Giusta accordi... è giusto?

In risposta a chi recentemente ci ha chiesto se sia corretto l’uso, soprattutto burocratico e giuridico, di giusta nel valore ‘conformemente a’ come forma invariabile e se debba necessariamente essere seguito da articolo, riportiamo quanto ha scritto Bice Mortara Garavelli su La Crusca per voi n. 25 (ottobre 2002).

Risposta

Giusta accordi... è giusto?
 

«La preposizione giusta (che, a me almeno, sa di femminile) può essere usata con nomi maschili plurali, con articolo o meno? la sola espressione che vedo adoperare e adopero è “giusta procura...”: è possibile dire “giusta atto di procura...”, “giusta il decreto...”, “giusta patti di contratto...”?
 

La preposizione giusta è l'esito italiano della voce latina iuxta, il cui significato originario era “vicino tanto da toccare” (connesso al verbo iungere. Lo avvertiamo ancora in un incipit famoso: "Stabat Mater dolorosa / iuxta crucem lacrimosa...". È nel latino tardo, e specialmente negli usi ecclesiastico e giuridico, che iuxta prende l'accezione di “conformemente a...”, “secondo...”, come nell'espressione iuxta alligata et probata, impiegata in testi di diritto processuale: [il giudice deve decidere] “secondo (in base a) quanto allegato e provato [dalle parti]”.
Essendo una preposizione, giusta (come anche il latino iuxta) è invariabile; perciò può procedere indifferentemente nomi di qualsiasi genere e numero. È voce antiquata, che compare quasi esclusivamente nella lingua degli uffici. Nei quattro codici attualmente in vigore è presente una sola volta, e precisamente nell'art. 116 del codice civile: “giusta le leggi”. L'articolo (determinativo) è necessario nella maggior parte dei casi; la sua omissione è rara (ad es., “giusta certificazione del cancelliere”). Inaccettabile l’espressione con la preposizione che precede immediatamente un participio, come nell’esempio proposto dal lettore: “*giusta stabilito da sentenza di data...” per “giusta quanto stabilito...”.»

Bice Mortara Garavelli

Piazza delle lingue: Lingua e diritto

27 aprile 2012


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione