Elementi fatici

In molti chiedono chiarimenti sull'uso di elementi fatici come vede e guardi. Rispondiamo con le parole che, a tale proposito, ha scritto Giovanni Nencioni ne La Crusca per Voi (n° 22, aprile 2001).

Risposta

Elementi fatici

«Vede, veda e guardi non sono vere parole ma gettoni fatici, che cioè servono ad avviare o mantenere un colloquio richiamando l'attenzione di una persona da cui desideriamo essere ascoltati. Tanto è vero che, tolti dall'isolamento allocutivo e inseriti come parole in una catena sintattica, usurpano le strutture sintattiche proprie di altri verbi e non usano quelle appartenenti al loro uso proprio. Si dice, per esempio, vedi di far presto quando non c'è nulla da vedere, e l'uso proprio, cioè ottico e metaforico del verbo vedere, regge il complemento oggetto: vedo un bel tramonto; non ci vedo nessuna convenienza. Nella frase vedi di far presto il verbo vedere sostituisce impropriamente il verbo cercare assumendone la costruzione con la preposizione di. Lo stesso avviene col verbo più intenso ma sempre improprio guardare nella frase guarda di far presto o guarda di non fare imprudenze.

Queste sostituzioni di parole proprie con parole improprie usurpanti le strutture sintattiche delle sostituite sono fenomeni della lingua parlata e ricorrono spontaneamente anche nel parlare delle persone colte, che le eviterebbero scrivendo. Appartengono quindi non alla grammatica della lingua scritta, ma legittimamente alla grammatica della lingua parlata, che ha regole, consuetudini e compiti propri. Il parlante o manca dei valori oggettivamente e intellettualmente comunicativi della lingua scritta o correttamente parlata, oppure possedendoli li evita, perché preferisce attuare conversazioni pragmatiche e associative che sono di grande importanza sociale e hanno una indispensabile funzione vicaria della comunicazione colta.»

 

25 giugno 2003


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione