Cancellare o scancellare? Questo il dilemma

Alcuni dei nostri lettori, da varie regioni d'Italia, ci fanno notare che nella loro esperienza scolastica il verbo scancellare è considerato erroneo, mentre in Toscana se ne fa "un uso disinvolto" e, secondo alcune fonti, "sembrerebbe corretto"; c'è anche chi suppone vi sia una "differenza" fra le due forme. A una domanda simile aveva già risposto Giovanni Nencioni sulla nostra rivista La Crusca per voi n. 15 (ottobre 1997); riproponiamo il testo di Nencioni con un piccolo aggiornamento lessicografico.

Risposta

Cancellare o scancellare? Questo il dilemma

«Sig. ra Barbara Degl'Innocenti, Firenze-Milano: Si meraviglia che nell'Italia settentrionale sia considerato erroneo l'uso di scancellare invece di cancellare. [...]

Alcuni vocabolari, anche ottimi, non degnano scancellare di un articolo proprio, ma rinviano a cancellare, dove scancellare è ricordato come forma popolare. Altri, più recenti e più accorti, lo ricordano anche come forma letteraria, di uso plurisecolare e ancora viva nella poesia di Montale. Propriamente scancellare risulta da un cancellare munito del prefisso intensivo ex. Chi vuol documentarsi della lunga e molteplice presenza di scancellare nell'uso letterario può consultare la voce dei grandi dizionari italiani Tommaseo-Bellini e "Battaglia" [GLDI ndr]. Per quanto concerne la mia esperienza non libresca, posso dire che l'ho sempre sentita, in bocca a scolari e maestri, nelle scuole toscane».

Giovanni Nencioni

La variante scancellare è registrata dalla lessicografia più recente, per quanto accompagnata da annotazioni che ne limitano l’ambito d’impiego; così è attribuita al registro familiare in GRADIT, è glossata come popolare in Devoto-Oli 2012, mentre per Sabatini-Coletti 2008 e ZINGARELLI 2013 è propria dell’uso popolare o letterario; il Vocabolario Treccani in linea la considera “forma più espressiva e popolare di cancellare” presente anche nell’uso letterario con il senso di ‘togliere, eliminare, annullare’. In quest’ultima accezione è stata usata da Capuana ("Fa male – soggiunsi involontariamente premuroso di scancellare l’impressione di quelle mie parole") e da Montale ("le luci erano a tratti Scancellate dal crescere dell’onde") [ess. riportati in Treccani].

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

23 settembre 2013


Agenda eventi


Avvisi

Nuova vitalità dell’antica tradizione delle “pale accademiche”

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. La discussione è aperta.

Dare voce all’incompetenza: un grande male del nostro tempo

Avviso da Crusca

Pubblicato il nuovo Tema di Claudio Marazzini; è possibile intervenire nel dibattito commentando qui.

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'accordo tra l'Accademia della Crusca e il Ministero della Pubblica amministrazione

16 feb 2020

Un museo della lingua italiana a Firenze: la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

21 gen 2020

Istituito il Dantedì. Ogni 25 marzo Dante Alighieri sarà celebrato a livello nazionale

19 gen 2020

I manifesti futuristi dell'archivio Crusca-Memofonte al programma televisivo "Passato e presente"

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

06 nov 2019

Vai alla sezione