Amichevole

Alcuni lettori ci scrivono a proposito del termine amichevole spesso usato nel linguaggio sportivo e giornalistico come sostantivo: è maschile o femminile?

Risposta

La parola amichevole è un aggettivo formato dalla base nominale amico con l’aggiunta del suffisso ‑evole, il quale costituisce l’allotropo popolare dei suffissi ‑abile e ‑ibile, a loro volta continuatori del latino ‑abilem, ‑ĭbilem. Il suffisso ‑evole si aggiunge sia a verbi sia a nomi e può formare aggettivi di significato attivo (è il caso di amichevole ‘che si manifesta come amico’, ‘che è all’insegna dell’amicizia’), oppure passivo (pieghevole ‘che può essere piegato’, girevole ‘che si può girare’). Nella lingua è frequente che gli aggettivi possano anche avere un uso sostantivato, cioè essere usati assolutamente come nomi; è il caso, ad esempio, degli aggettivi che esprimono una qualità come il bello, il buono, il diverso, spesso preferiti, anche per brevità, ai corrispettivi nomi astratti.

Per quanto riguarda amichevole, il processo di sostantivazione deriva dal fatto che in alcuni ambiti particolari (nel nostro caso il linguaggio sportivo) l’aggettivo ricorre entro sintagmi largamente prevedibili, come, appunto, partita o incontro amichevole. La prevedibilità e la ricorsività del contesto sintagmatico portano a concentrare l’attenzione sul determinante (amichevole) rispetto al determinato (partita, incontro, gara) e a omettere il sostantivo; tale omissione non è invece ammissibile quando il sintagma in cui ricorre l’aggettivo sia meno frequente e scontato: se partiamo da un torneo amichevole, non possiamo abbreviare in *un amichevole. La prevedibilità e la frequenza del contesto sintagmatico in un particolare linguaggio settoriale sono dunque fattori decisivi per consentire l’ellissi del sostantivo. È ciò che accade, ad esempio, per onorevole, usato come sostantivo nel linguaggio politico per ellissi di deputato o senatore, ma non sostantivabile in altri contesti: un comportamento onorevole non può diventare *un onorevole.

Appurato, dunque, come si arriva da amichevole aggettivo ad amichevole sostantivo nel linguaggio sportivo, resta da chiarire quale sia il genere grammaticale da scegliere: maschile o femminile? Premesso che non tutti i principali vocabolari registrano il valore sostantivale (nel Vocabolario Treccani non se ne fa cenno, mentre per il GDLI dobbiamo aspettare il Supplemento 2009, nel quale si aggiunge il significato sportivo dell’aggettivo e nulla si dice a proposito del genere del sostantivo), l’indicazione, laddove data, è a favore del femminile (per es. nel GRADIT e nel Garzanti).

In effetti l’uso ha imposto il genere femminile: evidentemente si è partiti da gara, partita, sfida amichevole e non da incontro, match amichevole (quest’ultimo sintagma era per altro diffuso nella stampa sportiva primo-novecentesca). La riprova sta nel fatto che al plurale l’unica opzione possibile è le amichevoli (le amichevoli della Nazionale di calcio) e non certo *gli amichevoli.



Claudio Giovanardi

15 giugno 2021


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione