Da stasera scriviamo stasera

Sono arrivate molte richieste circa la grafia e la pronuncia corretta di stasera, facendo riferimento, in particolare, alla possibilità di raddoppiare la s, come non di rado si sente nel parlato (anche alla TV) e si trova talvolta perfino nello scritto. Come si spiega la (abusiva) presenza della doppia? 

Risposta

 

Da stasera scriviamo stasera

 

Cominciamo subito col precisare che si dice e scrive stasera non stassera, esattamente come si dice e scrive stamattina e non stammattina. Da dove nasce però il dubbio? Probabilmente dal fatto che lo sta iniziale del composto (sta+sera) è interpretato come se fosse il monosillabo tonico sta del verbo stare (terza persona del presente indicativo e seconda dell'imperativo) e non come il residuo aferetico e atono o debolmente tonico dell'aggettivo dimostrativo (e)sta, frequente nelle parlate toscane e settentrionali e nell'italiano, specie in quello regionale e che in questo caso (come in stamattina o in stavolta) si è graficamente legato alla parola seguente. Poiché sta (verbo) produce in italiano standard, come altri monosillabi forti e qualche altra parola, raddoppiamento fonosintattico, cioè l'intensificazione della consonante iniziale della parola che lo segue, da esso separata o ad esso unita nel composto (e in questo caso anche la grafia lo rivela: “stavvi Minos orribilmente e ringhia”, “stammi a sentire”), per analogia si tende a rafforzare la s di sera che invece resta tenue (e quindi graficamente scempia), perché il monosillabo che la precede è uguale al verbo sta anche se non ha la sua forza tonica.

Una curiosità. Nel GDLI la grafia stassera è attestata in Goldoni. Come mai un veneto, ci si chiederà, un parlante settentrionale, meno di altri (centromeridionali) incline ai raddoppiamenti, quello fonosintattico in testa (i problemi dei bambini del nord Italia con la grafia di soprattutto sono proverbiali e dipendono proprio dall'assenza di raddoppiamento fonosintattico nella lingua regionale)? Il fatto è che la s di sera in stasera è sorda, pur essendo, a rigore, intervocalica e quindi, in genere, nell'italiano settentrionale, sonora. Ma, a parte che nei dialetti settentrionali c'è s intervocalica sorda dopo quel che resta del dittongo au, tipo cosa (ROHLFS 1966 §211), la s di sera resta sorda in stasera anche nel nord Italia, perché si avverte ancora la sua posizione di consonante iniziale, sia pure del secondo termine del composto (sta- sera). Ora, spesso, le grafie dialettali del nord Italia hanno rappresentato la sibilante sorda intervocalica (pur sempre eccezionale in quei sistemi fonetici) con la doppia s,attestandone o favorendone (in ligure, ad esempio) anche una pronuncia quasi intensa. Così Goldoni ha scritto stassera come, lo ricorda Serianni nella sua Grammatica, in veneto scriveva cossa (cosa). Anche le rese, scritte e orali, di stassera, che si leggono in qualche romanzo (come si evince consultando il corpus DiaCORIS) o si sentono non di rado anche in televisione, sono probabilmente dovute all'impegno fonetico a mantenere la sorda e a non scivolare nella sonora, come si è tentati di fare, per ragioni diverse, sia a nord sia al centrosud.

Per limitarci però al dato ortografico, penso che l'errata grafia in stassera, sia dovuta, oltre che a ragioni fonetiche (regionali), alla pressione di sta, verbo molto comune, col suo raddoppiamento fonosintattico obbligato, registrato, come abbiamo visto, anche dall'ortografia in casi di univerbazione. Come anticamente si scriveva (Annibal Caro traduzione dell'Eneide): “Scilla dentro a le sue buie caverne / Stassene (= se ne sta) insidiando” , così oggi qualcuno è tentato di scrivere stassera. Ma sbaglia.

 

Vittorio Coletti

 

12 luglio 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione