A proposito di calcare

Alcuni lettori ci chiedono quale sia l'accentazione di calcare 'roccia': càlcare o calcàre? Il dottor Stefano L., a proposito di espressioni che compaiono nei referti radiologici, ci domanda se sia corretto parlare di "nodulo calcare" invece di "calcareo" o "calcifico".

Risposta

 

A proposito di calcare

 

Calcare deriva, attraverso il franc. calcaire, dal lat. calcarius 'relativo alla calce'. È una parola piana, come tale indicata dai dizionari ortoepici; nel Dizionario di pronuncia italiana di Luciano Canepari, Bologna, Zanichelli, 1999, l'accentazione sulla terzultima viene marcata come "trascurata", «cioè da evitare perché spesso indice di scarsa cultura». La ritrazione dell'accento, come in altri casi ben noti (càduco, persuàdere, sàlubre ecc.), dipende dalla scarsa confidenza da parte di alcuni parlanti con parole non certo rare ma estranee all'uso quotidiano e dalla percezione che le parole sdrucciole appartengano a un livello più alto, più ricercato, della lingua (spesso gli sdruccioli sono latinismi, attinti dalla tradizione scritta).

L'aggettivo di calcare è calcareo; il calcare che ha incuriosito il dott. L. è un francesismo diffusosi nell'Ottocento, il secolo in cui il francese, insieme al tedesco, era la lingua dominante nelle scienze: in francese calcaire indica infatti sia il sostantivo ('roccia') sia l'aggettivo: terrain calcaire 'terreno calcareo'. Come aggettivo calcare ha comunque anche qualche attestazione letteraria. Nel Grande dizionario della lingua italiana fondato da S. Battaglia, Torino, UTET, 1961-2002, vol. II, p. 522, si cita un esempio da Rubè (1921), il capolavoro dello scrittore e critico siciliano Giuseppe Antonio Borgese: «lo stradone di Monfalcone, con la polvere d'un bianco calcare».

 

Luca Serianni

 

18 novembre 2016


Agenda eventi


Avvisi

Lavori straordinari di ampliamento e pulizia della Biblioteca

Avviso da Crusca

Avvisiamo gli studiosi che il 1° febbraio 2021 inizieranno i lavori straordinari di ampliamento e pulizia della Biblioteca.
Nel mese di febbraio la sala di consultazione rimarrà aperta e attivi tutti i servizi (seppur con le modalità già indicate per l’emergenza COVID) resteranno attivi, tranne quelli legati alla temporanea indisponibilità delle sezioni interessate ai lavori, che saranno segnalati con successivi avvisi.
La Biblioteca invece chiuderà dal 1° al 26 marzo, per riaprire regolarmente lunedì 29 marzo.
Ci scusiamo per gli inevitabili disagi che cercheremo di ridurre il più possibile.

Emergenza COVID-19: Archivio

Avviso dall'archivio

L'Archivio dell'Accademia è aperto alla consultazione su appuntamento . Le informazioni sulle prenotazioni si trovano qui.

Emergenza COVID-19: Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia è aperta, per consultazione, su prenotazione. Le modalità di accesso alla sala sono disponibili in allegato.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

"Scripta manent": l'attenzione per l'italiano in un concorso per giovani giuristi

05 gen 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Nature Italy": nasce la rivista dedicata alla ricerca scientifica in Italia e in italiano

30 nov 2020

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Vai alla sezione