Da quando ho o da quando avevo dieci anni?

Sono molti gli utenti, fra cui Norma Monza da Veniano (Como), Luigi Mugnaioni da Ponsacco (Pisa), Stefania Romano da Palermo, Ilenia Bartucca da Genova, Arturo Giuliani da Milano, che ci chiedono se siano corrette espressioni come "da quando sono piccolo ...", "da quando ho 20 anni ..." e simili; al quesito ha risposto Luca Serianni sull'ultimo numero de La Crusca per voi (n. 37, ottobre 2008).

Risposta

Da quando ho o da quando avevo dieci anni?

 

"È più corretto dire "da quando avevo dieci anni" o "da quando ho dieci anni"? Lo chiede Cristian Vita.

 

Le proposizioni temporali che ci propone il nostro lettore sono di tipo incoativo (indicano il momento dal quale si sviluppa una certa azione), e presuppongono una reggente col tempo presente; per esempio: «da quando avevo / ho dieci anni, prendo solo un caffè per colazione». Il tempo verbale è determinato dalla durata dell'azione, che può arrivare a coinvolgere il momento dell'enunciazione oppure no. Nel primo caso il tempo è ovviamente il presente: «da quando ho l'uso della ragione, rifletto sempre prima di parlare» (avere l'uso della ragione è un'azione perdurante nel momento in cui questa frase viene detta); nel secondo caso, il tempo dovrebbe essere l'imperfetto: «da quando avevo dieci anni» (li ho avuti per 365 giorni, tra il nono e l'undicesimo anno, non li ho più nel momento in cui pronuncio questa frase). L'uso del presente, fortemente colloquiale, si spiegherà con la tendenza a ridurre il ventaglio dei tempi verbali al presente affidando a elementi lessicali la determinazione temporale. In altre parole: la presenza del connettivo da quando offre l'informazione sintattica essenziale (temporale incoativa) e l'uso del tempo verbale (avevo/ho) diventa secondario. È esattamente quel che sta avvenendo con la riduzione del futuro in presenza di avverbi temporali di posteriorità (Domani parto invece di Domani partirò).

Spiegare un uso linguistico incipiente (e come tale fonte di dubbi per il parlante più avvertito) non significa però promuoverlo, almeno ai livelli di lingua più sorvegliati. Ci conforta in questo senso l'uso degli scrittori contemporanei, che possiamo ricavare dal Primo tesoro della lingua letteraria italiana del Novecento di T. De Mauro (2007; corsivi miei): «Io sono cattolico, invece, fin da quando avevo un mese d'età» (Elsa Morante); «è la prima volta da quando avevo diciassette anni» (Andrea De Carlo); «"E da quando tuo padre ti violenterebbe?" "Da quando avevo sette anni"» (Dacia Maraini). Compare invece il presente in un discorso diretto fortemente colloquiale, da Non ti muovere di Margaret Mazzantini: «Scopo da quando ho dodici anni»".

 

Luca Serianni

23 gennaio 2009


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

La chiusura del Tema di Paolo D'Achille e Rita Librandi

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura al Tema Domande e risposte ai concorsi per l’insegnamento: facciamo più attenzione è disponibile nella sezione "Il Tema".

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: in uscita un nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

L'accademico Rosario Coluccia alla trasmissione Agorà

17 ago 2022

Scomparso l'accademico Luca Serianni

21 lug 2022

MUNDI. il Museo Nazionale Dell'Italiano in anteprima

05 lug 2022

Nominati 19 nuovi accademici

29 apr 2022

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Vai alla sezione