Somigliare, assomigliare, rassomigliare

Ci sono pervenute molte domande che chiedono se ci sia o no qualche differenza di significato tra somigliare, assomigliare e rassomigliare, se tutti e tre i verbi possono essere usati negli stessi contesti e se ce n’è uno da considerare più corretto degli altri. 

Risposta

 

Somigliare, assomigliare, rassomigliare

 

Somigliare, assomigliare e rassomigliare sono tre verbi che hanno la stessa base etimologica e sono sostanzialmente equivalenti sul piano del significato, che è quello di ‘essere simile a qualcuno (o a qualcosa) nella forma, nell’aspetto, nelle caratteristiche, nelle qualità, ecc.’.

Somigliare deriva dal latino volgare *simĭlĭāre, a sua volta derivato dall’aggettivo similis ‘simile’; assomigliare è formato dal precedente con l’aggiunta del prefisso a(d)- rafforzativo (aggiunta che potrebbe essere avvenuta già nel latino volgare); rassomigliare deriva dal precedente con un ulteriore suffisso, r(i)-, che in questo caso non indica una ripetizione, ma ha ancora valore intensivo. Dunque, sul piano puramente formale, ci sarebbe una gradualità tra i tre verbi e in effetti soltanto somigliare può anche significare semplicemente ‘sembrare, parere’; ma in realtà, nell’uso comune, sono da considerare sinonimi.

Tutti e tre i verbi sono documentati in italiano già dal Duecento; soprattutto per assomigliare nei testi antichi è diffusa la variante assimigliare, più vicina all’etimo latino (il passaggio della prima i a o si spiega con la prossimità della m ed è analogo a quello che è avvenuto in domanda, domandare rispetto a dimanda, dimandare, dal lat. demandare). Tutti e tre i verbi, secondo il GRADIT, rientrano nel cosiddetto “vocabolario di base”, cioè nelle circa 7.000 parole più frequenti, che ogni italiano conosce e usa (anche se, assomigliare sembra più frequente di somigliare e questo più di rassomigliare, chepare caratterizzarsi come forma di un registro più elevato). Tutti e tre i verbi sono oggi, nel loro significato fondamentale, intransitivi e ammettono come ausiliare sia avere sia essere. Tutti e tre i verbi, infine, possono essere usati transitivamente nel senso di ‘paragonare’, ‘confrontare’; ma si tratta di un’accezione prevalentemente letteraria (specie per somigliare), oggi piuttosto rara, come quella di ‘rendere simile’, propria solo o soprattutto di assomigliare, usato anche qui come transitivo.

Ci sono senz’altro contesti in cui la scelta di chi parla o chi scrive si orienta prevalentemente per l’uno o per l’altro verbo: si assomigliano o s’assomigliano, col si riflessivo (o meglio reciproco), sembra più frequente di si somigliano, e invece l’espressione chi si somiglia si piglia è diventata proverbiale. Di una fotografia o di un ritratto diciamo che è molto somigliante all’originale, piuttosto che assomigliante o, men che meno, rassomigliante. È anche possibile che l’uso dei tre verbi sia diversamente distribuito a seconda delle regioni, con prevalenza ora dell’uno ora dell’altro. Ma tutti e tre sono corretti e sostanzialmente interscambiabili: la lingua in questo caso ci consente di scegliere liberamente quello che, di volta in volta, preferiamo.

 

Paolo D’Achille 

10 giugno 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione