Alcune osservazioni sul verbo posizionare

F. Monaldi, nostro lettore di Ferrara, chiede delucidazioni sullo "status" del verbo posizionare all'interno del lessico dell'italiano. Si tratta di un gergalismo, un tecnicismo o di un termine divenuto ormai di uso comune?  Ornella Castellani Pollidori ha scritto sull'argomento una risposta apparsa nel numero 34 (aprile 2007) della nostra rivista  La Crusca per voi. La riportiamo di seguito, e ricordiamo che è possibile richiedere copia della rivista all'indirizzo abbonamenti@crusca.fi.it.

Risposta

Alcune osservazioni sul verbo posizionare

«Posizionare è un tecnicismo lessicale che ha preso a diffondersi, effettivamente, in tempi abbastanza recenti: si può dire, stando alle sue prime comparse nei dizionari, all’incirca da una generazione.

È significativo che il Grande dizionario della lingua italiana fondato da Salvatore Battaglia (Torino, UTET, 1961-2002), nel volume XIII (uscito nel 1986) corredi il lemma posizionare con un unico esempio, tratto dal bel romanzo di Primo Levi La chiave a stella (Torino, Einaudi, 1979): romanzo che, com’è noto, per lo speciale genere di lavoro dei protagonisti del racconto, presenta un linguaggio straordinariamente ricco di tecnicismi. L’esempio fornito dal libro di Levi può dirsi in tal senso emblematico: "…il lavoro di posizionare il derrick" (il derrick è una sorta di gru).

È probabile che il verbo posizionare abbia avuto una prima diffusione in particolari ambiti di lavoro. Come pure è probabile che si tratti di un prestito dal francese, essendo datata dal 1950 la diffusione del tecnicismo positionner.

Naturalmente, la formazione del denominale posizionare non ha in sé nulla di criticabile. Posizionare sta a posizione come, per esempio, azionare sta ad azione.

L’importante è usare questi verbi nel contesto giusto, cioè con la consapevolezza che si tratta di verbi contrassegnati da una certa tecnicità. Si dirà quindi appropriatamente “lo specchietto retrovisore non è ben posizionato”, mentre lo stesso verbo sarebbe incongruo in una frase come “posizionate pure i vostri cappotti sul mio letto”.»

 

Ornella Pollidori Castellani

 

21 settembre 2012


Agenda eventi


Avvisi

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Università per Stranieri di Siena: bando del Dottorato di Ricerca in Linguistica Storica, Linguistica educativa e italianistica. L’italiano, le altre Lingue e Culture (XXXVI ciclo)

Avviso da Crusca

Il bando (progetto Pegaso) è cofinanziato dalla Regione Toscana e gode della collaborazione dell'Accademia della Crusca e dell'Università degli Studi di Siena. Scadenza della presentazione delle domande: 15 luglio 2020. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione