Impiego del congiuntivo presente o imperfetto nelle proposizioni subordinate

Alcuni quesiti pervenuti in redazione riguardano l'impiego del congiuntivo presente o imperfetto all'interno di proposizioni subordinate. Il primo quesito chiede infatti quale uso sia corretto tra "non potrei sopportare che sia la mia sposa a morire" e "non potrei sopportare che fosse la mia sposa a morire"; nel secondo il dubbio espresso è tra "vorrei un paese in cui non ci sia più cattiveria" e "vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria".

Risposta

Impiego del congiuntivo presente o imperfetto
nelle proposizioni subordinate

Per quanto concerne la consecutio temporum, o meglio la concordanza dei tempi verbali in italiano, Lepschy ricorda anzitutto che "L'uso dei tempi nelle proposizioni dipendenti segue due modelli diversi, a seconda che il verbo della reggente richieda la concordanza del presente o quella del passato. La concordanza del presente è richiesta dall'indicativo presente, futuro, passato prossimo e futuro anteriore, dal congiuntivo presente e perfetto, e dal condizionale presente" (L. Lepschy - G. Lepschy, La lingua italiana, pp. 206-207). In particolare, quando la frase reggente ha il condizionale presente, "la dipendente ha un congiuntivo imperfetto per azione contemporanea o posteriore in frasi come vorrei che tu fossi qui; vorrei che tu venissi presto" (L. Lepschy - G. Lepschy, cit., p. 207).

Serianni inoltre, specificando che "Il tempo verbale della reggente condiziona il tempo dell'oggettiva, sia pure senza la rigorosità della consecutio temporum latina" (L. Serianni, Grammatica italiana, p. 558), e distinguendo tra un rapporto di contemporaneità, anteriorità o posteriorità, fornisce un prospetto della concordanza dei tempi della reggente con un'oggettiva volta al congiuntivo, precisando che esso è in ogni caso "applicabile alla maggior parte delle subordinate che richiedano lo stesso modo" (L. Serianni, cit., p. 560).

Riporto di seguito una parte del prospetto, concernente la relazione di contemporaneità:

CONTEMPORANEITÀ
 

PROPOSIZIONE REGGENTE   
 
 PROPOSIZIONE OGGETTIVA
 
IND. PRES.: immagino       CONGIUNT. PRES.: che egli faccia bene
IMPERATIVO: immagina      
INDIC. FUTURO: immaginerò  
CONDIZIONALE: immaginerei  
   
INDIC. IMPERFETTO: immaginavo   CONGIUNT. IMPERFETTO: che facesse bene
PASS. PROSSIMO: ho immaginato   
PASS. REMOTO: immaginai  
TRAPASS. PROSS.: avevo immaginato  
CONDIZ. PASSATO: avrei immaginato  

Lo studioso però precisa che, "Se nella reggente figura il condizionale presente di un verbo indicante volontà, desiderio, opportunità (come volere, desiderare, pretendere, esser conveniente e simili;...), la dipendente si costruisce col congiuntivo imperfetto più spesso che col congiuntivo presente" (L. Serianni, cit., p. 562). La costruzione più opportuna sarà pertanto, in tal caso, quella che vede il congiuntivo imperfetto all'interno della proposizione subordinata e quindi, nello specifico: "vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria".

Per approfondimenti:

  • Laura Lepschy - Giulio Lepschy, La lingua italiana. Storia, varietà dell'uso, grammatica, Milano, RCS Libri, 1994/2002 (ed. Tascabili Bompiani).
  • G. Battista Moretti - Giorgio R. Orvieto, Grammatica italiana. Il verbo, 2 voll., Perugia, Benucci, 1979.
  • Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989.

 

A cura di Manuela Cainelli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

30 ottobre 2008


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa venerdì 9 dicembre. Gli uffici, la Biblioteca e l'Archivio riapriranno lunedì 12 dicembre.

Chiusura della sala di lettura della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Da martedì 22 novembre la sala di lettura della Biblioteca è temporaneamente chiusa. I servizi della Biblioteca verranno erogati normalmente lungo tutto il periodo della chiusura, ma è raccomandata agli utenti la prenotazione, data la disponibilità limitata di posti.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: il nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

Vai alla sezione