Discombugoggla-che?

Dalla rivista «Wired», che uscirà a febbraio 2009 in versione italiana, è arrivata una richiesta di informazioni sulla parola discombugogglamento. Pubblichiamo qui di seguito la risposta, che è uscita in forma abbreviata nel numero 0 alla fine di ottobre. A seguito di questo primo contatto è stata avviata una collaborazione con l'Accademia che avrà una rubrica fissa nei prossimi numeri.

Risposta

Discombugoggla-che?

La fine dell'estate ha portato in Italia un termine di nuovissima coniazione proveniente, come ormai la maggior parte delle parole nuove, dall'inglese: discombugogglamento. Comparsa in alcuni articoli di giornale, sia a stampa sia in rete, la parola indica una sorta di malattia da astinenza da Internet, che si manifesta in modo più acuto quando per qualche motivo non si riesce ad accedervi, ma che tende a presentarsi anche se una pagina tarda a comparire per la lentezza della connessione. La "malattia" è stata riscontrata, secondo un sondaggio, in quasi metà della popolazione inglese; indagine inglese, notizia inglese, parola inglese: discomgooglation. Per capire come nasce questa parola non si può che partire da qui: secondo un tipico processo di incrocio (quello che, ad esempio, da smoke e fog dà origine a smog), chi ha coniato la parola (certo con la voglia di scherzarci anche un po') ha sovrapposto discombobulation 'scombussolamento' e Google, il motore di ricerca che, grazie al suo successo, può rappresentare il mondo della rete in generale. Giocando su un'assonanza chiara e trasparente agli anglofoni, la parola definisce quindi uno 'scombussolamento da Google (e quindi da rete)'.

 

Fin qui tutto fila perfettamente. Invece in italiano la traduzione passiva, con un adattamento fonetico piuttosto singolare di Google, che diventa Goggle, finisce per far venir meno il principio di base della neoconiazione, soprattutto se creativa: usare elementi e meccanismi morfologici trasparenti che suggeriscano al lettore/ascoltatore il significato della nuova parola. Nel nostro caso l'adattamento discongugolamento avrebbe, almeno, reso più evidente il riferimento a google; ma, anche così, quanti sarebbero in grado di svelare cosa c'è dietro discon-? Sarebbe invece bastato usare (almeno dove è possibile) i materiali italiani corrispondenti per ricreare lo stesso gioco che sta alla base della parola di partenza: come avverrebbe, ad esempio, con scombugugolamento. Anche questa parola può piacere o meno agli italiani (anche io mi colloco tra quelli che si "accontenterebbero" di stress da Google), e rimane antieconomica e ostica; ma almeno conserva, e rispetta, le regole linguistiche di efficacia e trasparenza che danno forza alla parola inglese.

 

Non c'è da preoccuparsi comunque: se la parola è probabilmente destinata a rimanere effimera anche nella sua lingua d'origine, in italiano la scarsa trasparenza, unita alla sua lunghezza e impronunciabilità (credo che l'attesa di sentirla articolare da qualcuno crei ansie maggiori della stessa "malattia"), non le offrono grandi possibilità di imporsi nell'uso (le attuali 10.000 occorrenze di Google - appunto - non devono fuorviare; si tratta del consueto tamtam della rete attorno a una curiosità recente). Ma la lingua, che è un organismo vitale e sorprendente, potrebbe stupirci, e dare spazio anche a questa curiosa parola; forse, viste le sue caratteristiche fonetiche, in un nuovo scioglilingua: se lo scombussolamento di google si volesse discombugogglerare, vi discombugogglereste voi per discombugogglerare lui?

 

A cura di Marco Biffi
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

Piazza delle lingue: Media

31 ottobre 2008


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione