Colazione, pranzo e cena: questioni di orario

A Monica, Mauro ed Enrico che ci scrivono da Roma per dirimere la questione che vivacizza ogni loro condivisione del pasto delle 13, ovvero se stanno consumando un pranzo o una colazione, rispondiamo con un brano dell'articolo Fare pranzo o mangiare pranzo? Cenare una pasta? Merenda o spuntino? Pranzo o cena? Consigli di lingua, non di dieta! di Annalisa Nesi, pubblicato sul n. 47 (II, 2013) della Crusca per Voi.

Risposta

Colazione, pranzo e cena: questioni di orario

«Aprendo una pagina di Google dopo aver digitato pranzo o cena, pranzare o mangiare, appaiono subito i dubbi alimentari degli italiani: le richieste sulla dieta degli adulti e dei bambini, sull'opportunità di saltare il pranzo o di fare cene leggere o merende nutrienti. Ma il conforto del medico o del dietologo non è l'unico che gli italiani possono ricercare in fatto di “pasti” e anche le loro denominazioni, in un momento di cambiamento linguistico nel quale le forme del parlato affiorano sempre più, possono richiedere il consiglio dell'esperto.

[...]

La lingua standard denomina quattro pasti nell'arco del giorno colazione, pranzo, merenda e cena e da questi sostantivi si sono formati i verbi denominali colazionare, pranzare, merendare, cenare, ciascuno con la sua storia e di antica attestazione. Colazionare, assai presente oggi nei blog, ha ricevuto da Tommaseo un giudizio “estetico”, ma anche la constatazione di un uso non frequente nell'Ottocento: «Tuttavia taluno lo dice, ma non è bello» (N. Tommaseo, B. Bellini, Dizionario della lingua italiana, 1861-1879). Il Petrocchi ne sottolinea la connotazione scherzosa (P. Petrocchi, Novo dizionario universale della lingua italiana, 1894) che, a mio avviso, ha anche merendare. Quest'ultimo, di nuova vita nella comunicazione in rete, è presente anche nei dizionari contemporanei, ma ritenuto di basso uso o non comune.

[...]

pranzo si riferisce ormai prevalentemente al pasto di mezzogiorno (che però talvolta viene ancora definito colazione: si pensi all’espressione colazione di lavoro), ma nelle situazioni ufficiali (come ricevimenti, convegni, festeggiamenti) vale 'banchetto, convito' (pranzo di nozze, pranzo di laurea) e denomina anche la cena (GRADIT, DISC). L'insieme delle denominazioni a questo punto cambia: prima colazione, seconda colazione, pranzo. Gli stessi parlanti ne dimostrano un acquisito uso specifico se, traendo ancora dalla banca dati della LinCi [ndr: A. Nesi,. T. Poggi Salani, La Lingua delle città LinCi. La banca dati, Firenze, Accademia della Crusca, 2013], alla domanda 21 “pasto della sera” (accanto all'ovvio e generalizzato cena) troviamo la dichiarazione d'uso di pranzo (un informatore pistoiese appartenente alla generazione più giovane fra le tre sottoposte ad inchiesta) e l'interessante osservazione di un informatore di Alessandria che constata come “negli alberghi di lusso” si denomini pranzo la cena».

 

Annalisa Nesi

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

3 giugno 2014


Agenda eventi


Avvisi

Nuova vitalità dell’antica tradizione delle “pale accademiche”

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. La discussione è aperta.

Dare voce all’incompetenza: un grande male del nostro tempo

Avviso da Crusca

Pubblicato il nuovo Tema di Claudio Marazzini; è possibile intervenire nel dibattito commentando qui.

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'accordo tra l'Accademia della Crusca e il Ministero della Pubblica amministrazione

16 feb 2020

Un museo della lingua italiana a Firenze: la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

21 gen 2020

Istituito il Dantedì. Ogni 25 marzo Dante Alighieri sarà celebrato a livello nazionale

19 gen 2020

I manifesti futuristi dell'archivio Crusca-Memofonte al programma televisivo "Passato e presente"

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

06 nov 2019

Vai alla sezione