Il verbo pensare con i pronomi atoni

A. Dell'Era chiede: Se è corretta la forma intransitiva di 'pensare' nelle espressioni 'penso a mia figlia', 'penso a mio fratello' ecc., perché mai il verbo diviene transitivo quando al nome si sostituisce il pronome? ('La penso', 'lo penso' anziché 'le penso', 'gli penso'). Altri utenti hanno espresso perplessità simili.

Risposta

Il verbo pensare con i pronomi atoni

Il verbo pensare può essere sia transitivo e reggere quindi un complemento oggetto, sia intransitivo e reggere un complemento indiretto, che però non è un complemento di termine, ma un locativo. Vediamo nel dettaglio i due casi:
Quando è transitivo, la forma più ricorrente è quella con l'anticipazione del complemento oggetto con il pronome atono, quindi "la penso", "lo penso" anche se le corrispondenti forme "penso lei", "penso lui" non sono scorrette; è vero che possono essere avvertite come insolite, ma in realtà risultano più naturali, e sono anche più utilizzate, in contesti in cui sono accompagnate da qualche forma predicativa, come ad esempio "penso lui ancora giovane e snello". Anche a livello semantico ci sono sottili differenze tra pensare transitivo che viene così definito, nel Grande Dizionario italiano dell'uso curato da Tullio De Mauro: "raffigurare con la mente, esaminare con il pensiero, anche escogitare, inventare" e pensare intransitivo, che invece assume il significato di "avere il pensiero rivolto a qualcuno o a qualcosa", con una connotazione affettiva che nel primo caso è meno rilevante.

Nella forma intransitiva il verbo pensare è seguito da un complemento retto dalla preposizione a, complemento che però, contrariamente a quello che potrebbe sembrare, non è un complemento di termine, ma un complemento che indica il luogo, reale o metaforico, verso cui è rivolto il pensiero. Nel passaggio dalla forma tonica che segue il verbo, tipo "sto pensando a lei", alla forma atona che invece precede il verbo, proprio in virtù del fatto che si tratta di un locativo, viene inserito il clitico ci, quindi "ci sto pensando", anche quando l'oggetto del pensiero sia una persona. Limitatamente infatti alla forma ci penso, è stato anche ipotizzato che non abbia avuto effetto la censura dei grammatici rispetto all'uso popolare, diffuso in alcune regioni italiane, di ci come complemento di termine riferito alla terza e alla sesta persona (ci dico per 'gli, le dico, dico loro').

Per verificare questa particolarità del verbo pensare è possibile effettuare, per esempio, la ricerca delle sequenze "le penso" e "gli penso" nel cd-rom della Letteratura Italiana Zanichelli che ha un motore di ricerca che permette di individuare una sequenza data su un corpus di circa 1.000 testi della letteratura italiana dalle origini ad oggi: il risultato di tale ricerca offre un unico contesto nell'Orlando Furioso (canto 29, ottava 71: "Orlando non le pensa e non la guarda" riferito a una bestia morente), che risulta essere però l'unico caso attestato, confermato anche dall'edizione critica dell'Orlando Furioso curata da Santorre Debenedetti e Cesare Segre (Bologna, 1960).

Per approfondimenti:

  • A. Leone, Conversazioni sulla lingua italiana, Firenze, Leo S. Olschki Editore, 2002, pp. 53-4.
  • L. Renzi, Grande grammatica italiana di consultazione, Bologna, Il Mulino, 1991, vol. I, p. 568.
  • L. Serianni, Italiano, Milano, Garzanti, 2000, p. 179.

A cura di Raffaella Setti
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

25 marzo 2003


Agenda eventi


Avvisi

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia resterà chiusa venerdì 25 giugno 2021.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione