I concetti di lemma, parola e termine.

A. Raffaelli chiede la differenza di significato e di uso fra lemma, parola e termine.

Risposta

I concetti di lemma, parola e termine

Un lemma (dal greco lêmma 'presa', da lambánein 'prendere'), così come viene definito nel Dizionario di linguistica a cura di G.L. Beccaria (Torino, Einaudi, 1996) è un'"unità grafica che costituisce l'intestazione di un articolo o voce di dizionario o di enciclopedia. Di solito ha caratteristiche tipografiche (neretto, maiuscolo, ecc.) che ne facilitano il reperimento quando scorrono le colonne del testo". Il Dizionario di linguistica di Dubois et alii (Bologna, Zanichelli, 1979) mette l'accento sui complessi problemi posti dalla determinazione dei lemmi. "Quando una parola grafica ha più significati ed un'etimologia diversa, essa avrà due entrate omografe (cioè due lemmi scritti nel medesimo modo): per esempio, le parole italiane 'delfino' (tipo di cetaceo, dal greco 'delphís') e 'delfino' (titolo dato al primogenito del re di Francia, dal francese 'dauphin'). Invece, per parole che presentano uguale etimologia ma sensi diversi -  come ad esempio 'atto' (dal latino actum, da agere 'fare') - si  costituirà un solo lemma che riunisce i diversi sensi sotto una stessa parola, che sarà in tal caso polisemica, come per esempio atto (teatrale), atto (giuridico), atto (nel senso di azione). Il lemma può avere anche uno o più sottolemmi nel caso in cui la forma di una parola (ad esempio il femminile o plurale di un nome, la forma pronominale di un verbo, ecc.) ha un senso particolare; per es., 'calcolatrice' è un sottolemma di 'calcolatore', in quanto definisce un tipo di macchina diversa".

La parola è un'unità ben presente alla coscienza linguistica dei parlanti di una lingua ma difficile, se non addirittura impossibile, da definire "scientificamente". La definizione più diffusa, cioè "segmento della catena parlata e del testo scritto tale che non sia interrompibile da altri elementi, che sia mobile, che possa comparire da solo e che abbia significato" (in Beccaria (a cura di), 1996) è corretta se riferita ad alcune lingue - quali ad esempio quelle analitiche come l'italiano, quelle agglutinanti come il turco e quelle flessive, come il latino - ma non alle lingue incorporanti - come ad esempio il basco e l'ungherese - nelle quali l'unità parola può contenere vari elementi costituenti una frase. Probabilmente si riesce a comprendere meglio il significato di parola se lo contrapponiamo a termine e anche a lemma, che abbiamo prima definito.

Riassumendo, il termine è un elemento lessicale (sia una parola singola che una locuzione) che è proprio del linguaggio settoriale di una determinata specializzazione e che ha un significato univoco, solo denotativo. Ad esempio, se parliamo di 'raggio x, raggio gamma' è chiaro che ci stiamo riferendo univocamente ad un significato - quello che assume quel termine nell'ambito  della fisica - mentre se troviamo la parola 'raggio' in un altro contesto, ad esempio in un testo poetico oppure se viene utilizzato nella lingua comune, la parola 'raggio' sarà suscettibile di significati diversi (pensiamo, ad esempio, a 'raggio' in espressioni come  'raggio di speranza', 'raggio di sole', 'ruota a raggi', ecc). Il lemma, invece, rappresenta la forma di base da cui deriva un intero sistema flessionale nominale, aggettivale e verbale; ad esempio, nel caso della nostra lingua, troviamo nel vocabolario il nome al singolare, l'aggettivo al maschile singolare e la forma verbale all'infinito.

Per approfondimenti:

  • Beccaria, G.L. (a cura di), 1996, Dizionario di linguistica, Torino, Einaudi
  • Boas, F. 1979, Introduzione alle lingue indiane d'America, a cura di G.R. Cardona, Boringhieri, Torino
  • Lepschy, G.C., 1979, "Lingua/parola", in Romano, R. (diretto da) Enciclopedia, vol. VIII, Einaudi, Torino
  • Marello, C., 1996, Le parole dell'italiano: lessico e dizionari, Zanichelli, Bologna
  • Ramat, P., 1990, Definizione di 'parola' e sua tipologia, in M. Berretta, P. Molinelli e A. Valentini (a cura di), Parallela 4. Morfologia, Gunter Narr, Tübingen, pp. 3-15

A cura di Marina Bongi
Redazione consulenza linguistica
Accademia della Crusca

11 aprile 2003


Agenda eventi


Avvisi

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

Pubblicato il bando (scadenza della presentazione delle domande: 30 luglio 2020).

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Università per Stranieri di Siena: bando del Dottorato di Ricerca in Linguistica Storica, Linguistica educativa e italianistica. L’italiano, le altre Lingue e Culture (XXXVI ciclo)

Avviso da Crusca

Il bando (progetto Pegaso) è cofinanziato dalla Regione Toscana e gode della collaborazione dell'Accademia della Crusca e dell'Università degli Studi di Siena. Scadenza della presentazione delle domande: 15 luglio 2020. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione