E’ v’abbaia la volpe

Un lettore di Verona chiede informazioni sull'origine e sul significato “profondo” del detto e’ v’abbaia la volpe che conosce come riferito a un luogo dove è pericoloso andare.

Risposta

Il detto e’ v’abbaia la volpe, cioè ‘lì abbaia la volpe’ è attestato in questa forma, con e’ pronome neutro impersonale rafforzativo tipico della tradizione toscanista, in autori di questo filone letterario: è registrato come proverbio nel Vocabolario degli Accademici della Crusca, già a partire dalla prima edizione del 1612, ed è documentato in opere di autori toscani quattro-cinquecenteschi del filone comico, Giovanni Maria Cecchi, Luca Pulci e altri, come riportano Tommaseo e Bellini nel loro Dizionario della lingua italiana chiosando “di luogo dove è pericoloso l’andarvi”.

Una locuzione simile è documentata anche oggi in aree dialettali settentrionali, ma, secondo l’analisi di Ottavio Lurati nel bello e utile Dizionario dei modi di dire (Lurati 2001, s.voce volpe, p.1039), ha un significato ben diverso, quello di ‘prendere una sbornia’: “A Campo Val Maggia si parlava di ciapà la volp oppure si spiegava la boia la volp nel significato di ‘prendere, avere una sbornia’: letteralmente ‘prendere la volpe’ e ‘abbaia la volpe’” (si noti il tempo passato, a indicare un uso non più attuale). Al riferimento alla sbornia viene poi da Lurati associato il riferimento alla fame: “U baiava la volp ‘abbaia la volpe’, mi spiegava qualche anno fa (1986) in Vall’Anzasca un montanaro che ricordava di essere stato tormentato per tre giorni dalla fame per essersi perso nella neve”, con l’aggiunta, che mi pare importante, della frequente commutazione, nei modi di dire, di volpe e lupo, per cui “il motto sulla volpe compare all’interno dell’area di diffusione del tipo locuzionale il lupo abbaia nel senso di ‘i morsi della fame mi attanagliano’”.

Dunque, possiamo da queste testimonianze lessicografiche prendere atto dell’esistenza del detto e’ v’abbaia la volpe nella tradizione letteraria toscana a indicare un luogo di pericolo, forse a partire dall’avvicinamento tra la volpe e il lupo come abitanti di boschi e luoghi selvaggi. Ma notiamo anche che un detto molto simile è documentato in tempi recenti in area dialettale settentrionale con un significato diverso, dato che alla parola volpe viene associato il significato di ubriachezza o di fame: due significati lontani tra loro ma accomunati da un senso di negatività, come negativo, del resto, è il senso di pericolo del detto antico toscano.

Aggiungerei forse che il pericolo è evocato anche, in aggiunta, dal verbo abbaiare, che accentua l’aggressività del verso della volpe, già di per sé inquietante: il verbo preciso per il verso della volpe è guaiolare, mentre abbaiare si può considerare il suo sinonimo più comune (Vocabolario Treccani online s.v. abbaiare: “Il verbo è adoperato anche per indicare la voce della volpe, in quanto simile a quella del cane: Avevano finalmente visto arrivare la volpe, che andava abbaiando e uggiolando tra le macchie [Capuana]”).


Ilaria Bonomi

29 settembre 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione