Cosa si fa, oggi, con lo scanner?

L'operazione di 'acquisire immagini con lo scanner' da quale verbo è indicata? La domanda che ci pongono alcuni utenti ha già avuto risposta sul nostro sito. A distanza di oltre venti anni dalla risposta di Giovanni Nencioni sul n. 9 della Crusca per voi (ottobre 1994) e di tredici dall'aggiornamento pubblicato sul nostro sito, proviamo di nuovo a fare il punto della situazione.

Risposta

Cosa si fa, oggi, con lo scanner?

Rispetto alla chiusa dell'aggiornamento del 2002 che offriva  un ampio ventaglio di opzioni pressoché indifferenziate per  'acquisire le immagini attraverso lo scanner', si è oggi passati a una situazione in cui è possibile, quanto meno, individuare una alternativa "forte".
La seconda edizione del GRADIT (2007), oltre a eseguire una scansione, registra ancora ben sei forme verbali: scannerizzare, scansionare, scansire, scandire, scannare, scannerare, glossato quest'ultimo come non comune. Di queste solo scannerizzare, sempre secondo lo stesso dizionario, ha prodotto dei derivati: scannerizzabile e scannerizzazione.
Nel Sabatini-Coletti 2008 troviamo registrati scannerizzare e scannare, per 'sottoporre ad analisi o lettura con scanner', e anche scandire la cui definizione è 'analizzare e decomporre in punti un'immagine'; non troviamo invece, in questo dizionario, scansionare, scansire scannerare.
D'altra parte scannare, dato come non comune nel Vocabolario Treccani online, non si trova né in ZINGARELLI 2014, né in Devoto-Oli 2014; scansire non è registrato da ZINGARELLI 2014 né dal Treccani; scannerare, non comune in Treccani, non è accolto dal Devoto-Oli 2014; infine lo stesso Treccani non registra scansionare.

Quindi le uniche due forme verbali registrate in tutti i dizionari esaminati sono scannerizzare e scandire, benché quest'ultimo con qualche distinguo semantico.

Un sondaggio condotto in rete (dati estratti da Google il 28.04.2015) conferma la progressiva affermazione di scannerizzare ("scannerizzare  un documento" ha 594 occorrenze totali dal 2000 a oggi, di cui 530 negli ultimi 5 anni e 96 nei primi quattro mesi del 2015) e all'opposto la scarsa vitalità di scannare ("scannare un documento" ha nove attestazioni dal 2000 a oggi e una soltanto al 28 aprile 2015). Altrettanto "leggere" risultano le testimonianze di scannerare e scansire, e anche di scandire. Peso rilevante hanno infine le attestazioni di scansionare:  "scansionare un documento" è testimoniato da  337 documenti in rete dal 2000 a oggi, di cui 288 a partire dal 2010 e  40 nel primo quadrimestre 2015.

Scansionare dunque, almeno per la rete, si mostra come il concorrente più accreditato di scannerizzare che resta comunque, anche per la lessicografia, il favorito.

 

A cura di Matilde Paoli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

Piazza delle lingue: Lingua e saperi

4 maggio 2015


Agenda eventi


Avvisi

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Un nuovo libro elettronico per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo: L’italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti

14 ott 2020

Il Premio Pavese 2020 a Elton Prifti e Wofgang Schweickard

13 ott 2020

Trent'anni di "Crusca per voi"

07 ott 2020

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

05 ott 2020

Al Bargello due mostre dedicate a Dante, con la collaborazione dell'Accademia

24 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Vai alla sezione