Eleggibile o eligibile? Gemelli separati alla nascita

Paola C. e Giuseppe C., entrambi di Roma, ci chiedono se eleggibile e eligibile possano essere usati in riferimento a qualcuno che è in possesso dei requisiti richiesti per svolgere un’attività o partecipare a uno studio clinico. Claudio M., dalla provincia di Livorno, scrive di aver letto sui quotidiani il termine eligibilità a lui del tutto nuovo e vorrebbe conoscerne il rapporto con eleggibilità. Nicola G. da Bari nota che nei bandi di concorso si leggono spesso espressioni come "Criteri di eleggibilità: sono eleggibili ai fini dell'ottenimento del contributo i candidati...". Ritiene che si tratti di un calco sull’inglese to be eligible for ‘avere diritto a’, ‘essere in possesso dei requisiti per’. E si domanda se non sarebbe più corretta una formulazione come "Requisiti di ammissione: sono ammissibili, ai fini dell'ottenimento del contributo, i candidati...". Infine Uranio M., che ci scrive dalla provincia di Viterbo, ritiene che vi sia una differenza di significato tra eligibile / eligibilità e eleggibile / eleggibilità: a suo parere è eligibile “colui che è idoneo […] ha i requisiti richiesti per un determinato scopo. Eleggibile invece [è] colui che ha requisiti e idoneità per essere eletto, ossia nominato ad assumere una carica o ruolo specifico".

Risposta

I verbi eleggere e eligere sono due allotropi, ovvero due forme (leggermente) diverse che provengono dalla medesima base latina eligĕre ‘scegliere, preferire’. Mentre eleggere ha subito un adattamento fonologico nel passaggio dal latino al toscano, eligere è un latinismo colto che ha mantenuto intatta la forma latina. Si tratta di vocaboli le cui prime attestazioni risalgono al XIII secolo, ma che hanno avuto diversa fortuna nel corso del tempo. È importante notare, infatti, che mentre eleggere è presente in tutte le edizioni del Vocabolario della Crusca, eligere non vi compare mai, se non come vocabolo latino. Di fatto, dunque, eligere è una variante arcaica di eleggere, così come eligibile lo è di eleggibile e eligibilità di eleggibilità.

L’evoluzione semantica del verbo eleggere ha fatto sì che oggi il significato più comune sia quello di ‘innalzare a una carica, a un ruolo, mediante votazione’: i cittadini eleggono i deputati e i senatoriè stato appena eletto il nuovo presidente della Camera. In tale contesto eleggibile (aggettivo o sostantivo) si riferisce alla qualità di chi può essere eletto a una determinata carica: dichiarare un candidato (non) eleggibile; allo stesso modo, eleggibilità si riferisce al possesso dei requisiti per poter essere eletto: valutare l’eleggibilità dei candidati. Tuttavia eleggere ha mantenuto, anche se oggi appare desueto, il significato di ‘scegliere, preferire fra più persone o cose’: eleggere qualcuno a amico del cuore; ho eletto la Toscana come la mia regione prediletta. Come spesso accade, inoltre, il linguaggio burocratico conserva usi scomparsi o rari nella lingua comune; è il caso di eleggere il proprio domicilio, formula con la quale si specifica per iscritto il domicilio presso cui si vogliono ricevere comunicazioni ufficiali.

Quanto a eleggibile (o eligibile) in particolari contesti come bandi pubblici, atti concorsuali, o selezioni di pazienti, non c’è dubbio che si tratti di un calco semantico dall’inglese elegible; sarebbe pertanto preferibile scrivere i seguenti candidati posseggono i requisiti richiesti ai fini dell'ottenimento del contributo, piuttosto che i seguenti candidati sono eleggibili ai fini dell'ottenimento del contributo.

Claudio Giovanardi

 

26 giugno 2018


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione