Fare fulcro e fulcrale

Un lettore ci chiede chiarimenti sulla correttezza dell’espressione fare fulcro; altri ci scrivono stupiti dall’assenza nella lessicografia dell’aggettivo fulcrale che conoscono come usata in espressioni come “è un ruolo fulcrale”, “costituisce un punto fulcrale”.

Risposta

Per rispondere alle domande che riguardano l’espressione fare fulcro e l’aggettivo fulcrale il controllo sui principali dizionari della lingua italiana (Devoto-Oli, Garzanti, GDLI, GRADIT, Sabatini-Coletti, Vocabolario Treccani, Zingarelli) permette di verificare che il termine fulcro indica in meccanica ‘l’asse di rotazione e il punto d’appoggio di una leva’ e poi, in senso figurato, ‘il sostegno, l’appoggio, il motivo o elemento centrale’ e ‘il punto fondamentale, centrale’. Per testimoniare il valore figurato sono presenti, nei vari repertori, le frasi il fulcro di una questione; il fulcro di una dimostrazione; il fulcro di un discorso; il fulcro un’iniziativa; il fulcro del problema; il fulcro del dibattito e simili. Nelle locuzioni citate fulcro equivale, dunque, a ‘centro’, ed è facile immaginare il passaggio dal più comune e tradizionale fare centro al fare fulcro che ha destato la perplessità del lettore: si tratta di uno slittamento dovuto alla preferenza, tra due espressioni, per quella meno comune. Nonostante non sia registrata nei dizionari, non si può considerare l’espressione fare fulcro grammaticalmente scorretta, ma solo dettata dal desiderio di rendere il proprio discorso o il proprio scritto più tecnico e specialistico.

Quanto a fulcrale, il termine non è registrato, per ora, nei dizionari della lingua italiana e non compare negli archivi dei quotidiani. L’esempio più antico per ora rintracciato risale al discorso pronunciato dal senatore Vincenzo Bellisario, che l’11 luglio 1961, intervenendo nella discussione relativa al disegno di legge sull’ammissione dei diplomati degli Istituti tecnici alle Facoltà universitarie, disse: “dobbiamo per forza di cose mettere il dito sulla piaga, affrontare questo punto cruciale che rappresenta appunto l’elemento determinante, direi l’elemento fulcrale per cui oggi si parla – e giustamente – di una crisi della scuola”. Molti altri esempi di fulcrale sono presenti nei discorsi pronunciati al Senato della Repubblica negli anni successivi, tutti consultabili in rete. In aggiunta, nella seduta dell’Assemblea Regionale Siciliana del 16 luglio 2014 si parlava di “ruoli apicali e fulcrali”, e nella relazione del primo incontro internazionale a Praga sul progetto Erasmus (23 maggio 2019) è citato “Il punto fulcrale dell’incontro”. L’aggettivo s’incontra anche in tesi dottorali pubblicate in rete, in cui l’espressione “elementi fulcrali” è molto frequente. Il settore in cui il termine è usato più spesso è l’ortopedia: nei siti consultabili si trovano riferimenti al “tratto toracico fulcrale”, alla “deformazione dei metameri dorsali fulcrali”, al “disallineamento metamerico nel tratto fulcrale”, ai “corpi vertebrali fulcrali” al “livello dorsale fulcrale” e simili. In tutte le occorrenze rintracciate l’aggettivo è sempre usato per indicare la posizione centrale di qualcosa, che si tratti di un concetto o di un organo. Possiamo ipotizzare che l’abitudine a usare un aggettivo non registrato, finora, in nessun dizionario della lingua italiana sia stata favorita, nel corso del tempo, anche dalla diffusione in testi di àmbito medico, dell’inglese fulcral ‘relativo al fulcro, al centro’. Non si può escludere, dunque, che l’aggettivo fulcrale, derivato in modo corretto da fulcro (come centrale da centro) possa essere registrato, in futuro, in uno dei dizionari della lingua italiana di prossima pubblicazione.


Valeria Della Valle

16 settembre 2022


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione