Impiego del congiuntivo presente o imperfetto nelle proposizioni subordinate

Alcuni quesiti pervenuti in redazione riguardano l'impiego del congiuntivo presente o imperfetto all'interno di proposizioni subordinate. Il primo quesito chiede infatti quale uso sia corretto tra "non potrei sopportare che sia la mia sposa a morire" e "non potrei sopportare che fosse la mia sposa a morire"; nel secondo il dubbio espresso è tra "vorrei un paese in cui non ci sia più cattiveria" e "vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria".

Risposta

Impiego del congiuntivo presente o imperfetto
nelle proposizioni subordinate

Per quanto concerne la consecutio temporum, o meglio la concordanza dei tempi verbali in italiano, Lepschy ricorda anzitutto che "L'uso dei tempi nelle proposizioni dipendenti segue due modelli diversi, a seconda che il verbo della reggente richieda la concordanza del presente o quella del passato. La concordanza del presente è richiesta dall'indicativo presente, futuro, passato prossimo e futuro anteriore, dal congiuntivo presente e perfetto, e dal condizionale presente" (L. Lepschy - G. Lepschy, La lingua italiana, pp. 206-207). In particolare, quando la frase reggente ha il condizionale presente, "la dipendente ha un congiuntivo imperfetto per azione contemporanea o posteriore in frasi come vorrei che tu fossi qui; vorrei che tu venissi presto" (L. Lepschy - G. Lepschy, cit., p. 207).

Serianni inoltre, specificando che "Il tempo verbale della reggente condiziona il tempo dell'oggettiva, sia pure senza la rigorosità della consecutio temporum latina" (L. Serianni, Grammatica italiana, p. 558), e distinguendo tra un rapporto di contemporaneità, anteriorità o posteriorità, fornisce un prospetto della concordanza dei tempi della reggente con un'oggettiva volta al congiuntivo, precisando che esso è in ogni caso "applicabile alla maggior parte delle subordinate che richiedano lo stesso modo" (L. Serianni, cit., p. 560).

Riporto di seguito una parte del prospetto, concernente la relazione di contemporaneità:

CONTEMPORANEITÀ
 

PROPOSIZIONE REGGENTE   
 
 PROPOSIZIONE OGGETTIVA
 
IND. PRES.: immagino       CONGIUNT. PRES.: che egli faccia bene
IMPERATIVO: immagina      
INDIC. FUTURO: immaginerò  
CONDIZIONALE: immaginerei  
   
INDIC. IMPERFETTO: immaginavo   CONGIUNT. IMPERFETTO: che facesse bene
PASS. PROSSIMO: ho immaginato   
PASS. REMOTO: immaginai  
TRAPASS. PROSS.: avevo immaginato  
CONDIZ. PASSATO: avrei immaginato  

Lo studioso però precisa che, "Se nella reggente figura il condizionale presente di un verbo indicante volontà, desiderio, opportunità (come volere, desiderare, pretendere, esser conveniente e simili;...), la dipendente si costruisce col congiuntivo imperfetto più spesso che col congiuntivo presente" (L. Serianni, cit., p. 562). La costruzione più opportuna sarà pertanto, in tal caso, quella che vede il congiuntivo imperfetto all'interno della proposizione subordinata e quindi, nello specifico: "vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria".

Per approfondimenti:

  • Laura Lepschy - Giulio Lepschy, La lingua italiana. Storia, varietà dell'uso, grammatica, Milano, RCS Libri, 1994/2002 (ed. Tascabili Bompiani).
  • G. Battista Moretti - Giorgio R. Orvieto, Grammatica italiana. Il verbo, 2 voll., Perugia, Benucci, 1979.
  • Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989.

 

A cura di Manuela Cainelli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

30 ottobre 2008


Agenda eventi


Avvisi

Nuova vitalità dell’antica tradizione delle “pale accademiche”

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. La discussione è aperta.

Dare voce all’incompetenza: un grande male del nostro tempo

Avviso da Crusca

Pubblicato il nuovo Tema di Claudio Marazzini; è possibile intervenire nel dibattito commentando qui.

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'accordo tra l'Accademia della Crusca e il Ministero della Pubblica amministrazione

16 feb 2020

Un museo della lingua italiana a Firenze: la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

21 gen 2020

Istituito il Dantedì. Ogni 25 marzo Dante Alighieri sarà celebrato a livello nazionale

19 gen 2020

I manifesti futuristi dell'archivio Crusca-Memofonte al programma televisivo "Passato e presente"

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

06 nov 2019

Vai alla sezione