L'intervento critico, di aperta rivolta, del “Corriere della Sera” contro questi divieti, messi ampiamente in ridicolo, non è stato il solo. La protesta ha attraversato tutta l’Europa, se il giorno successivo le stesse fonti dell'Unione Europea hanno annunciato che il prontuario del politicamente corretto ideato dalla Commissaria all'Uguaglianza, Helena Dalli, era stato precipitosamente ritirato, con una certa irritazione, pare, di Ursula von der Leyen. Non definitivamente, però, ma solo per un po’, “perché i tempi non sono ancora maturi”. Prepariamoci dunque al secondo round. In ogni modo, oggi, 1 dicembre 2021, Francesco Battistini sul "Corriere", giustamente, canta vittoria: “non è stata una grande idea preferire gli auguri di Buone Feste al Buon Natale, per non offendere ebrei e musulmani; disincentivare l’uso di nomi troppo cristiani, tipo Giovanni e Maria; evitare il signore e signori, per non turbare le categorie deboli; cancellare la parola ‘colonizzare’, sempre e comunque, si tratti anche di colonialismo su Marte…”. E Antonio Scurati, nella stessa pagina, avvisa: “Smettiamola di ingannarci: la libertà non nasce dalla repressione di noi stessi”.

Da un po' di tempo si affollano sulla lingua, anzi sulle lingue, tentativi di riforma sempre più aggressivi, ispirati alla cultura della cancellazione, alla correzione di presunti elementi di offesa e discriminazione. Queste accuse crescono a vista d’occhio, ampliando il tentativo di ripulire la lingua per restituircela limpida, strumento finalmente adeguato a un’umana convivenza in pace e amore. L’unico difetto, in prospettiva, temo sia poi la fatica di utilizzare quella medesima lingua mediante il corposo manuale dei divieti, un repertorio in cui è facile smarrire qualche dettaglio. Senza contare l’esito, nella comunicazione reale e quotidiana, di uno strumento ipercontrollato, sempre più scialbo, privato di storia, di sale e vivacità. Il rischio della condanna inquisitoriale è dietro l’angolo. Esiste pur sempre, deve esistere, una differenza tra la buona educazione, che insegna a moderare le parole a seconda del contesto e della situazione, e la censura preventiva, in base alla quale si decide che una serie di parole o di espressioni deve sparire dal vocabolario e non deve esistere più. Quest’ultimo atteggiamento può trasmodare in caccia alle streghe. Non a caso certe pagine di Orwell, un tempo considerate antidoto alla tirannia, oggi sono viste come un rischioso monopolio di conservatori pericolosi.

Ho l'impressione che molti suggerimenti relativi al parlare corretto, applicato a contesti in cui si invoca l’inclusività e l’inclusione, lascino invece intravedere una posizione  eccessivamente autoritaria, quasi ci fosse l’intenzione di intimorire l'utente. La moltiplicazione dei tabù linguistici ci avvicina alla paralisi: già oggi ci sono ragazzini della scuola media che si fermano terrorizzati di fronte alle parole “vecchio” e “anziano” (questa era nell’elenco citato dal “Corriere”, tratto dal documento della Commissione Europea) per indicare un uomo raffigurato con il bastone, la barba e i capelli bianchi. Un tempo vecchio era anche sinonimo di saggezza, e si distingueva dal gradino successivo, quello della decrepitudine. La linguistica degli anni settanta ci ha insegnato che una buona comunicazione esige anche un certo grado di libertà rispetto alle norme e alla grammatica, e infatti l'autorevolezza di alcuni princìpi tradizionali è molto diminuita nel corso degli anni. Stiamo dunque attenti a non sostituire a quell’autorità grammaticale, che ha perso forza, una serie di nuove autorità legate a tabù e divieti. Tabù e divieti possono anche diminuire considerevolmente l'efficacia della comunicazione. Ciò non vuol dire che la volontà espressiva individuale non abbia limiti; ma c’è un rischio nel collocare troppi paletti. Un po’ di libertà serve comunque, e non siamo obbligati a parlare tutti allo stesso modo. Mettiamo dunque da parte la Casalinga di Voghera, che ha fatto il suo tempo, e tramonta da sola, perché le donne lavorano, non sono più casalinghe se non in minima parte; ma non dimentichiamo che i dati PIAAC 2013 collocano ancora gli italiani, donne e uomini, all’ultimo posto tra i paesi OCSE per la capacità di comprendere un testo (la famosa literacy a cui faccio spesso riferimento). Nella statistica, le donne stanno persino un po’ meglio degli uomini, ma tutti assieme, come popolo italiano, sempre ultimi siamo. Lo svantaggio, in ogni campo, richiede pur sempre una definizione. Non condividiamo l'idea che quando una cosa non ci piace, è brutta, o non risponde più ai principi dominanti del presente, per risolvere il problema basti cancellarla dal vocabolario.

Gianni Lorenzi
03 dicembre 2021 - 00:00
In aggiunta a quanto detto, che condivido in toto, trovo deprimente il fatto che anche da parte di alcuni linguisti si promuova l'eliminazione del maschile non marcato a vantaggio di una nuova categoria tramite il simbolo dello schwa, che credo pochi tra i non specialisti sappiano cosa rappresenta dal punto di vista fonetico/fonologico e come si pronuncia. Mi auguro che questo clima di censura si esaurisca in fretta senza lasciare troppi danni.

Rispondi

Risposta
Manuela Bernardi
03 dicembre 2021 - 00:00
Sono d'accordo sul fatto che l'uso dello schwa sia paradossalmente contrario al concetto di inclusione, in quanto compreso da pochi, artificioso ed elitario.
Clara Gallo
03 dicembre 2021 - 00:00
Ho letto l'articolo e condivido in gran parte, ma contesto la frase: "Mettiamo dunque da parte la Casalinga di Voghera, che ha fatto il suo tempo, e tramonta da sola, perché le donne lavorano, non sono più casalinghe se non in minima parte;" Le casalinghe lavorano eccome! spesso più di chi ha un lavoro retribuito, e non è detto che siano sempre ingenue ed ignoranti. L'uso di quella sineddoche, però, non mi meraviglia , ci sono centinaia di esempi in cui il femminile era usato per accentuare la negatività di uno stereotipo, prodotti di una società patriarcale e maschilista. Fanno parte della nostra storia, certo, e vanno contestualizzati, ma sono solo vecchi pregiudizi che oggi sarebbe meglio evitare.

Rispondi

Manuela Bernardi
03 dicembre 2021 - 00:00
Il linguaggio dovrebbe essere lo strumento attraveso il quale si esprime una cultura e la scelta dei termini dovrebbe modularsi istintivamente in base ad un contesto. Tutto ciò che ha bisogno di una codifica rigorosa contraddice il principio di evoluzione della lingua, che cambia prima nell'uso, predilige alcune parole invece che altre, lasciandone altre in stato di obsolescenza. Si creano neologismi nel parlato, che in seguito trovano posto nei dizionari. Questi cambiamenti avvengono in relazione ad un quadro culturale. Riflettendo sulla lingua in uso quando ero bambina mi rendo conto di quanti stereotipi, sessismi, razzismi allora inconsapevoli sono stati superati. E ancora, quando Nanni Moretti, di sinistra, ci faceva sorridere con la casalinga di Voghera, nessuno aveva percepito la sineddoche come qualcosa di oltraggioso. E' certo però che porre attenzione su quanto di retrivo e non inclusivo inconsapevolmente viene comunemente accettato è un'operazione salutare, che può aiutare a migliorare linteragire del linguaggio col pensiero e con la consapevolezza. L'operazione è delicata e va fatta con cura. Passare dal protocollo inclusivo al tentativo un po' grottesco è un attimo.

Rispondi

Licia Corbolante
03 dicembre 2021 - 00:00
In realtà la polemica non ha attraversato tutta l’Europa, come hanno fatto credere i media italiani, se non per descrivere il polverone suscitato in Italia, e ha alla base errori di traduzione e fraintendimenti volutamente manipolati e rilanciati da politici e giornalisti SENZA VERIFICARE LE FONTI. Per chi invece ha letto il documento è sconcertante che sia stato ritirato: l’unica spiegazione è che la commissaria abbia voluto evitare di trovarsi coinvolta in polemiche politiche e religiose. Si tratta infatti di linee guida simili a molte altre in uso da decenni nelle organizzazioni internazionali e nelle multinazionali. Invito chiunque conosca l’inglese a leggere il documento originale ("European Commission Guidelines for Inclusive Communication" file:pdf). Vedrà che riguarda esclusivamente l’inglese e non contiene alcun divieto o censura ma si trovano invece spunti, suggerimenti ed esempi per riflettere sul concetto di inclusività e sui cambiamenti sociali e culturali che si rispecchiano anche nell’uso della lingua. La maggior parte degli esempi delle linee guida segue lo stesso approccio: nei riferimenti non limitarsi a quelli più noti, comuni e ovvi, ma renderli più inclusivi e rappresentativi (“Try to use examples from all EU countries, rather than limiting yourself to older or bigger Member States such as France or Germany”). In questa ottica, per le festività non citare SOLO il Natale ma includerne altre (“Christmas, Hanukkah”) oppure rendere il riferimento più generico (Christmas time >> Holiday times); per gli esempi di persone non ricorrere SOLO a nomi di santi ma ampliare il repertorio. I fantomatici “nomi cristiani” che sarebbero stati proibiti sono un’invenzione dei media italiani, nata da un clamoroso errore di traduzione di “Christian name”, equivalente al nostro “nome di battesimo”, che in inglese è una locuzione ormai obsoleta e che va quindi evitata in moduli o dove venga richiesto di specificare nome e cognome (“Use ‘first name’, or forename, or given name, rather than ‘Christian name’”). In sintesi, una polemica linguistica senza fondamento che pone interrogativi sulle competenze e conoscenze di chi ha raccontato e diffuso questa falsa notizia: ignoranza o malafede?

Rispondi

Risposta
Paolo Porcaro
03 dicembre 2021 - 00:00
Sottoscrivo parola per parola il commento di Licia Corbolante. Sul tema più generale, aggiungo che non vedo in giro alcuna furia censoria, bensì una sana riflessione sul linguaggio e il suo uso: inclusivo, escludente, neutro, rispettoso, gergale, privato, tecnico.
Nicola gennaioli
03 dicembre 2021 - 00:00
Potremmo dire però che gli attuali no-vax, terrapiattisti, o comunque reattanti cospirazionisti che siano, siano le nuove "Casalinghe di Voghera". Volontari e belluini, per giunta.

Rispondi

Per inviare la richiesta è necessario autorizzare al trattamento dei propri dati personali secondo quanto riportato nella Informativa sulla Privacy *

Per inviare la richiesta è necessario avere almeno 14 anni *


Il tema corrente

Claudio Marazzini

Morte di una sineddoche: gli Intellettuali e la Casalinga di Voghera

Il presidente dell'Accademia Claudio Marazzini, prendendo spunto da fatti di cronaca, invita a una riflessione sulla censura linguistica.

Archivio Temi

Claudio Marazzini

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Il presidente dell'Accademia Claudio Marazzini invita a riflettere sulle conseguenze dell'esclusione ministeriale dell'italiano dalle procedure di presentazione dei progetti che concorrono ai finanziamenti del "Fondo italiano per la scienza".

Esame di Stato: mai più senza prove scritte

L'accademico Paolo D'Achille invita a riflettere sulle criticità legate alla scuola e al suo sistema di valutazione, dopo un anno e mezzo di emergenza sanitaria.

Angela Ferrari, Filippo Pecorari

Sullo sfondo della Costituzione. Dalle norme prescritte alle norme presupposte

Angela Ferrari (Università di Basilea) e Filippo Pecorari (Università di Basilea e Università di Pavia) propongono una riflessione linguistica sul valore comunicativo di alcuni passi della Costituzione italiana.

Vai all'archivio

Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Modalità di accesso alla sede dell'Accademia della Crusca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo che da lunedì 6 dicembre 2021, come stabilito dal Decreto Legge 26 novembre 2021 n. 172, l’accesso alla biblioteca e all’archivio e la partecipazione a convegni, seminari, visite guidate e qualsiasi altra manifestazione sono consentiti esclusivamente a soggetti muniti di certificazione verde Covid-19 rafforzata (Green Pass rafforzato), cioè ottenuta per vaccinazione o guarigione.

Morte di una sineddoche: gli Intellettuali e la Casalinga di Voghera

Avviso da Crusca

Claudio Marazzini invita i lettori alla discussione nella sezione "Il Tema".

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura di Claudio Marazzini è disponibile nella sezione "Il Tema".

Chiusure straordinarie della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Chiusure straordinarie dell'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

L’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

Vai alla sezione