Formazione dei superlativi e dei comparativi

Molti lettori ci chiedono chiarimenti sulle molte possibilità che la lingua italiana offre per la formazione dei gradi di comparazione e del superlativo degli aggettivi. Riportiamo quello che Giovanni Nencioni ha scritto, sulla questione, ne La Crusca per Voi (n° 8, aprile 1994): 

Risposta

Formazione dei superlativi e dei comparativi

 

«... un carattere della lingua italiana già notato e lodato da Leopardi nel suo Zibaldone di pensieri (29 giugno 1821): la sua ricchezza e varietà, che consiste nella immensa produttività di derivati in grazia di una moltitudine di suffissi che mettono a larghissimo frutto le sue radici. Alcuni di quei suffissi sono latini, o meglio latinistici (come -ebile in flebile, -ario in leggendario, -trice in tessitrice), o "volgari", cioè neolatini, o volgareggianti (come in fievole, fornaio, tessitora). Il suffisso -issimo del superlativo assoluto viene dal latino e arricchisce, col suo valore oggettivo, i modi popolari della comparazione, esprimibili col suffisso accrescitivo -one (bellone, bellona, sapientone, fatalona) o con varie gradazioni apprezzative (assai contento, molto contento, ben contento, arcicontento) o con la ripetizione dell'aggettivo e dell'avverbio (nero nero, dolce dolce, forte forte). Gli antichi usavano anche rafforzare o moderare la forma latinistica incrociandola con quella popolare (molto gravissimo, assai dolcissimo) e anche con la forma comparativa (quasi il più antichissimo). Ma questa antica libertà è stata tarpata dalla sopraggiunta disciplina grammaticale.

Le forme comparative possono però essere formate con elementi diretti non ad intensificare la base ma ad esaltarla qualitativamente: come dicendo ambiguamente suggestivo, misteriosamente reticente, inestricabilmente confuso, dove la pur lunga misura degli avverbi aggiunge una qualità a quella denotata dagli aggettivi, e non indispone come qualcosa da sostituire con sinonimi più spediti e più efficaci, ma sempre esistenti. Il senso di fastidio all'intensivo estremamente è dato dalla sua eccessività in quella funzione, che non gli è abituale nella nostra lingua; eccessività che produce una svalutazione della sua efficacia e quindi un effetto d'inerzia. E l'inerzia, diminuendo la significanza, accresce la misteriosità della parola. Alla radice del fenomeno... sta il fatto che quell'avverbio, in quella funzione, è un anglismo, cioè un elemento estraneo al patrimonio spontaneo della lingua, sì che, ripetuto con passività automatica, blocca le varie soluzioni vivamente offrentisi e attivamente sceglibili nella lingua materna. Un'impressione simile produce il famoso okay affermativo o interrogativo, che blocca una serie di opzioni e sfumature offerte dalla nostra lingua: "sta bene; va bene; d'accordo; intesi; giusto".»

 

25 ottobre 2002


Agenda eventi


Avvisi

Incontri virtuali per visitare la mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

Avviso da Crusca

Gli incontri virtuali gratuiti saranno tenuti da Domenico De Martino nei giorni giovedì 13 maggio (alle ore 11) e mercoledì 26 maggio (alle ore 16).
Maggiori informazioni sulla mostra e indicazioni su come prenotarsi sono disponibili qui.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione