Abitativo e alloggiativo

Alcuni lettori vorrebbero sapere se il termine alloggiativo è registrato nei vocabolari italiani, se è un termine corrente, se è sinonimo di abitativo e in quali contesti è usato. 

Risposta

 

Abitativo e alloggiativo

 

Abitativo e alloggiativo sono due aggettivi di relazione deverbali (derivano rispettivamente da abitare e alloggiare) formati con l’aggiunta del suffisso -(t)ivo, che si possono parafrasare rispettivamente ‘che riguarda l’abitazione o le abitazioni; relativo all’abitare’, ‘che riguarda gli alloggi; relativo all’alloggio’.

Il suffisso -(t)ivo è abbastanza produttivo nell’italiano di oggi: il DISC (il Dizionario della lingua italiana di Sabatini-Coletti) data a dopo il ’900 un centinaio di formazioni in -tivo (e molte di più sono quelle che si ricavano dal corpus giornalistico), appartenenti perlopiù a varietà diafasiche alte, per es. ad alcuni linguaggi tecnico-specialistici (cfr. Davide Ricca, in GROSSMANN - RAINER, pp. 435-440).

Quanto alla semantica, alloggiativo, termine più recente e di uso più ristretto, viene usato come sinonimo di abitativo, tanto che in vari documenti burocratici l’idoneità alloggiativa è spesso glossata come ‘idoneità abitativa’ (peraltro il verbo alloggiare è segnalato in alcuni dizionari, come lo ZINGARELLI 2017, tra i sinonimi di abitare; a rigore però si tratta di quasi sinonimi, perché abitare indica in linea di massima il vivere stabilmente in un luogo, mentre alloggiare indica piuttosto l’abitare in modo temporaneo; cfr. ZINGARELLI 2017, s.vv.).

Un’altra differenza tra i due termini risiede nel loro uso e diffusione: abitativo è formazione più antica e quindi più radicata e acclimatata nell’italiano (etichettata come CO ‘di uso comune’ nel GRADIT), documentata nell’italiano già nel XIX secolo (1835); la forma alloggiativo è più recente, si documenta all’incirca dal 1952 (in riferimento ai profughi provvisti di assistenza alloggiativa; cfr. La legislazione italiana di Fragali e Pizzi del 1952, p. 638) e manca in molti dizionari dell’uso (non è registrata, per esempio, nello ZINGARELLI 2017, è assente anche nella prima edizione del GRADIT, mentre è registrato nella seconda edizione del 2007). Quanto alla frequenza come si può verificare anche da una semplice ricerca su Google (della forma singolare maschile; data della ricerca 18.7.2017) le occorrenze sono in proporzione di circa 30:1 (3.090.000 di abitativo contro 115.000 di alloggiativo). Abitativo è parola d'uso comune (anche in una discreta varietà di sintagmi e collocazioni: edilizia abitativa, a uso abitativo, unità abitativa; modulo abitativo, nucleo abitativo, ecc.), mentre alloggiativo è usato poco e perlopiù in testi di ambito burocratico (si trova in espressioni come contributo alloggiativo, idoneità alloggiativa e simili). In tali testi alloggiativo ha una connotazione più ristretta e fa quasi sempre riferimento all’alloggio, quindi alla situazione abitativa precaria e provvisoria di stranieri immigrati, di profughi, di persone in cerca di asilo; in particolare è utile segnalare che uno dei documenti che mettono a rischio la richiesta del permesso di soggiorno da parte dei cittadini stranieri in Italia è proprio il certificato di idoneità alloggiativa che dichiara l'abitabilità dell'alloggio in cui vive la/il cittadina/o straniera/o, attestando che l'alloggio stesso rientra nei parametri minimi previsti dalla legge per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica (si veda per esempio in  http://www.agenziahelpservice.it/ultime-news/570-idoneita-alloggiativa.html).

Con l’aumento recente degli arrivi di immigrati e di richiedenti asilo, si può registrare anche una maggiore diffusione dell’aggettivo alloggiativo (in molte espressioni: politiche alloggiative, assistenza a., bisogni a., strutture a., situazioni a., ecc.), anche in ambiti diversi, per esempio in quello commerciale: esigenze alloggiative, strutture a. (di un hotel).

 

Sergio Lubello

29 settembre 2017


Agenda eventi


Avvisi

Visite in presenza alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

Avviso da Crusca

Mercoledì 7 luglio 2021 sarà possibile visitare in presenza la mostra dantesca allestita nella Sala delle Pale insieme al curatore Domenico De Martino. Sono previsti 2 incontri da massimo 15 partecipanti, uno alle 21 e l'altro alle 22, con prenotazione obbligatoria. Le informazioni sull'allestimento e sulle modalità di prenotazione sono disponibili qui.

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia resterà chiusa venerdì 25 giugno 2021.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione