Ausiliare con i verbi intransitivi

S. Rui sottopone alla nostra attenzione alcuni esempi di verbi intransitivi che richiedono l'ausiliare avere.

Risposta

Ausiliare con i verbi intransitivi

Una delle spiegazioni maggiormente accettate dagli studiosi è quella che ha proposto Alfonso Leone che riportiamo, citandola dal suo libro Conversazioni sulla lingua italiana (Firenze, Leo S. Olschki Editore, 2002, pp. 76-77):

L'ausiliare dei verbi intransitivi, e altre considerazioni sull'uso dell'ausiliare

«I verbi intransitivi usano come ausiliare ora avere ora essere (Ho camminato, Abbiamo passeggiato, Aveva corso molto, Era corso dalla mamma, Sono andati via, Voci hanno o sono circolate sul tuo conto), secondo i singoli verbi o secondo le circostanze. Una norma che disciplini la loro scelta in ogni caso non può essere data; valido è tuttavia, a mio modesto avviso, il principio seguente:
a) se il participio del verbo intransitivo può essere usato come attributo (andato: i tempi andati; uscito: il signore uscito or ora; insecchito: i ramoscelli insecchiti; accaduto: i fatti accaduti a Napoli; apparso: la notizia apparsa sui giornali), l'ausiliare è essere (sono andato, sono uscito, è insecchito, è accaduto, sono apparso). A meno che, naturalmente, il participio non si sia irrigidito in aggettivo a sé stante, indipendentemente cioè dal verbo ("la tua lode è esagerata", cioè 'fuor di misura'), nel qual caso l'uso di avere diventa indispensabile per conferirgli forza verbale (tu hai esagerato);
b) se il participio non può essere piegato a un uso attributivo, l'ausiliare è avere (ha camminato, ha viaggiato, ha vagito, ha puzzato).
Il principio che ho esposto, giova anche nel caso di verbi coniugati con entrambi gli ausiliari, come emigrare fiorire inciampare inferocire prevalere servire straripare ecc., in quanto l'esistenza di forme come i cittadini emigrati, i peschi fioriti, il ragazzo inciampato nel giardino, la tigre inferocita, l'opinione prevalsa, la punizione servita di esempio, i torrenti straripati, suggerisce almeno un modo sicuro per uscir d'imbarazzo (è emigrato, è fiorito, è inciampato, è inferocito, è prevalso, è servito, è straripato).

Coi medesimi verbi l'uso di avere (di cui nell'italiano contemporaneo si nota una certa tendenza all'espansione) sottolinea, sia pure talvolta per una finzione stilistica, l'iniziativa del soggetto (hanno emigrato, hanno fiorito, ha inciampato, ha inferocito contro..., non ha prevalso, "gli esempi gli avevano anche servito come di una specie d'autorità [Manzoni], i torrenti hanno straripato).

Ovviamente, con verbi come proseguire, con cui l'uso attributivo è estraneo con riferimento a persona, ma possibile con riferimento a cosa, l'uso dell'ausiliare essere si può avere solo nel secondo caso: Le ricerche sono proseguite (oltre che hanno proseguito) tutta la notte, ma Egli ha proseguito a parlare

 

29 novembre 2002


Agenda eventi


Avvisi

Biblioteca e Archivio dell'Accademia della Crusca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

In ottemperanza al DPCM del 3 novembre 2020, l’Archivio e la Biblioteca dell’Accademia della Crusca sono chiuse al pubblico fino a giovedì 3 dicembre 2020.
Continuano ad essere attivi, sia per l’Archivio che per la Biblioteca, tutti i servizi da remoto. Maggiori informazioni sono disponibili in allegato.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Dante e la Crusca: Claudio Marazzini interviene alla settimana di studi Dante. Storie, immagini, paesaggi

02 nov 2020

"L'invenzione del giardino": al TGR Bell'Italia un servizio dedicato al giardino della Villa di Castello di Firenze

02 nov 2020

Trent'anni di "Crusca per voi"

07 ott 2020

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

05 ott 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Vai alla sezione