Non mi conta questa cosa…” è frase corretta?

Una lettrice (che scrive da Varese) chiede se la frase “non mi conta questa cosa”, nel senso di “questa cosa non ha importanza per me / non vale per me”, “questa cosa non mi importa” sia grammaticalmente corretta e, quindi, accettabile.

Risposta

Per entrare nel merito del quesito occorre, in primo luogo, descrivere per sommi capi la vicenda storico-linguistica del verbo italiano contare:

    (a) con il risalire alla sua origine latina (§ 1) e ai suoi possibili confronti con forme parallele attestate in ambito indoeuropeo (§ 1.1);
    (b) con il confrontare gli esiti di contare con alcune altre e parallele forme romanze (§ 1.2);
    (c) con l’esaminare le attestazioni di contare e dei relativi valori semantici (§ 2).

        Tale percorso permetterà di esprimere (§ 3) un parere, motivato, in merito al quesito posto dalla cortese lettrice.

        1. L’italiano contare – verbo sia transitivo che intransitivo, attestato dal sec. XIII – è continuazione del latino computāre < cŭm ‘insieme’ + putāre ‘calcolare / contare’ ed è esito diretto, per via popolare, della base latina, alla quale risalgono anche e per altro (ma per via dotta) le forme computare ‘calcolare’ / ‘contare’ e compitare ‘leggere con lentezza, separando e pronunciando uno a uno i suoni, sillabando con cura' > 'sillabare’: computare e compitare mantengono e ripropongono, di fatto, la struttura del verbo latino e, in quanto tali, sono senz’altro da classificare come latinismi: uno dottissimo, computare, assolutamente fedele alla forma-base; l’altro, compitare, meno fedele sì alla forma base, ma pur sempre rispettoso della sua struttura.

        Il latino computāre nel valore di ‘calcolare, computare’ (cfr. Giovenale, Satira 6, 199: facies tua computat annos “il tuo aspetto assomma i tuoi anni” > “rivela la tua età”), si alterna con il valore generico di ‘tenere conto di, mettere nel computo’ > ‘valutare’ e con quelli, più specifici, di ‘fare calcoli gretti e meschini’ (in Seneca), ‘calcolare, pensare, considerare’ > ‘stimare’ / ‘reputare’ (in Cipriano), di ‘onorare, tenere in gran conto’ (in Autori cristiani), di ‘attribuire’ / ‘imputare’ (in Agostino e nel Digesto) e, infine, di ‘diminuire’ / ‘accorciare’ (in Apuleio).

        Il verbo semplice putāre nasce in ambiente agricolo e il suo valore primario è quello di ‘pulire’ / ‘mondare’ > ‘potare’ > ‘purificare’; cfr. Varrone, R.R. (Rerum rusticarum) 2.2.18: uellus lavare ac putare “lavare e pulire il vello [sc. di ovini]” e sempre in Varrone, R.R. 1.1. ricorre la spiegazione del verbo putāre come purum facere e, parallelamente, ne è spiegato il derivato putātor come colui che arbores puras facit “monda / pota gli alberi”. E, anzi, proprio da questo valore semantico sarebbe derivato quello di ‘tagliare / segmentare’ > ‘contare / calcolare’ e poi di ‘giudicare / pensare’, probabilmente per attrazione del gr. λογίζομαι. Del resto, questa doppia valenza semantica di ‘mondare / tagliare > potare’ e di ‘calcolare / pensare’ si ritrova, rispettivamente, la prima nei composti amputāre ‘recidere’ / dēputāre ‘tagliare via’, la seconda nei composti imputāre ‘mettere in conto’ / disputāre ‘regolare i conti’ > ‘esaminare’ > ‘discutere’.

        1.1. Dal punto di vista storico-linguistico è interessante notare che il latino putāre – oltre che con il latino pŭtus ‘schietto’ (cfr. Giurista minore: pūrus (ac) pŭtus ‘puro e semplice’ > ‘bello e buono’ > ‘perfetto’; e l’antica formula pūrus pŭtusque) – e pūrus ‘puro’ prevedono un probabile rapporto anche con le voci sanscrite pūtaḥ ‘purificato’ e pūtiḥ: quest’ultima forma sanscrita è del tutto parallela a lat. pŭter / pŭtris che, dal valore di ‘potato / mondato’ > ‘pulito’ acquista quello di ‘molle / friabile’ > ‘marcio / floscio’ (cfr. Ovidio XV, 43: putres ibat in cineres  “si dissolveva in molle cenere”). In ambito indoeuropeo il latino putāre ha per altro confronti sicuri con le forme del lituano piáuti ‘tagliare’ e piúklas ‘strumento per tagliare > sega’.

        2. Il latino computāre – oltre ai già menzionati esiti dell’it. contare / computare e compitare, l’uno popolare, gli altri due dotti – continua ampiamente in ambiente romanzo nei valori di ‘contare’ e di ‘enumerare’ > ‘fare un resoconto’ > ‘raccontare’ / ‘narrare’: così cfr. antico dalmatico (veglioto) computà ‘contare’, ladino quintèr ‘contare’, francese compter ‘contare’ vs. conter ‘raccontare’ (il francese distingue, dal punto di vista grafematico, i due significati!), catalano contàr ‘contare’ e ‘raccontare’, spagnolo e portoghese contar ‘contare’ e ‘raccontare’.

        2.1. Quanto alla vicenda storica del solo verbo italiano contare – ossia della forma che continua direttamente, per via popolare, il latino computāre – occorre distinguere tra valori del verbo in quanto transitivo (§ 2.2) e in quanto intransitivo (2.3).

        2.2. Nel valore di verbo transitivo, l’italiano contare prevede i seguenti valori:

        • ‘numerare progressivamente cose, animali, persone e verificarne il numero’ (Elegia giudeo-italiana [sec. XII - XIII], V-36-94: “Chi poe contare l’altri tormenti …”; Camillo Sbarbaro, Liquidazione: “Han contato a lume di candela il guadagno…”).
        • ‘calcolare, computare, racchiudere in un numero determinato; limitare’ (Giovanni Villani, Cronica VI-53: “Allora si cominciò la buona moneta d’oro fino […] e contavasi l’uno soldo venti”; Benedetto Croce, La poesia e la letteratura italiana nel Seicento, “La critica” XXV, 1927: “I poemi eroici, che vennero alla luce nel corso del secolo, si contano a centinaia”). Una precoce, e autorevolissima, attestazione di tale senso ricorre anche in Dante (Purg. XIII, 22), là dove Dante e Virgilio, giunti in cima alla scala che li conduce entro la seconda cornice del Purgatorio, si mettono in cammino e percorrono circa un miglio procedendo spediti e di buona lena: “Quanto di qua per un migliaio si conta / tanto di là eravam noi già iti, / con poco tempo, per la voglia pronta…” (Dante, Purg. XIII, 22-24).
        • ‘versare, sborsare danaro; pagare in contanti; saldare’ (Archivio Datini – Memoriale 1385: “Pensa a mandare i conti […] acciò che noi possiamo contare […] e non avere nessun pensiere”: Alessandro Manzoni, Promessi Sposi, XXII: “[di scudi] dette ordine che tanti se ne contasse ogni anno dalla sua cassa particolare a quella della mensa”).
        • ‘annoverare, ascrivere; comprendere nel computo, mettere nel conto; (Iacopo Passavanti (XIV sec.), Lo specchio della vera penitenza, 127: “Questa cotale vergogna, che s’ha nella confessione […] si conta tra l’altre opere penose della soddisfazione e della penitenza”; Riccardo Bacchelli, Bella Italia: novelle, fiabe e racconti: “E contavano uomini di merito non volgare, che l’attitudine romagnola allo studio delle lettere e delle leggi […] avevano vanamente consunto e corrotto”).
        • ‘tenere conto, considerare’ (Vocabolario degli Accademici della Crusca, V ed., s.v.: “Quel pover uomo, neanche in casa sua lo contan nulla”).
        • ‘avere, possedere, ottenere, riguardare come proprio’ (Torquato Tasso, La Gerusalemme liberata, I, 41 “Conta costui per genitor latino / degli avi Estensi…”; Luigi Pirandello, Il turno, II: “Gli abiti suoi più recenti contavano per lo meno vent’anni”).
        • ‘dire, raccontare, narrare, riferire, far sapere, manifestare’ (Brunetto Latini, Il Tesoretto, v. 2545: “Con questi miei pensieri / me n’andai a li frati, / e tutti i miei peccati / contai di motto in motto”; Giovanni Verga, I Malavoglia: “Egli badava agli affari suoi […] ed era inutile stare a contare ragioni”).

        2.3. Nel valore di verbo intransitivo, l’it. contare prevede i seguenti valori:

        • ‘avere importanza, avere un valore, un significato; valere’ (Note al Malmantile, I-194: “Nel quale [giuoco] si dicono cartaccie quelle che non contano, e che sono di niun valore”; Vocabolario degli Accademici della Crusca, V ed. s.v.: “Questa partita non conta, perché mancava una carta…”).
        • detto di persona e in senso assoluto può valere ‘avere autorità, credito, potenza; esercitare un’influenza’ (Filippo Pananti, Il poeta di teatro, VII 4: “Gli altri uomini sarebber buona gente / ma per disgrazia non contavan niente”; Giovanni Verga; I Malavoglia: “Piedipapera si infilò il giubbone di furia […] giacchè lui non contava nulla in casa”; Carlo Cassola, Il taglio del bosco: “La madre non aveva mai contato nulla nemmeno prima”).
        • ‘fare assegnamento su una persona, su una promessa, su una speranza, su un evento’ (Carlo Cattaneo, Scritti economici, I-139: “L’impresa d’una strada ferrata tra Venezia e Milano … dovrebbe contare più sul trasporto delle persone che delle merci”; Alberto Moravia, Gli indifferenti: “La sola persona sulla quale si poteva contare per una simile combinazione era Leo”).

        2.4. Ai valori di verbo transitivo e intransitivo dell’it. contare, vanno aggiunti quelli assoluti, nei significati di ‘proporsi, attendersi, sperare’ (Vincenzo Monti, Epistolario, vol. III: “Io contava di passare in Napoli dentro una settimana”; Italo Svevo, Senilità, p. 527: “Emilio […] contava d’esser di ritorno tra poco; Corrado Alvaro, Settantacinque racconti: “Andò a trovare sua madre. Era distante, ma contava di farcela in una giornata, a piedi”).

        3. L’it. contare, nel senso di ‘avere importanza, valere, avere un significato’, detto di cose e persone, è bene acclimatato nel percorso storico-linguistico dell’italiano: se mai, nella frase “non mi conta questa cosa”, proposta nel quesito e nel valore di “questa cosa non ha importanza per me / non vale per me” > “questa cosa non mi importa”, è interessante osservare la presenza del proclitico mi continuante lat. mihi, dativo (etico o di vantaggio) del pronome di prima persona ricorrente per altro anche in espressioni parallele del tipo mi pare bene; mi spiace doverti dire, ecc.

        Va segnalato che tale dativo (etico o di vantaggio) può ricorrere anche nel caso di pronomi proclitici di seconda, terza persona singolare (ti, gli/le) o di prima, seconda, terza persona plurale (ci [< *hīcce], vi, gli): “non ti/gli/le/ci/vi/gli conta questa cosa”.

        Si tratta, insomma, di un uso del tutto lecito del verbo contare, così come utilizzato in relazione sia a persone (es.: “tu in questa vicenda non conti nulla” [sc. non importi niente]) che a soggetti inanimati (ad es.: “le tue parole contarono moltissimo” [sc. ebbero forte influenza]; “ciò che tu pensi conta davvero poco” [sc. ha poco peso]). E, del resto, una semplice indagine attraverso la consultazione di Google libri (tramite ItTenTen20 su sketchengine.eu) attesta il frequente ricorrere del verbo contare in tale accezione, dal passato a oggi. Di seguito segnalo qualche esempio, diacronicamente significativo:

        1786 - Pietro Chiari, Il Diogene nella botte [s.i.p.]: Non si cerca di questo, che ciò non conta nulla. Si cerca se a tuo padre vendette una fanciulla […] e dove sta costei.

        1837 - “La Moda. Giornale dedicato al bel sesso”, II, p. 386: tutto ciò che dire, ma il titolo dell’articolo non va bene, e già sapete che io non fo complimenti […] L’avete letto e dite che ciò non conta? Perché è del vostro amico Piazza?

        1880 - “Giurisprudenza italiana”, XXXII, p. 131: ciò non importa […] non conta che delle passibilità. Né si obietti che il Zamboni si trova attualmente nelle identiche condizioni in cui…

        1889 - “L’eco di San Tommaso d’Aquino. Periodico scientifico letterario”, X, p. 97: Non per altro io credo che per maggior brevità. Non è forse così? […] Il vero perché non… ciò non conta un fico…

        1938 – “Case d’oggi. Edilizia e arredamento”, p. 65: Non va bene così […] Ma questo non conta. Venne l’ultima ‘Triennale’ e ognuno sperò che il direttore…

        2015 - Tyler Cowen, La media non conta più. Ipermeritocrazia e futuro del lavoro [s.i.p.]: ciò che conta nella società di internet non è più la media ma l’eterogeneità intorno alla media. Ciò che conta non è più la media ma se uno o una si colloca sopra o sotto la media…

        2018 – Christine Merril, La vendetta dello zingaro (eLit) [s.i.p.]: non aveva alcuna colpa in ciò che era accaduto tanti anni prima indipendentemente dalla maledizione di Jaelle: a XY conta; non per voi forse...

        2022 - Angelo Cannatà, Se questo è un paese. Uno sguardo sul nostro tempo [s.i.p.]: questo non conta per persone capaci di sostenere tutto e il contrario di tutto, anche che B. è ancora fondamentale nello scenario politico italiano…

        Infine, una riflessione sul fatto che, in merito alla frase “non mi conta questa cosa” nel valore di ‘questa cosa non ha importanza per me / non vale per me’ > ‘questa cosa non mi importa’, può essere intervenuto, e per pura assonanza, un incrocio con frasi parallele, del tipo “non mi consta questa cosa” e “non mi torna questa cosa” nel significato di ‘questa cosa non mi risulta’ > ‘non vale per me’: questo uso di tornare, forse, influenzato da retroterra dialettali di matrice settentrionale, tutti da indagare. Alla base del possibile incrocio è quindi da porsi, da un lato, l’assonanza tra contare e constare: quest’ultimo verbo, intransitivo e in forma impersonale, può ricorrere nel valore di ‘apparire evidente’ > ‘risultare chiaro/valido’ (es. “non mi consta che le cose siano andate così”; “per quanto mi consta i dati sono sufficienti”); ma anche, d’altro canto, non è da escludere l’influsso del verbo it. tornare nei suoi valori simili di ‘risultare giusto, coerente (detto di un calcolo)’, attestato già agli albori della vicenda storico-linguistica dell’italiano (Paolo dell’Abbaco [Paolo Dagomari, XIII-XIV sec.]: “Ragiungni 2/3 e 2/5 di terzo fae 4/5. E ecco che torna bene”); o di ‘risultare gradito, piacevole’ (Massimo D’Azeglio Epistolario (1819-1866): “A me certo torna più fare il regalo che comprarlo”); o di ‘avere importanza, essere rilevante’ (Giambattista Giuliani, Delizie del parlar toscano: “Noi s’è cercato di zolfare le viti appena che avean messe le prime foglie […]. Si zolfa a tutte l’ore, guazzosa o asciutta che sia la vite, non torna”).

        Qualche precisazione, infine, e in merito ai due verbi italiani constare e tornare: l’it. constare è un latinismo secco, di matrice dotta (< lat. cŏnstāre [< cum + stāre]), attestato in italiano dal sec. XIV; il lat. cŏnstāre continua comunque, direttamente e per via popolare, nell’it. costare ‘avere un valore’ > ‘avere un prezzo’: es. “questo libro costa molto” (per parallele continuazioni romanze di lat. cŏnstāre cfr. anche: logudorese costare, friulano kostár, francese coûter, provenzale/catalano/spagnolo costar, portoghese custar); l’it. tornare, attestato dal sec. XIII, continua direttamente il lat. tornāre ‘lavorare al tornio’ [< tŏrnum], ‘far girare’ a sua volta dal gr. τορνεύειν/torneúein ‘lavorare al tornio [τόρνος/tórnos], far girare’). Continuazioni del lat. tornāre – verbo che ha occupato gran parte del dominio semantico del lat. volvĕre – sono ampiamente diffuse in ambito romanzo: romeno turna, logudorese torrare, engadinese turner, francese tourner, provenzale/catalano/spagnolo/portoghese tornar.

        Nota bibliografica:

        Per le diverse accezioni di contare e tornare e per le relative citazioni letterarie cfr. GDLI s.vv.

        • Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, il Devoto-Oli minore. Vocabolario della lingua italiana con DVD.Rom, Firenze, Le Monnier, 2013.
        • Alfred Ernout, Antoine Meillet, Dictionnaire étymologique de la langue latine. Histoire des mots, Paris, Klincksieck, 1994.
        • Egidio Forcellini (et al.), Lexicon totius Latinitatis, vol. I, Bologna, Forni / Padova, Gregoriana, 1965.
        • GEDEA Grande Dizionario della Lingua Italiana, vol. II, Milano, De Agostini Editore, 2004.
        • Peter Geoffrey William Glare, Oxford Latin Dictionary, Oxford, The Clarendon Press, 1994.
        • Wilhelm Meyer-Lübke, Romanisches etymologisches Wörterbuch, Heidelberg, Winter, 1935.
        • Michiel de Vaan, Etymological Dictionary of Latin and other Italic Languages, Leiden-Boston, Brill, 2008.
        • Alois Walde, Johannes B. Hoffmann, Lateinisches etymologisches Wörterbuch, Heidelberg, Winter, 1930-1954.
        • Walter von Wartburg, Franzosisches etymologisches Wörterbuch. Ganzlich neubearbeitete Ausgabe von Band 1, Basel, Zbinden, 1969-1983.

        Emanuele Banfi

        24 aprile 2024


        Agenda eventi

          Evento di Crusca

          Collaborazione di Crusca

          Evento esterno


        Avvisi

        Accesso estivo all'Archivio

        Avviso dall'archivio

        L'Archivio dell'Accademia della Crusca resterà chiuso per tutto il mese di agosto 2024.

        Chiusura estiva dell'Accademia

        Avviso dalla biblioteca

        Gli uffici e la Biblioteca dell'Accademia della Crusca resteranno chiusi dal 12 al 23 agosto 2024.

        Vai alla sezione

        Notizie dall'Accademia

        Visita straordinaria di domenica 23 giugno 2024

        05 giu 2024

        Italiano e inglese nei corsi universitari: la lettera aperta del Presidente dell'Accademia al Rettore dell’Alma Mater Studiorum e alla Ministra dell’Università

        23 feb 2024

        Giornata Internazionale della lingua madre: il contributo video del presidente dell'Accademia Paolo D'Achille

        21 feb 2024

        "Sao ko kelle terre... Piccola storia della lingua italiana": la Compagnia delle Seggiole in scena alla Villa medicea di Castello con uno spettacolo dedicato alla storia dell'italiano

        25 gen 2024

        Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

        25 gen 2024

        Scomparso l'Accademico Angelo Stella

        15 dic 2023

        Corso di formazione per insegnanti Le parole dell’italiano: idee e pratiche efficaci per insegnare e apprendere il lessico

        15 nov 2023

        25 ottobre 2023: il Collegio della Crusca nomina 10 nuovi accademici

        27 ott 2023

        Vai alla sezione