Casa d’asta o casa d’aste? Case d’asta o case d’aste?

Alcuni lettori ci pongono le domande espresse nel titolo: risponde Valeria Della Valle.

Risposta

Il dubbio che riguarda le varianti possibili per il singolare e per il plurale di casa d’asta non trova risposta nei vocabolari della lingua italiana: né quelli che descrivono l’italiano di oggi né quelli storici che registrano l’italiano del passato riportano l’espressione casa d’asta o d’aste. Per rispondere al quesito dei lettori possiamo basarci, dunque, solo sull’uso, che legittima entrambe le soluzioni: una rapida ricerca in Google consente di verificare, infatti, che le numerose imprese di vendita italiane che hanno questo nome preferiscono per il singolare la denominazione casa d’aste, e per il plurale case d’aste, forme numericamente molto più comuni. In un lungo elenco in Internet delle imprese esistenti oggi in Italia si legge: “ecco la Guida alle Case d’Aste italiane, luoghi d’arte e di cultura”.

Per spiegare l’oscillazione (e quindi l’incertezza) tra le possibili varianti, bisogna ricostruire la storia della locuzione. Tutto risale alla parola asta, derivante dal latino hastam ‘lancia’: il DELI riferisce che il senso di ‘vendita all’incanto, al miglior offerente’ deriva dal fatto che anticamente si piantava un’asta nel luogo ove si ponevano in vendita i beni dei debitori del tesoro pubblico (in latino vendere sub hasta, hastae subicere). Nel Dizionario Universale critico enciclopedico della lingua italiana di Francesco Alberti di Villanova (1797) viene riportata l’espressione vendere all’asta o sotto l’asta, definita come ‘maniera di vendere all’incanto praticata dagli antichi Romani’. Nell’Ottocento i dizionari hanno continuato a registrare solo vendere o comperare all’asta: già G. Gherardini in Voci e maniere di dire italiane additate a’ futuri vocabolaristi (1838-41) segnalava l’espressione vendere sotto l’asta, vendere all’asta ‘vendere all’incanto’, appoggiandosi a una citazione tratta dal Ninfale d’Ameto di Boccaccio. E tutti gli altri vocabolari ottocenteschi hanno riproposto, più o meno, lo stesso modello. Sorprendentemente non si trovano tracce, neppure nei dizionari novecenteschi, di casa d’asta o d’aste.

A giustificare in parte l’assenza dai dizionari italiani, almeno da quelli del passato, sta il fatto che la tradizione delle auction houses inglesi, di cui casa d’asta o d’aste è un calco, ebbe inizio a Londra con l’apertura, nel 1744, dell’azienda Sotheby’s, e nel 1766 della Christie’s, destinate alla vendita di oggetti antichi, libri e opere d’arte. Questa tradizione si diffuse in Italia inizialmente col solo nome di asta. Lo testimonia il Vocabolario italiano della lingua parlata di Rigutini e Fanfani (1875), che s. v. asta spiega: «Asta, e Asta privata, Incanto che si fa da privati e per loro propria deliberazione: “Ho comprato all’asta un bello orologio da sala, una casa, un podere”». Il luogo nel quale si svolgeva la contrattazione basata sulla migliore offerta non aveva ancora assunto, a metà dell’Ottocento, una denominazione ufficiale. Solo nel 1927, nel quotidiano “La Stampa” del 18 ottobre, p. 3, in un articolo firmato con lo pseudonimo Nomenclator, si cita una casa delle aste:

Il lugubre viaggio attraverso i due mondi delle maschere mortuarie di Sacco e Vanzetti e la dispersione inumana delle loro ceneri mi fa ripensare alla recente messa in vendita alla Casa delle Aste di rue Drouot di una testa mummificata secondo i processi in uso presso gli indiani dell’America del Sud e pagata, dopo un incanto assai movimentato, tremila e cinquecentocinquanta franchi dal poeta soprarealista Andrea Breton.

Ancora nel 1941 il Vocabolario della lingua italiana della Reale Accademia d’Italia (A-C) s. v. asta riportava solo, come ultimo significato, quello di ‘vendita a gara con aggiudicazione a chi offre di più’, seguito da un esempio tratto da Verga, ma nessun riferimento al nome del luogo dove questo tipo di vendita si svolgeva. E anche nel GDLI (1961-2002) l’espressione casa d’asta non è riportata: s. v. casa si trova, però, casa di vendite, con la spiegazione ‘ove si tengono vendite all’asta’ seguita dalla citazione tratta dal romanzo La Velia di Bruno Cicognani (1943):

Su di una pedana, davanti a una tavola, il banditore – il proprietario stesso della casa di vendite, che aveva anche, per conto suo, negozio di mobili usati […] leggeva sul catalogo, via via, la descrizione del mobile.

Tutti gli altri vocabolari consultati, fino al più recente Il Nuovo Treccani (2018) registrano solo, s. v. asta, il significato ‘vendita di beni mobili o immobili fatta a gara, in cui vince chi offre di più’ e le locuzioni vendere, mettere all’asta.

Una ricerca nei cataloghi delle case d’aste romane della prima metà del Novecento conferma che tali imprese si definivano non casa d’aste ma casa di vendita: così la Innocenzi nel 1908, la Jandolo & Tavazzi nel 1914, la Giosi nel 1924, la Guido Tavazzi nel 1931 e la Ugo Jandolo nel 1936. Estendendo l’esame ai cataloghi pubblicati nel resto d’Italia, si ottengono gli stessi risultati. Ancora nel 1982 una delle più antiche imprese commerciali di questo tipo, L’Antonina, fondata a Roma nel 1890, si definiva nella pubblicità casa di vendita all’asta.

Si tratta, dunque, di un’incertezza dovuta all’oscillazione tra più possibilità, e a una denominazione che solo nella prima metà del Novecento si è andata lentamente affiancando a asta, vendita all’asta, casa di vendita. Le forme più comuni e del tutto legittime casa d’aste e case d’aste (con le più rare ma certo non sbagliate casa d’asta e case d’asta), in attesa di essere registrate nei futuri vocabolari italiani, circolano già da tempo, e abbondantemente, in rete. E sempre più spesso, purtroppo, il nome dell’impresa commerciale è seguito non da casa d’aste, ma dal termine inglese auctions.

 

Valeria Della Valle

 

26 febbraio 2019


Agenda eventi


Avvisi

Esame di Stato. Mai più senza prove scritte

Avviso da CruscaIl nuovo Tema di Paolo D'Achille è in rete. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Certificazione verde Covid-19

Avviso da Crusca

Avvisiamo che dal 6 agosto 2021, come stabilito dal Decreto Legge del 23 luglio 2021 n. 105, articolo 3 comma 3 lettera c, l’accesso alla biblioteca e all’archivio, e la partecipazione a convegni, seminari, visite guidate e qualsiasi altra manifestazione, è consentito esclusivamente a soggetti muniti di certificazione verde Covid-19 (Green Pass), fatto salve le esclusioni e le esenzioni previste dallo stesso Decreto.

Il personale dell’Accademia è incaricato, all’ingresso, di accertare il possesso dei requisiti richiesti.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Crusca e Stensen per la rassegna Come parla e com'è scritto il cinema italiano. Le varietà della lingua tra dialetti, narrativa e film

02 lug 2021

Una visita speciale all'Accademia e alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

30 giu 2021

Il Purgatorio. La notte lava la mente: uno spettacolo di Mario Luzi patrocinato dall'Accademia

28 giu 2021

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione