Il pronome relativo cui

L. Roos-Bertoluzza e R. Betti, M. Bueno, M. De Pace, G. Farese e M. Grotta hanno inviato al servizio di Consulenza Linguistica dell'Accademia della Crusca vari quesiti sul pronome relativo cui.

Risposta

Il pronome relativo cui

Cui è un pronome relativo invariabile (vale, dunque, per il maschile e il femminile, sia al singolare sia al plurale) e si usa per i complementi indiretti solitamente preceduto da una preposizione. Può essere sostituito dall'altro pronome relativo il quale (la quale, ecc.), ma non da che (comunque oggi in affermazione con valore temporale in espressioni del tipo l'anno in cui/che mi sono laureato). Come curiosità storica, si ricorda che cui come complemento oggetto (laddove occorrerebbe che) si incontra nell'italiano antico (Dante, Paradiso, II 130: "E 'l ciel cui tanti lumi fanno bello") e in quello aulico fino al Novecento (Panzini: "Dante, cui egli concepiva più come simbolo perfetto avea detto che l'impero di Roma era stato dall'imprescindibile volere di Dio stabilito").

La preposizione si omette

quando cui, posto tra un articolo determinativo o una preposizione articolata e un nome, assume il valore di complemento di specificazione e si omette la preposizione di (è una persona malvagia le cui azioni sono state smascherate): la forma «art. + di cui» è appartenuta all'italiano fino all'Ottocento, ma è oggi uscita completamente dall'uso (Leopardi, Zibaldone: ha sentito, e provando così un alto piacere, il di cui oggetto è bensì passato, ma non il piacere);

si può omettere

quando il pronome ha funzione di complemento di termine e si omette la preposizione a (le due ragazze (a) cui Marta alludeva sono sue cugine). Questa oscillazione è dovuta all'origine di cui da un dativo latino CŪI che in italiano ha perso la funzione dativale - ovvero di complemento di termine - e consente di impiegare cui per qualunque complemento indiretto, ma ha comunque portato all'oscillazione cui/a cui. La forma con preposizione, considerata nell'Ottocento più popolare, è stata preferita da Manzoni sin dalla prima edizione dei Promessi Sposi e in alcune grammatiche attuali cui senza preposizione viene considerato proprio dell'uso scritto (cfr. La lingua tra norma e scelta: 75).

Un altro caso spesso dubbio per gli utenti è quello di per cui come 'perciò'. La forma è stigmatizzata da alcuni grammatici, del parere che cui, essendo riferito sempre a una cosa, a un animale o a una persona, non possa assumere il valore neutro del che. In realtà con per cui si sottintende un'espressione più estesa come motivo/ragione/fatto per cui e il pronome può quindi avere in alcune frasi il ruolo corrispondente a ciò, anzi l'espressione per cui è ormai considerata del tutto lessicalizzata (tra l'altro il vocabolario GRADIT registra come sottolemmi di cui alcune di queste locuzioni congiuntive: sono stanco per cui vado a letto; non ti sopporto, ragion per cui me ne vado).

Per approfondimenti:

  • Grande dizionario italiano dell'uso (GRADIT), ideato e diretto da Tullio De Mauro, Torino, UTET, 2000;
  • Serianni Luca, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989 [si indicano il numero di capitolo e di paragrafo];
  • Agostiniani L. -Damico Boggio O. , Guardigli P. , Poggi Salani T. -Schiannini D., La lingua tra norma e scelta, Padova, Liviana, 1983.

A cura di Mara Marzullo
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

11 marzo 2003


Agenda eventi


Avvisi

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione