Maestranza e maestranze

Sono arrivate varie richieste per sapere se l’uso del singolare maestranza sia altrettanto corretto del plurale maestranze e se il termine possa essere usato col significato di ‘caporeparto’. Una lettrice chiede se sia accettabile usare maestranza in luogo di maestria per indicare “grande abilità nel fare qualcosa”.

Risposta

Per rispondere ai vari quesiti chiariamo subito che il termine maestranza, derivato da maestro con l’aggiunta del suffisso -anza, è attestato (anche nelle varianti antiche maistranza, mastranza), fin dalla fine del Cinquecento. La maggior parte dei dizionari contemporanei (Garzanti, GDLI, GRADIT, Palazzi-Folena, Sabatini-Coletti, Vocabolario Treccani, Zingarelli) registra maestranza al singolare, aggiungendo, però, che il termine è usato soprattutto al plurale. I repertori citati danno della parola, con minime differenze l’uno dall’altro, questa definizione: ‘insieme di operai che lavorano in un arsenale, in un cantiere marittimo, in un complesso industriale o anche nel settore edile’, seguita dagli esempi “le maestranze della Fiat”; “le maestranze portuali”; “le maestranze di bordo”; “l’assemblea, lo sciopero delle maestranze”. Oltre al significato riportato, i dizionari registrano anche quelli di ‘corporazione d’arte o mestieri’ e di ‘incarico d’insegnamento in una scuola’, ma segnalandoli con le marche ant[ico], ob[soleto] o con una croce, per indicare che si tratta di accezioni non più in uso. La consultazione del GDLI, unico dizionario storico tra quelli citati, conferma che il singolare maestranza era più comune anticamente, progressivamente sostituito dal plurale maestranze: l’ultimo autore dal quale viene riportato un esempio di tale uso è Riccardo Bacchelli, nel romanzo Oggi, domani e mai, del 1932. Due dizionari (il De Felice-Duro e il Devoto-Oli) si distinguono dagli altri perché registrano il termine solo nella forma maestranze, con l’indicazione della categoria grammaticale “s.f. pl.”.

Anche la consultazione dell’archivio elettronico del “Corriere della Sera” conferma l’uso indicato dai dizionari: le ultime apparizioni del singolare maestranza, nei titoli e negli articoli, risalgono alla fine degli anni Venti del secolo scorso, progressivamente sostituiti dal plurale. In conclusione, possiamo dire che per indicare genericamente un ‘insieme di lavoratori’ la forma oggi comune e diffusa è il plurale maestranze.

Sull’uso di maestranza col significato di ‘caporeparto’, quanto già detto esclude tale possibilità: il termine caporeparto indica, infatti, solo ‘chi dirige ed è responsabile di un reparto in un’industria, in un’azienda’.

Infine, per quanto riguarda maestranza in luogo di maestria, la maggioranza dei dizionari segnala che questo uso è da considerarsi antico e obsoleto. Già il Tommaseo-Bellini (1861-1879) avvertiva con il simbolo della croce che si trattava di un valore solo antico (e infatti le citazioni con esempi di tale uso si fermavano al Seicento). Naturalmente si può far ricorso a maestranza in luogo di maestria in usi volutamente ironici o scherzosi, purché si abbia consapevolezza che si sta usando un termine ormai desueto per indicare l’abilità di qualcuno nel fare qualcosa.


Valeria Della Valle

11 dicembre 2023


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura dell'Accademia

Avviso da CruscaLa sede dell'Accademia resterà chiusa il 29 marzo 2024.

Visita dell'ultima domenica di marzo

Avviso da Crusca

ATTENZIONE: Per concomitanza con le feste, la visita all'Accademia della Crusca dell'ultima domenica del mese di marzo si terrà domenica 24 marzo 2024 ore 11.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Italiano e inglese nei corsi universitari: la lettera aperta del Presidente dell'Accademia al Rettore dell’Alma Mater Studiorum e alla Ministra dell’Università

23 feb 2024

Giornata Internazionale della lingua madre: il contributo video del presidente dell'Accademia Paolo D'Achille

21 feb 2024

"Sao ko kelle terre... Piccola storia della lingua italiana": la Compagnia delle Seggiole in scena alla Villa medicea di Castello con uno spettacolo dedicato alla storia dell'italiano

25 gen 2024

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

25 gen 2024

Scomparso l'Accademico Angelo Stella

15 dic 2023

Corso di formazione per insegnanti Le parole dell’italiano: idee e pratiche efficaci per insegnare e apprendere il lessico

15 nov 2023

25 ottobre 2023: il Collegio della Crusca nomina 10 nuovi accademici

27 ott 2023

Aspettando la Piazza delle lingue: quattro incontri all'Accademia della Crusca

05 ott 2023

Vai alla sezione