Giusta accordi... è giusto?

In risposta a chi recentemente ci ha chiesto se sia corretto l’uso, soprattutto burocratico e giuridico, di giusta nel valore ‘conformemente a’ come forma invariabile e se debba necessariamente essere seguito da articolo, riportiamo quanto ha scritto Bice Mortara Garavelli su La Crusca per voi n. 25 (ottobre 2002).

Risposta

Giusta accordi... è giusto?
 

«La preposizione giusta (che, a me almeno, sa di femminile) può essere usata con nomi maschili plurali, con articolo o meno? la sola espressione che vedo adoperare e adopero è “giusta procura...”: è possibile dire “giusta atto di procura...”, “giusta il decreto...”, “giusta patti di contratto...”?
 

La preposizione giusta è l'esito italiano della voce latina iuxta, il cui significato originario era “vicino tanto da toccare” (connesso al verbo iungere. Lo avvertiamo ancora in un incipit famoso: "Stabat Mater dolorosa / iuxta crucem lacrimosa...". È nel latino tardo, e specialmente negli usi ecclesiastico e giuridico, che iuxta prende l'accezione di “conformemente a...”, “secondo...”, come nell'espressione iuxta alligata et probata, impiegata in testi di diritto processuale: [il giudice deve decidere] “secondo (in base a) quanto allegato e provato [dalle parti]”.
Essendo una preposizione, giusta (come anche il latino iuxta) è invariabile; perciò può procedere indifferentemente nomi di qualsiasi genere e numero. È voce antiquata, che compare quasi esclusivamente nella lingua degli uffici. Nei quattro codici attualmente in vigore è presente una sola volta, e precisamente nell'art. 116 del codice civile: “giusta le leggi”. L'articolo (determinativo) è necessario nella maggior parte dei casi; la sua omissione è rara (ad es., “giusta certificazione del cancelliere”). Inaccettabile l’espressione con la preposizione che precede immediatamente un participio, come nell’esempio proposto dal lettore: “*giusta stabilito da sentenza di data...” per “giusta quanto stabilito...”.»

Bice Mortara Garavelli

Piazza delle lingue: Lingua e diritto

27 aprile 2012


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione