Diffidare a fare o dal fare qualcosa?

Poiché continuano a giungere richieste a proposito del significato del verbo diffidare, pubblichiamo la risposta di Bice Mortara Garavelli su La Crusca per voi n. 36 (aprile 2008).

Risposta

Diffidare a fare  o dal fare qualcosa?

 

 

«Francesco Mosca è disorientato dall'uso specialistico del verbo diffidare e chiede se si debba intendere come 'intimare a non fare' o 'intimare a fare'.

 

Il sostantivo diffida, attestato nella lingua italiana come termine specialistico dal 1812, significa 'intimazione a fare o ad astenersi dal fare qualcosa'. Con tale significato è registrato nei dizionari italiani dell'uso. Nel codice civile l'articolo 1454 ha la seguente intitolazione (propriamente detta "rubrica"): "Diffida ad adempiere". E il primo comma dello stesso articolo recita: "Alla parte inadempiente l'altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine, con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s'intenderà senz'altro risoluto".

 

Una ricerca (condotta agevolmente con gli attuali mezzi informatici) in un ampio corpus della legislazione italiana (i 4 codici e 350 leggi complementari), documenta l'uso del nome diffida e del verbo diffidare nel senso, rispettivamente, di "intimazione" e di "intimare a fare". Due soli esempi fra i molti: "...previa diffida a provvedere nei successivi trenta giorni (art. 24, d.lg. 490/1999)"; "...il Ministro dell'ambiente diffida il Presidente della Giunta regionale a provvedere entro un congruo termine..." (art. 13, d.lg. 22/1997).

 

Si tratta dunque di un'espressione non, come vorrebbe l'estensore del quesito, "errata", ma pienamente corretta e appropriata negli usi sia comune sia specialistico».

 

Bice Mortara Garavelli

27 febbraio 2009


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione