Villanueva Prieto Darío

Santiago de Compostela

Accademico corrispondente dal 5 novembre 2016

Darío Villanueva Prieto, nato a Vilalba (Lugo) nel 1950, è laureato in Filología Románica presso la Universidad de Santiago de Compostela e addottorato in Filología Hispánica presso la Universidad Autónoma de Madrid. È attualmente docente alla Universidad de Santiago de Compostela, di cui è stato anche Decano (creatore della sezione di Filologia italiana) e Rettore. Occupa il seggio D della Reale Accademia di Spagna (RAE) della quale è stato Segretario dal 2009 e Direttore dal 2014 fino al 2018. In quanto Direttore della RAE è stato anche Presidente dell’Asociación de Academias de la Lengua Española (ASALE), Presidente del Instituto de España e membro di diritto del Consiglio di Stato spagnolo.
È Presidente Onorario della Sociedad Española de Literatura General y Comparada, direttore del consiglio scientifico della Fundación Biblioteca Virtual Miguel de Cervantes, membro di prestigiose accademie e associazioni spagnole e estere che si occupano di ispanistica, di teoria della letteratura e letteratura comparata. Dottore honoris causa in quattordici università tra Argentina, Cina, Ecuador, Honduras, Nicaragua, Perù, Regno Unito, Stati Uniti, Spagna e Svezia, è stato professore ospite o ha tenuto conferenze presso università di tutto il mondo.
Ha pubblicato in spagnolo e inglese oltre trecento articoli di teoria e critica letteraria e letteratura comparata in riviste spagnole e straniere. È autore di numerosi volumi tradotti e pubblicati in varie lingue, tra i quali si ricordano Trayectoria de la novela hispanoamericana actual, scritto in collaborazione con J.M. Viña Liste, tradotto in arabo nel 1998, Teorías del realismo literario, tradotto in inglese nel 1997 e finalista del Premio Nacional de Ensayo, Introducing Comparative Literature. New Trends and Applications (2015), opera della quale Dario Villanueva è co-autore insieme a César Domínguez e Haun Saussy, Imágenes de la ciudad. Poesía y cine, de Whitman a Lorca (2015) che ha ricevuto il Primo premio internazionale per la ricerca umanistica della Sociedad Menéndez Pelayo, Les Galaxies de la Rhétorique. Les Puissants Satellites du Littéraire (2018), El Quijote antes del cinema. Filmoliteratura (2020), De los trabajos y los días. Filologías (2020) e Morderse la lengua. Corrección política y posverdad (2021).