Bollo e bollisco, cucio e cucisco

Sono veramente tanti coloro che ci chiedono se per i verbi bollire o cucire la prima persona del presente indicativo sia bollo o bollisco, cucio o cucisco: quale delle due forme è corretta? Sono forse accettabili entrambe?

Risposta

Circa cinquecento verbi della terza coniugazione in -ire ampliano il loro tema aggiungendovi, in quattro persone del presente indicativo e congiuntivo e in una dell’imperativo, la sequenza -isc-:  il presente di agire è, per esempio, agisco, agisci, agisce, agiscono, agisca, agiscano; il presente di capire è capisco, quello di finire finisco e così via.

Un gruppo molto ristretto di questi verbi ha nel proprio paradigma sia le forme senza -isc- sia le forme con -isc-: è il caso, per esempio, di aborrire, che presenta sia aborro sia aborrisco, di mentire, per il quale sono documentati sia il tipo mento sia (molto più raramente) il tipo mentisco, e di nutrire, che presenta sia nutro sia (di nuovo più raramente) nutrisco; non sembra, invece, il caso né di bollire né di cucire, per i quali suggerisco (ecco un altro verbo in -isco!) l’uso delle sole forme senza -isc-.

Interrogando gli oltre duemila testi del Duecento e del Trecento digitalizzati e archiviati nel Tesoro della Lingua Italiana delle Origini, i mille (che vanno dal Duecento al primo Novecento) presenti nella Biblioteca Italiana Zanichelli e i cento romanzi italiani del periodo 1947-2006 raccolti nel Primo Tesoro della Lingua Italiana del Novecento, ho incontrato soltanto un bollisce in un’opera di Tommaso Garzoni (1549-1589) e un cuciscono in un racconto di Carlo Dossi (1849-1910).  

Gli altri esempi (tutti ottocenteschi) dello stesso tipo che ho raccolto curiosando in Google Libri sono talmente pochi che non consentono d’ipotizzare che queste forme abbiano (o meglio, abbiano avuto) un’effettiva circolazione nella lingua italiana: sono, piuttosto, forme occasionali, accolte da singoli scriventi e parlanti in base a un meccanismo d’inclusione analogica (finire: bollire, cucire = finisco: bollisco, cucisco).

Una conferma viene dal fatto che, fatti salvi due repertori ottocenteschi specializzati nella raccolta di forme verbali (quello di Marco Mastrofini, del 1814, e quello di Giuseppe Compagnoni, del 1817), nei testi più importanti della tradizione grammaticografica italiana (dal trattato Della lingua toscana di Benedetto Buonmattei, del 1643, alla Grammatica italiana di Luca Serianni, del 1988) di bollisco e di cucisco non si fa alcuna menzione, neppure per sconsigliarne l’uso.

 

Per approfondimenti:

 

  • Benedetto Buommattei, Della lingua toscana, a cura di Michele Colombo, Firenze, Accademia della Crusca, 2007.
  • Biblioteca Italiana Zanichelli. Biografie e trame, a cura di Pasquale Stoppelli, Bologna, Zanichelli, 2010
  • Giuseppe Compagnoni, Teorica de’ verbi italiani, Milano, Stella, 1817
  • Marco Mastrofini, Teoria e prospetto ossia Dizionario Critico de’ verbi italiani coniugati, Roma, De Romanis, 1814.
  • Primo Tesoro della Lingua Letteraria Italiana del Novecento, a cura di Tullio De Mauro, Torino, UTET, Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, 2007.
  • Luca Serianni, Grammatica italiana, Torino, UTET, 1988.

 

Giuseppe Patota

 

29 marzo 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

La chiusura del Tema di Paolo D'Achille e Rita Librandi

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura al Tema Domande e risposte ai concorsi per l’insegnamento: facciamo più attenzione è disponibile nella sezione "Il Tema".

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: in uscita un nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

L'accademico Rosario Coluccia alla trasmissione Agorà

17 ago 2022

Scomparso l'accademico Luca Serianni

21 lug 2022

MUNDI. il Museo Nazionale Dell'Italiano in anteprima

05 lug 2022

Nominati 19 nuovi accademici

29 apr 2022

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Vai alla sezione