Benvenuti all’Accademia della Crusca

Moltissimi lettori ci hanno posto quesiti a proposito di benvenuto (o bentornato): sulla grafia, sull’eventuale accordo di genere e numero, sulla reggenza preposizionale.

Risposta

Il numero di utenti che ha sollevato dubbi di vario tipo intorno alle parole benvenuto e bentornato (non in funzione di nomi, come in frasi del tipo “Diamo il benvenuto a tutti i presenti” o nella “In ufficio ho trovato un bel biglietto di bentornato”, ma in funzione di aggettivi usati come formule di cortesia in frasi di tono esclamativo, come per esempio “Benvenuto a Roma”, “Benvenuta tra noi”, “Bentornati a casa” e così via) è molto alto. È probabile che tanta incertezza dipenda dal fatto che, diversamente da quel che accade di solito, i vocabolari generali che descrivono l’italiano di oggi e quelli storici che raccontano l’italiano di ieri non offrono tutte le informazioni necessarie.

Proviamo dunque noi a risolvere i vari dubbi.

Primo: la grafia corretta è benvenuto o ben venuto, bentornato o ben tornato? In entrambi i casi sono ammissibili tutte e due le forme, ma il primo termine di ciascuna coppia, che presenta la grafia unita benvenuto e bentornato, è di gran lunga più frequente del secondo, e dunque suggeriamo di scegliere quello.

Secondo: le parole benvenuto e bentornato vanno concordate nel genere e nel numero con la persona o le persone a cui si rivolgono e dunque si riferiscono? La risposta  è sì, perché i due termini sono composti dall’avverbio ben (da bene, con una caduta della vocale finale che la grammatica chiama “apocope” o “troncamento”) e dai participi passati dei verbi venire e tornare, che negli usi di cui ci stiamo occupando sono aggettivi a tutti gli effetti. Quindi: “Benvenuto al nuovo arrivato” e “Benvenuta alla nuova arrivata”; “Bentornati ai nostri amici” e “Bentornate alle nostre amiche”.

Terzo: da quale preposizione bisogna far precedere il nome (o il pronome) che indica il luogo presso il quale si èbenvenuti o bentornati: “Benvenuto a casa” o “Benvenuto in casa”? “Benvenuto da Mc Donald’s” o “Benvenuto a Mc Donald’s”? “Benvenuti alla nostra scuola” o “Benvenuti nella nostra scuola”? In questo terzo caso i dubbi si moltiplicano; ed è proprio su questo punto specifico che i vocabolari non danno indicazioni utili. Così stando le cose, ci sembra che la soluzione migliore sia quella di accettare le stesse reggenze preposizionali che si usano con i verbi venire e tornare, da cui benvenuto ebentornato derivano. Conseguentemente: Benvenuto a casa (e anche in casa), a Roma (ma non in Roma), in Francia (ma non a o alla Francia), negli Stati Uniti (ma non agli Stati Uniti) in o nell’albergo (ma non all’albergo, a meno che non segua il nome dell’albergo: al Baglioni, all’albergo Baglioni, all’Hotel Baglioni), nel o al ristorante (ma non dal ristorante; a meno che non segua il nome del ristorante: da Mc Donald’s), da noi (e anche fra o tra noi, ma non a noi).

Una postilla. Più di un utente ci ha chiesto un parere sulla correttezza di una formula pubblicitaria che recita: “Benvenuti alla felicità al quadrato”. In questo caso, a nostro avviso, il dubbio non è suscitato dalla preposizione usata, ma dalla parola che la segue: come si può essere “Benvenuti alla felicità”? In realtà, l’effetto di straniamento persisterebbe anche se la formula recitasse “Benvenuti nella o dalla felicità”; probabilmente è proprio questa associazione inconsueta fra benvenuti e felicità che ha contribuito al successo dello slogan.

 

Giuseppe Patota

 

4 dicembre 2018


Agenda eventi


Avvisi

Il museo della lingua italiana: un progetto che si realizza

Avviso da CruscaIl museo sarà allestito a Firenze. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Vai alla sezione