Birchio

Monica Gori di Montevarchi ci chiede il significato e l'etimologia della voce birchio che conosce usata nel Valdarno Superiore per indicare 'chi è figlio di genitori sconosciuti'.

Risposta

Birchio

La voce birchio ha avuto e tuttora conserva una posizione controversa nella lessicografia di lingua: risulta attestata in alcuni dizionari sincronici attuali (GRADIT, DISC e successivamente Sabatini-Coletti fino all'ultima edizione, Devoto-Oli a partire dal 1967 fino al 2008) come voce toscana col valore di 'trovatello (che vive in un ambiente contadino)'. Non compare invece nelle molte edizioni dello ZINGARELLI né nel Palazzi Folena (F. Palazzi, G.F. Folena, Dizionario della lingua italiana, 1992), per rimanere nell'ambito dei dizionari di impronta toscanista. La datazione di ingresso in lingua varia dal 1865 (GRADIT) al 1957 (DISC/Sabatini-Coletti e ultime edizioni del Devoto-Oli). Per quel che riguarda la lessicografia ottocentesca il lemma birchio si trova nel Dizionario della lingua italiana del Tommaseo (1861-1879), che già gli riservava il simbolo indicante la decadenza dall'uso: "Birchio e Birchia nel Valdarno Bastardo e Bastarda"; non lo registrano invece altri dizionari della seconda metà del secolo che si rifanno al patrimonio lessicale toscano: non il Vocabolario italiano della lingua parlata di Giuseppe Rigutini e Pietro Fanfani, né il Supplimento a' vocabolarj italiani di Giovanni Gherardini e neanche il Novo vocabolario della lingua italiana secondo l'uso di Firenze, il cosiddetto Giorgini-Broglio.

 

Eppure la voce circolava fra coloro che si occupavano di lingua toscana sul finire dell'800: compare in una raccolta di Pirro Giacchi, Voci, Modi di dire, Proverbi, etimologie di Toscana, pubblicata ne Il Borghini (anno primo, 1863, pp. 249-253) con il commento: "Si adopera in tutto il senese, e serve a denotare un bastardo, o meglio un esposto, un trovatello, un figlio di orfanotrofio. Ha il femminile Birchia" (p. 251). Pochi anni prima (1856) veniva pubblicato a Firenze il volume Canti popolari toscani, [...], raccolti e annotati da Giuseppe Tigri: nella nota esplicativa di Tigri alla stanza 46 del poemetto rusticale Le disgrazie della Mea - i cui primi quattro versi recitano "Po' non ne feci più che stiedi un pezzo: / Bell'è che anco il mi' uom m'ava inzurlito. / Ba', Mea, ba', ti vuo' donare un vezzo / Se tu fa un antro burchio al tu' marito" - si legge: "[...] Burchio, o birchio, intendi figliuolo. Cosi chiamano in montagna un bambino preso allo Spedale degl'Innocenti" (p. 392). Ritroviamo poi il termine nel dialogo dal titolo Un po' di tutto che Giacomo Gargiolli pubblicò in appendice a L'arte della seta in Firenze, trattato del secolo XV da lui edito nel 1868; il dialogo vuol essere una sorta di integrazione non priva di polemica nei confronti del "chiarissimo professor Rigutini" il quale aveva "da poco tempo fa [1864] pubblicato le sue giunte al Vocabolario dell'uso toscano [di Pietro Fanfani, 1863], registrando voci e maniere di dire senesi, aretine, pistoiesi e di valdichiana, senza però metterle a confronto delle fiorentine". In esso Gargiolli conta di "supplire a cotesta mancanza, tenendo a riscontro le nostre [voci]" (p. 244), facendo proporre ai diversi interlocutori le corrispondenti fiorentine alle singole voci delle Giunte del Rigutini; così a p. 261: "Francesco [legge dal Rigutini] Spedalino. Nel senese è il gettatello, tolto dallo Spedale. Beppe [controbatte] Noi innocentino, e in campagna birchio". Il termine viene poi ripreso nell'Indice di voci e modi notevoli pubblicato in coda, dove si legge birchio "Nelle campagne fiorentine dicesi così dell'innocentino o trovatello".

 

Da queste testimonianze, oltre a una certa vitalità della voce ancora nel secolo XIX (contrariamente a quanto registrato nel Tommaseo), si può dedurre la sua appartenenza a un ambito rurale e anche, almeno parrebbe, una diffusione piuttosto estesa sul territorio regionale; estesa o discorde: si adopera "nel Valdarno"  (superiore? inferiore?) dice il Tommaseo, e "in tutto il senese" scrive Giacchi; eppure è proprio allo spedalino in uso "nel senese" che Gargiolli contrappone il birchio delle "campagne fiorentine". Per Tigri poi la voce è quella usata "in montagna" e sarà quella pistoiese, visto che l'autore del poemetto commentato, Jacopo Lori (1722-1776), nacque a San Marcello e visse da parroco al Montale Pistoiese, e che lo stesso Tigri (che introduce birchio in alternativa al burchio del testo) era pistoiese. Pistoiese era anche Policarpo Petrocchi che attesta birchio nella parte "fuori dall'uso" del suo Nòvo dizionario universale della lingua italiana (1902 2a. ed., la prima è del 1891) e che lo glossa come "lucchese".
Non tutte queste localizzazioni trovano riscontro nei vocabolari dialettali coevi: non c'è traccia del termine nel Vocabolario dell'uso toscano del Fanfani (1863), né nei vari repertori ottocenteschi di voci fiorentine e nemmeno nel Saggio di uno studio sopra i parlari vernacoli della Toscana di Gherardo Nerucci (1865) che in realtà tratta della montagna pistoiese; né lo si trova nel Vocabolario lucchese di Idelfonso Nieri (1901); a questo proposito è bene precisare che la glossa "lucchese" scompare dalle edizioni successive del dizionario del Petrocchi.

 

La letteratura sembra ignorare la voce, con qualche rarissima eccezione di ambito toscano: in una lettera datata Pieve Santo Stefano, 18 giugno 1908, (Carteggio vol. I, 1903-1908, dal "Leonardo" a "La voce", a cura di Mario Richter, Roma 1991) Giovanni Papini scrive ad Ardengo Soffici: "E m'è arrivato anche il dizionario [è il Nòvo dizionario del Petrocchi], ch'è buono davvero. È a due piani: sopra c'è la lingua d'uso e sotto quella antica o speciale o contadinesca. È ricchissimo - ci ho trovato anche molte di quelle parole che adopran qua e perfino il tuo birchio!" (lettera 195, p.252). Ardengo Soffici, nato a Rignano sull'Arno, usa effettivamente la voce in L'uva e la croce (1951): "Al tempo di cui parlo sedeva e lavorava di calzolaio anche un giovanotto che Manzetto, essendo senza figlioli, aveva preso al Bigallo [all'epoca sede di un orfanotrofio] per farsene un garzone, e che, a causa di quella sua provenienza, era detto il Birchio, nome che nel Valdarno si dà appunto ai trovatelli" (p.141 Opere, vol. 7, parte 1, edizione Vallecchi). Il fiorentino Aldo Palazzeschi titola Carburo e Birchio una delle sue novelle pubblicata nella raccolta Il Palio dei buffi del 1937, nella quale scrive: "Birchio invece, so bene quel che vuol dire: nella valle dell'Arno si chiaman birchi i bastardi, figli di genitori ignoti, venuti fuori dai brefotrofi o raccattati e cresciuti in mezzo agli altri non si sa come, con simpatia mista a dispregio, o dileggio più precisamente; vera la simpatia, formale il dileggio, retorico senz'altro; prestandosi fino dai primi anni a tutte le faccende, e pronti ad acciuffare dalla vita furbescamente l'infinita varietà delle sue battute" (p. 109 sg., in Tutte le novelle, "I Meridiani", 1975). E più sotto apprendiamo dalla voce dello stesso Birchio che egli è "senza babbo" e "da quando [lo] hanno preso dallo stituto, [aveva] dieci anni, [lo hanno] tenuto sempre nella stalla" (per avere un'idea ancor più precisa di quale vita conducessero i birchi basta leggere la novella). L'attestazione di Palazzeschi è l'unica citata dal GDLI che riporta il lemma senza notazioni col valore 'figlio di ignoti, bastardo'.

 

Benché la voce sia presente, come abbiamo visto, in alcuni dizionari di lingua (probabilmente sulla scorta prima del Tommaseo e poi dell'uso di Palazzeschi e Soffici) non può certo essere ritenuta appartenente all'italiano standard, e neanche, crediamo, all'italiano regionale toscano. Infatti all'interno della regione il termine ha un'area piuttosto limitata anche a prescindere dal significato assunto. Gabriella Giacomelli nel suo Aree lessicali toscane (in "La ricerca dialettale" 7, 1975, pp. 115-152) aveva individuato per birchio due significati diversi corrispondenti a due circoscritte aree di diffusione: il termine vale infatti secondo la studiosa «"guercio" nella Toscana meridionale, "trovatello" nel Casentino e nel Valdarno Superiore» (p. 117). Giacomelli si basava su dati raccolti nell'ambito della ricerca da lei diretta per l'Atlante Lessicale Toscano (ALT) allora agli inizi; quella ricerca è ormai conclusa da tempo e dal 2006 i risultati sono disponibili anche in rete come ALT-Web: i dati completi confermano sostanzialmente quanto detto da Giacomelli e aggiungono un ampliamento della diffusione per il valore 'strabico' (o anche 'miope', 'che guarda di traverso' o simili) lungo la tutta la Valdichiana e in area pisana settentrionale e meridionale. Inoltre ALT-Web fornisce per il termine gli ulteriori valori 'avaro' in area lucchese (che sarà però da considerare incrocio con pirchio a sua volta riferibile al pantoscano tirchio), 'maschio della pecora' nel Chianti fiorentino e 'puledro dell'asino' (con avvicinamento probabile a bricco 'asino' attestato proprio nel grossetano meridionale) al confine col Lazio. Infine una interessante attestazione per 'scapolo' in area appenninica, coesistente col valore di 'trovatello'. Questi dati vanno integrati con l'attestazione del valore 'trovatello' per il versante senese dell'Amiata fornita da due vocabolari di area (U. Cagliaritano, Vocabolario senese, 1975 e G. Fatini, Vocabolario amiatino, 1953) e con birchio 'strabico ...' testimoniato per l'umbro nel Vocabolario del dialetto di Magione (Perugia) di Giovanni Moretti (1973).

 

Per quel che riguarda l'etimologia del termine un tempo si pensava (così in Tommaseo) a un possibile legame con il latino hircus 'capro, montone', ipotesi che troverebbe un qualche sostegno nel valore di 'maschio della pecora' testimoniato in ALT; più recentemente però si preferisce metterlo in relazione con bircio 'guercio; strabico; miope; che guarda di traverso (di persona e di occhi)' forma toscana occidentale e anche italiana; presente dalla seconda edizione nel Vocabolario degli Accademici della Crusca, bircio è attestato dal XVI nelle Rime Burlesche di Mattio Franzesi e nelle Lettere familiari di Annibal Caro nel sintagma occhio bircio, ed è registrato nei dizionari sincronici attuali come "raro" o "toscano". Sia bircio sia birchio secondo il LEI (Max Pfister e Wolfgang Schweickard, Lessico Etimologico Italiano, dal 1979) sarebbero riconducibili alla radice *beć-/*beģ- che riunisce "voci che suscitano ripugnanza e disprezzo"; a questa radice si rifanno forme che coprono significati attinenti ai concetti 'schifo, ribrezzo', 'insetti, animali repellenti' e anche 'persone non simpatiche' e 'cosa che ostacola la vista', 'vista non normale'; proprio in quest'ultimo raggruppamento di voci coesistono "con -r- (di guercio < longob. *dwerh) il veneto biertzo 'chi guarda di traverso; guercio', l'italiano bircio e il toscano birchio". Al riguardo si potrebbe citare l'evoluzione semantica della forma orbo derivata "dal latino orbu(m) che in epoca classica indicava colui che aveva subìto una perdita dolorosa (significato particolare nell'ambito delle lingue indeuropee, condiviso con l'armeno e il greco, dove la voce corrispondente indica l''orfano', cioè colui che è 'privo' del padre). Da espressioni come orbus lumine (Ovidio) o orbitas luminis 'perdita di un occhio' (Plinio) si passò all'uso assoluto di orbus per 'cieco'" (DELI). Forse anche per bircio (birchio) si potrebbe ipotizzare come primario il tratto 'privo (di qualcosa di vitale)'; quindi 'privo di un occhio' e 'privo di padre' costituirebbero sviluppi paralleli e non necessariamente in stretto rapporto di derivazione; ricordiamo anche l'attestazione fornita da ALT-Web per l'area appenninica, di birchio come 'scapolo' che può intendersi come 'privo di un rapporto vitale nell'organizzazione della società tradizionale'.

A cura di Matilde Paoli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

30 ottobre 2009


Agenda eventi


Avvisi

Nuova vitalità dell’antica tradizione delle “pale accademiche”

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. La discussione è aperta.

Dare voce all’incompetenza: un grande male del nostro tempo

Avviso da Crusca

Pubblicato il nuovo Tema di Claudio Marazzini; è possibile intervenire nel dibattito commentando qui.

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'accordo tra l'Accademia della Crusca e il Ministero della Pubblica amministrazione

16 feb 2020

Un museo della lingua italiana a Firenze: la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

21 gen 2020

Istituito il Dantedì. Ogni 25 marzo Dante Alighieri sarà celebrato a livello nazionale

19 gen 2020

I manifesti futuristi dell'archivio Crusca-Memofonte al programma televisivo "Passato e presente"

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

06 nov 2019

Vai alla sezione