In quel di...

Agli utenti che, come Patrizia Tredici da Perugia e Francesco Bragaglia da Roma, ci chiedono notizie sull'uso e sull'origine della locuzione in quel di..., riproponiamo la risposta di Luca Serianni pubblicata nel n. 35 (ottobre 2007) del nostro periodico La Crusca per voi.

Risposta

In quel di ...

 

«In quel di (anticamente anche in quello di) + toponimo è una locuzione attestata fin dai primi secoli, della quale offrono esempi il Grande dizionario della lingua italiana di S. Battaglia, (Torino, UTET, 1961-2002, XV 112) e Greta Brodin, Termini dimostrativi toscani (Lund, Gleerup, 1970, pp. 138-39). Si tratta di un costrutto - frequente in testi medievali ma documentato in tutto l'arco della nostra lingua - che si spiega con l'ellissi di un sostantivo come contado, territorio, paese. In realtà, qualche differenza rispetto al passato c'è: in origine il costrutto designava più spesso il territorio che una località determinata (perché in questo caso si diceva abitualmente, come si direbbe oggi, "andare a Firenze", "partire per Milano": "messisi in cammino, in brevi giorni gionsero a Panigale, in quello di Perugia" si legge per esempio nel senese Gentile Sermini (XV secolo). Attualmente l'espressione si adopera in riferimento a un luogo puntuale "in quel di Parma" 'a Parma') e con una leggera intenzione faceta, suggerita dal suo aspetto antiquato; non ci aspetteremmo certo di sentirla o di leggerla in contesti drammatici "Sono andato in quel di Parma per la morte di mio padre", ma nemmeno in situazioni puramente referenziali (al controllore: "Questo treno ferma in quel di Parma?"). In quel di potrebbe essere appropriato invece in frasi disimpegnate, di registro colloquiale ("In quel di Parma sanno che cosa vuol dire mangiare bene!").»

 

Luca Serianni

28 gennaio 2011


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione