Costruzione con il verbo volere seguito da participio passato

In molti (tra cui Leonardo Piliego, Carlo De Naro Papa) ci chiedono spiegazioni sulla costruzione di volere seguito da un participio passato, del tipo voglio spedita una lettera, vuoi offerto un gelato?

Risposta

Costruzione con il verbo volere
seguito da participio passato

La costruzione con il verbo volere seguito dal participio passato è presente in italiano in alcune espressioni che si sono fissate nell'uso, del tipo voglio fatta giustizia, lo voleva morto, volle eretto un tempio, vorrei fissata la data, ecc. In questi casi è chiaro che siamo di fronte all'abbreviazione di una proposizione dipendente retta da congiunzione (voglio che sia fatta giustizia, voleva che morisse, volle che fosse eretto un tempio, vorrei che fosse fissata una data).

Questo tipo di costruzione nell'Italia meridionale si è estesa fino a prevedere che il participio passato sia riferito direttamente al soggetto, quindi, per riprendere gli esempi proposti, voglio spedita una lettera per voglio che mi sia spedita una lettera, vuoi offerto un gelato per vuoi che ti sia offerto un gelato. Anche tra gli stessi dialetti meridionali possiamo distinguere più gradazioni per cui se, ad esempio, nel siciliano il participio è ancora legato all'oggetto (es. vogghiu 'mparata la via 'voglio che mi sia insegnata la via'), nel calabrese e nel salentino esso si presenta strettamente riferito al soggetto (es. calabrese a camisa vole lavata 'la camicia deve essere lavata').

Si tratta quindi di un uso diffuso soprattutto nell'italiano parlato delle regioni meridionali, da sostituire, negli usi scritti, con la forma esplicita, quindi con la congiunzione e, dove necessario per evitare ambiguità, la specificazione del soggetto.

Per approfondimenti:

  • G. Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti, Torino, Einaudi, 1969, par. 738.

A cura di Raffaella Setti
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

28 marzo 2003


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura dell'Accademia

Avviso da CruscaLa sede dell'Accademia resterà chiusa il 29 marzo 2024.

Visita dell'ultima domenica di marzo

Avviso da Crusca

ATTENZIONE: Per concomitanza con le feste, la visita all'Accademia della Crusca dell'ultima domenica del mese di marzo si terrà domenica 24 marzo 2024 ore 11.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Italiano e inglese nei corsi universitari: la lettera aperta del Presidente dell'Accademia al Rettore dell’Alma Mater Studiorum e alla Ministra dell’Università

23 feb 2024

Giornata Internazionale della lingua madre: il contributo video del presidente dell'Accademia Paolo D'Achille

21 feb 2024

"Sao ko kelle terre... Piccola storia della lingua italiana": la Compagnia delle Seggiole in scena alla Villa medicea di Castello con uno spettacolo dedicato alla storia dell'italiano

25 gen 2024

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

25 gen 2024

Scomparso l'Accademico Angelo Stella

15 dic 2023

Corso di formazione per insegnanti Le parole dell’italiano: idee e pratiche efficaci per insegnare e apprendere il lessico

15 nov 2023

25 ottobre 2023: il Collegio della Crusca nomina 10 nuovi accademici

27 ott 2023

Aspettando la Piazza delle lingue: quattro incontri all'Accademia della Crusca

05 ott 2023

Vai alla sezione