Riguardo a qualcosa o riguardo qualcosa?

Fabio R., insegnante della provincia di Padova, ci scrive: "sempre più frequentemente la locuzione preposizionale riguardo a qualcosa viene sostituita da riguardo qualcosa. Devo correggerlo nei compiti dei miei alunni?". Domande analoghe ci pongono Letizia M., dalla provincia di Perugia, Anna Maria P., da Genova, e molti altri utenti.

Risposta

Nell’italiano letterario recente e attuale la prevalenza del tipo riguardo a è generale. Nel Primo Tesoro della Lingua Letteraria Italiana del Novecento (un CD-Rom che contiene i testi di cento romanzi italiani del periodo 1947-2006, sessanta vincitori del Premio Strega più altri quaranta), a fronte di decine di esempi del tipo con a, ho trovato soltanto due esempi del tipo senza a (in Alessandro Barbero, Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo: "riguardo gli Stati Uniti", e in Eraldo Affinati, Campo del sangue: "una totale consapevolezza riguardo la nostra inappellabile finitudine").   

Quanto all’italiano dell’uso, i vocabolari che lo descrivono (Devoto-Oli 2014, GARZANTI, GRADIT, Sabatini-Coletti 2008, Vocabolario Treccani, ZINGARELLI 2016) inventariano soltanto la forma riguardo a, l’unica considerata corretta dalla Grammatica Treccani (p. 391): un’indicazione, per ora, del tutto condivisibile, alla quale mi associo senz’altro.

Tuttavia, il fatto che molte persone abbiano chiesto di sciogliere il dubbio relativo a questa opposizione induce il sospetto che il tipo senza a sia relativamente diffuso. È proprio così: una rapida interrogazione degli archivi di tre importanti quotidiani italiani ("la Repubblica", "Il Corriere della Sera", e "La Stampa") dimostra che, in media, ogni cinque attestazioni del tipo con a ce n’è almeno una del tipo senza a. Riporto, a titolo di esempio, la lista delle prime dieci che ho tratto dall’archivio di "Repubblica" il 24 marzo 2016, precisando che i sondaggi condotti sugli altri due quotidiani hanno prodotto risultati analoghi: "protesta riguardo all'accordo Ue-Turchia", "è accusato di non essere neutrale riguardo al territorio del Sahara Occidentale", "negoziati riservati tra Usa e Ue riguardo al Ttip" (24 marzo 2016); "Il Papa, riguardo gli attentati terroristici di Bruxelles, ha rivolto un appello", "riguardo alle intercettazioni sulla camorra" (23 marzo 2016); "vorranno apportare innovazioni, per esempio riguardo al perimetro dei paesi in cui Generali è presente" (21 marzo 2016); "riguardo al disciplinare Unesco" (16 marzo 2016); "Lo ha detto Elsa Fornero, riguardo alla riforma che porta il suo nome" (8 marzo 2016); "non vi è nessuna informazione riguardo l’apertura del confine" (3 marzo 2016); "intesa saltata fra Pd e M5S riguardo alla legge sulle unioni civili"  (21 febbraio 2016).

Nella Grammatica Treccani si ipotizza, a mio avviso plausibilmente, che l’accoglimento della forma senza a sia dovuto all’analogia con l’uso correttamente transitivo del verbo riguardare in costruzioni del tipo per quanto riguarda qualcosa, per ciò che riguarda qualcosa. Finché le proporzioni numeriche fra il tipo riguardo a x e il tipo riguardo x saranno queste, sarà lecito considerare corretto soltanto il primo; ma se, fra qualche anno, l’incidenza del secondo dovesse crescere, grammatici e lessicografi dovranno prenderne atto e considerare ammissibili entrambe le costruzioni. Vedremo.   

 

Per approfondimenti:

 

  • Il Vocabolario Treccani, Grammatica, consulente scientifico Giuseppe Antonelli, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2013. 
  • Primo Tesoro della Lingua Letteraria Italiana del Novecento, a cura di Tullio De Mauro, Torino, UTET, Fondazione Maria e Goffredo Bellonci 2007.

 

Giuseppe Patota

 

21 giugno 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione