Plexiglas o plexiglass?

Ci sono pervenute molte domande sulla corretta grafia di plexiglas: la parola deve essere scritta con una o con due s?

Risposta

Prima di dare una risposta sarà utile ricostruire brevemente la storia del termine.
All’inizio del Novecento il chimico tedesco Otto Röhm con il socio Otto Haas avviò in Germania le ricerche sugli acrilati, che nel 1933 portarono all’invenzione del polimetilmetacrilato (in sigla PMMA), una resina artificiale usata per lastre, lamine e tubi in luogo del vetro, per la sua maggiore infrangibilità e trasparenza: le fu dato il nome di Plexiglas, composto di plexus, participio passato del verbo latino plectĕre ‘intrecciare’ (a motivo della struttura polimerica) e dal sostantivo tedesco Glas ‘vetro’. Plexiglas è un marchio registrato fin dal 1933 dalla società Röhm & Haas GmbH (dal 1971 Röhm GmbH) con sede a Darmstadt, che vende i prodotti in tutto il mondo, tranne che negli Stati Uniti. Ciò si deve al fatto che nel 1909 nacque a Filadelfia una filiale americana della ditta tedesca. Nel 1917, con l’entrata della Germania in guerra, la filiale fu sequestrata, ma alla fine del conflitto fu restituita a Otto Haas, che viveva negli Stati Uniti dal 1909, e la società, con il nome di Röhm & Haas Company, iniziò la produzione e la commercializzazione del polimetilmetacrilato, che sul mercato americano acquisì una s in più, trasformandosi in Plexiglass.

Per quanto riguarda l’uso del termine nella nostra lingua, il DELI  registra il termine nella grafia plexiglas, come voce inglese datata 1935, composta di plexi- e glass ‘vetro’. La data della prima attestazione italiana secondo il DELI risale al 1949, perché in quell’anno la nuova parola fu registrata nel Dizionario tecnico inglese-italiano, italiano-inglese di Giorgio Marolli (Firenze, Le Monnier, 1949, p. 604). E nel 1950 Bruno Migliorini inserì la voce Plexiglas, definita ‘una materia plastica’, nell’Appendice di ottomila voci al “Dizionario Moderno” di Alfredo Panzini.

Il termine è registrato come sostantivo maschile nei dizionari della lingua italiana sempre e unicamente nella forma plexiglas, con una sola -s finale: quasi tutti i repertori (Garzanti, GRADIT, Sabatini-Coletti, Zingarelli) fanno derivare il nome commerciale dall’inglese, mentre altri (Devoto-Oli  e Vocabolario Treccani) lo dichiarano solo nome commerciale e marchio registrato.

I dizionari di lingua inglese oscillano tra le due forme: plexiglas, secondo il Webster’s Third New International Dictionary e il Collins English Dictionary; ma plexiglass secondo il Merriam-Webster Dictionary; l’Oxford English Dictionary registra plexiglas ma prevede anche la variante plexiglass; il Dizionario delle lingue italiana e inglese Sansoni nella parte Inglese-Italiano registra plexiglass e lo traduce con plexiglas. Infine un accenno alla pronuncia: quasi tutti i dizionari italiani accolgono sia la pronuncia plèxiglas sia la pronuncia plexiglàs, e così fa anche il DOP, che registra entrambe le pronunce.

Con il termine plexiglass, il più delle volte con due s, sono indicati in modo generico gli oggetti in polimetilmetacrilato: in corrispondenza con la pandemia da virus SARS-CoV-2, a partire dall’aprile 2020 c’è stata una grande diffusione, nei titoli e negli articoli dei quotidiani, di “box in plexiglass”, “barriere e pannelli di plexiglass”, “banchi separati con il plexiglass” e simili.

L’interrogazione in Google fa prevalere la forma plexiglas, con 25.000.000 risultati, mentre plexiglass ne ha 22.900.000. Tornando alla domanda sulla grafia corretta della parola, pur non potendo considerare sbagliata la forma plexiglass, conviene attenersi a quella lemmatizzata dai dizionari italiani, cioè plexiglas, corrispondente al nome scelto in origine dall’inventore tedesco.

Valeria Della Valle

7 luglio 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione