Certe domande non rattristano né assordano...

Ci sono arrivate molte domande sulle coppie di verbo rattristare/rattristire e assordare/assordire: si possono usare entrambe le forme? O c’è qualche differenza di significato? 

Risposta

 

Certe domande non rattristano né assordano...

 

Assordare/assordire rattristare/rattristire sono coppie di verbi che si dicono sovrabbondanti perché coprono lo stesso significato, si sviluppano da una stessa radice ma si diversificano morfologicamente, adattandosi a due coniugazioni diverse, la prima e la terza; lo stesso fanno colorare e colorire, annerire e annerare, intorbidare e intorbidire, e pochi altri. Assordare/assordire rattristare/rattristire sono entrambi verbi parasintetici, formati da un aggettivo (sordo e triste) con prefisso e suffisso di coniugazione. All’origine della seconda coppia c’è quella oggi meno usata ma più antica di attristare e attristire sostanzialmente con gli stessi significati. È uno dei casi di sovrabbondanza di parole dalla sinonimia quasi perfetta, che la lingua tende a ridurre, trattandosi, per così dire, di uno spreco semantico (due parole che dicono la stessa cosa), neanche formalmente redditizio, visto che questi verbi si assomigliano talmente anche nella forma fonica da essere quasi inutilizzabili a scopo di variatio stilistica, per evitare le ripetizioni che a noi italiani danno tanto fastidio (peraltro, a chi cerca rime l’esito da -ire e quello da -are possono ancora tornare comodi).

Il sistema tende dunque a dismettere col tempo una delle due forme, senza una prevedibile predilezione per l’una (in -ire) o per l’altra (in -are): rattristare è molto più frequente di rattristire, assordare (usato soprattutto al participio presente: assordante) sembra prevalere su assordire, come pure colorare su colorire (preferenza per -are), ma ammansire è più usato di ammansare e starnutire di starnutare (preferenza per -ire). Diversa sarà probabilmente la sorte di quei verbi detti “falsamente (meglio sarebbe dire apparentemente) sovrabbondanti” che nascono sì da una stessa radice ma hanno non solo due esiti morfologicamente distinti, ma anche un significato specifico per ognuno di essi, come impazzare/impazzire, sfiorare/sfiorire, arrossare/arrossire: in queste coppie la diversità dei significati è una garanzia per la sopravvivenza di tutte e due le forme: la forte differenza semantica esalta quella formale più debole e la rafforza.

Alla famiglia dei verbi sovrabbondanti sono assimilabili anche le coppie formate da empiere o suoi composti (adempierecompiere,riempiere) e da empire o composti (adempire, compire, riempire), di cui La Crusca per voi si è occupata  (n. 5, ottobre 1992) con un autorevole intervento di Giovanni Nencioni. In questa serie di corradicali (che recano traccia di un metaplasmo di coniugazione avvenuto nel latino volgare, dove questi verbi sono passati alla quarta dalla seconda) la copertura semantica è la stessa, ma la concorrenza di forme è ridotta, perché c’è stata di fatto una progressiva integrazione dei due paradigmi, quasi sempre a vantaggio della coniugazione in -ire (per cui adempivaadempiiadempirò) e più raramente in -ere (adempiendo). Di conseguenza le coppie finiscono per ridursi a un’unità, che solo in pochi casi (comunque di ben diversa fortuna) lascia ancora percepire la vecchia dittologia morfologica (compie/compisce).

Rattristare e rattristire, assordareassordire sono dunque supersinonimi, un lusso che la lingua comune tende a non permettersi. Poiché non è pensabile che i meno usati delle due coppie, rattristire eassordire, si facciano forti di un significato specifico, che per assordire non c’è e per rattristire sarebbe quello, secondario e raro, di ‘avvizzire’ (detto di fiori o piante), è probabile che fra pochi decenni nessuno abbia più i dubbi dei nostri lettori.

 

Vittorio Coletti

 

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

10 febbraio 2017


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo gli studiosi che l'Accademia resterà chiusa venerdì 3 giugno.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere all'Archivio non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Norme di accesso alla sede dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo che dal 1° maggio, a norma del D.L. 24 marzo 2022 n. 24 e dell'Ordinanza del Ministero della Salute del 28 aprile 2022, per accedere ai locali dell'Accademia, all'Archivio e alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere all'Archivio dell'Accademia non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere alla Biblioteca non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Basili & LIMM: in rete la nuova banca dati dedicata agli scrittori immigrati in lingua italiana e alla letteratura italiana della migrazione mondiale

Avviso da Crusca

La banca dati è disponibile negli Scaffali digitali.

Dalla Consulenza linguistica tre risposte a settimana

Avviso da Crusca

Dall'inizio di Gennaio, nella sezione "Consulenza linguistica" del nostro sito sono pubblicate tre risposte a settimana, invece delle consuete due. Grazie all'impegno di accademici, redattori e collaboratori disponiamo di un buon numero di risposte pronte: avremo così modo di ridurre i tempi di attesa di coloro che si sono rivolti a noi.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio Vitale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Vai alla sezione