C’è nipote e nipote

Ci sono pervenute varie domande – anche da italiani residenti all’estero – che chiedono come mai la nostra lingua abbia un unico termine, nipote, per indicare tanto il figlio o la figlia del fratello o della sorella quanto il figlio o la figlia del figlio o della figlia. A loro parere, la mancata distinzione può creare equivoci parlando con sconosciuti e costringere a successive precisazioni, tanto che c’è chi suggerisce di creare una nuova parola ad hoc

Risposta

 

C’è nipote e nipote

 

In effetti è così: nell’àmbito dei cosiddetti singenionimi, cioè dei nomi di parentela, l’italiano, mentre distingue i nonni dagli zii, non dispone – almeno nell’uso comune – di due termini diversi per indicare i rispettivi nipoti. Va inoltre notato che la parola nipote < latino nepōte(m) è ambigenere, e solo l’articolo consente la distinzione tra maschi e femmine. Questi due tratti costituiscono indubbiamente delle particolarità dell’italiano rispetto ad altre lingue, romanze e non romanze, che hanno una ricchezza terminologica molto maggiore: così, per esempio, il francese distingue neveu (maschile) e nièce (femminile), nipoti di zii, da petit-fils e petite-fille, nipoti di nonni, e così l’inglese nephew e niece da grandson e granddaughter; analogamente, in spagnolo si hanno, rispettivamente, sobrino/sobrina e nieto/nieta; anche in tedesco Neffe e Nichte sono diversi da Enkel e Enkelin.

Come risulta dalla voce del TLIO, nipote è attestato in entrambi i valori, sia al maschile sia al femminile, in testi antichi di tutte le aree geografiche italiane (in alcune delle quali si hanno però distinzioni di genere: per esempio con i femminili nepota/nipota o col maschile nevodo). L’attestazione più antica è in un documento di carattere pratico edito da Arrigo Castellani (Affitti della badia di Coltibuono) che risale alla fine del sec. XII: "Guido dela Bursella v staia d(i) grano. Rinieri lo nepote i staio alo staio picculo"; non è chiaro se Guido sia lo zio o il nonno di Rinieri.

Probabilmente, il fatto che l’italiano non distingua tra due gradi di parentela che pure sono certamente diversi si lega all’organizzazione familiare tra Tardo Antico e Alto Medioevo, che equiparava i diritti e i doveri di nonni e zii nei confronti dei figli dei fratelli o dei figli e viceversa. Ricordiamo infatti che nel latino classico il maschile nepos e il femminile neptis indicavano solo i figli del figlio o della figlia e la loro estensione al posto di filius/filia fratris o sororis risale all’epoca imperiale.

Se questa è, da secoli, la situazione dello standard, l’italiano ha però la possibilità di precisare di quale nipote si tratti. Infatti il Dizionario di Tommaseo-Bellini (d’ora in avanti TB) registra (vol. I, p. 43) abiatico come sostantivo nel senso di ‘nipote, figlio del figlio o della figlia’, riportando alcuni esempi antichi; la voce è però marcata con la croce che TB premette alle parole uscite dall’uso, croce che manca invece nel caso di abiatico aggettivo, registrato subito dopo nel senso di ‘del nonno’ e documentato con l’esempio eredità abiatica.

Certo sulla scia del TB, non solo il GDLI, ma anche vari dizionari contemporanei registrano il termine abiatico (come vivente ed esclusivamente come sostantivo), marcandolo come lombardo (GRADIT, che data la voce al 1865, anno del TB), o come settentrionale (Sabatini-Coletti e ZINGARELLI 2015, che segnalano anche la variante con -bb-, in realtà rarissima, e riportano la data del sec. XIV del primo esempio citato nel TB, privo peraltro di riscontri nel TLIO).

Il termine abiatico deriva dal latino aviatĭcus, a sua volta derivato di avus ‘avo, nonno’: così il LEI (vol. III/2, coll. 2657-2659), che ne documenta la diffusione (con varianti e derivati) in area lombarda, con irradiazioni in Piemonte e in Svizzera. Anche la carta 18 dell’AIS (oggi in rete all’indirizzo http://www3.pd.istc.cnr.it/navigais-web/), intitolata I nostri nipoti (figli del figlio) – Unsere Enkel – Nos petits-fils, mostra come i termini dialettali biadekaviadek e simili siano diffusi nella Svizzera italiana e in Lombardia tra i punti 227 (Albosaggia - SO), 244 (Sant’Omobono - BG) e 245 (Stabello - BG). Alla stessa base di abiatico sia il LEI sia il TLIO riconducano il termine abladhesi, documentato nel milanese Bonvesin de la Riva (sec. XIII).

In anni più recenti abiatico è talvolta comparso in testi letterari di autori settentrionali: un esempio si ha nel celebre romanzo Piccolo mondo antico di Antonio Fogazzaro, del 1895 ("Don Franco Maironi, l’abiatico della vecchia marchesa Orsola"); un altro nelle Novelle dal ducato in fiamme di Carlo Emilio Gadda, del 1953, particolarmente notevole perché qui il termine, al plurale, figura subito dopo nipoti: "Quali erano le persone più vicine al suo cuore, dopo la moglie e i figlioli? Erano le sorelle, i cognati, i cugini, le cugine, i nipoti, gli abiatici e i parenti tutti: le mogli dei cugini e i mariti delle cugine".

Il LEI sostiene, molto plausibilmente, che la voce latina aviaticus sia diventata un tecnicismo giuridico in epoca longobarda. In effetti anche oggi abiatico (con il femminile abiatica), da solo o posposto a nipote (e dunque con la funzione aggettivale segnalata nel TB, ma non nei dizionari più recenti), ha una certa diffusione negli studi notarili lombardi. Non so se sia usato anche altrove: non a Roma, dove, a quanto mi risulta, per la distinzione tra i diversi nipoti si usano locuzioni come “figlio del figlio” o “figlio del fratello germano” (specificazione, quest’ultima, che indica che i fratelli hanno in comune entrambi i genitori). Va peraltro segnalato che a Roma l’ambiguità del termine nipote è ancora maggiore, perché vengono tradizionalmente indicati come nipoti anche i figli dei cugini di primo o persino di secondo grado (che da quelli vengono chiamati zii), come avviene anche in altre aree del Sud, laddove invece al Nord per il complesso di questi rapporti di (non stretta) parentela si usa il termine cugino.  

Tornando alla domanda, possiamo dunque rispondere che anche in italiano per indicare o distinguere i nipoti dei nonni una parola, per giunta di trafila popolare e non dotta, c’è. O per meglio dire, ci sarebbe, perché si tratta di un termine raro, rimasto sempre confinato in usi regionali e/o settoriali oppure all’interno dei vocabolari. Perché l’intera comunità dei parlanti imparasse e facesse propria la parola abiatico (acquisendone una competenza sia attiva sia passiva), ci vorrebbe qualche canale di diffusione particolarmente efficace. Ma se per secoli l’uso nazionale non ha sentito l’esigenza di distinguere tra nipoti e nipoti, è poco probabile che la avverta oggi, quando l’abbondanza di figli unici e quindi la scarsità di zii da un lato e la crescita delle distanze generazionali dall’altro sembrano ridurre le possibilità di equivoci.

Personalmente, ricordo di aver sentito per la prima volta abiatico (anzi nipote abiatico) alla televisione, in una scenetta (o forse un breve atto unico) con il comico torinese Erminio Macario, nel varietà Macario Più, trasmesso nel 1978. Da allora non l’ho più dimenticata perché mi è parsa subito una parola “utile”. Confesso però di non avere mai avuto occasione di adoperarla; e d’altra parte, se pure l’avessi usata, non è affatto sicuro che i miei interlocutori ne avrebbero còlto il significato.

 

Paolo D’Achille 

 

6 settembre 2016


Agenda eventi


Avvisi

Bando per l'ammissione al Dottorato di ricerca "Pegaso" in "Linguistica storica, Linguistica educativa e Italianistica", XXXVII ciclo, a.a. 2021-2022

Avviso da Crusca

Il bando (progetto Pegaso) è cofinanziato dalla Regione Toscana e gode della collaborazione dell'Accademia della Crusca e dell'Università degli Studi di Siena. Scadenza della presentazione delle domande: 2 agosto 2021. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

I risultati delle prove INVALSI 2021

Avviso da CruscaIl Tema di Rosario Coluccia è in rete. Partecipa alla discussione

Chiusura estiva dell'Archivio dell'Accademia

Avviso dall'archivio

L'Archivio dell'Accademia resterà chiuso dal primo al 31 agosto.

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Crusca e Stensen per la rassegna Come parla e com'è scritto il cinema italiano. Le varietà della lingua tra dialetti, narrativa e film

02 lug 2021

Una visita speciale all'Accademia e alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

30 giu 2021

Il Purgatorio. La notte lava la mente: uno spettacolo di Mario Luzi patrocinato dall'Accademia

28 giu 2021

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione