Insito in, insito a o insito di? Insito è come innato? E si può dire insitamente?

Giuseppe Patota risponde ai lettori che ci hanno posto alcune domande sull’aggettivo insito e sul suo uso.

Risposta

L’aggettivo insito suscita vari dubbi e curiosità nei nostri lettori. La domanda più ricorrente riguarda la preposizione che deve seguirlo. Chi ci ha scritto mostra di sapere che normalmente insito (che significa ‘posto dentro dalla natura’, oppure ‘incluso’, ‘implicito’) richiede, dopo di sé, la preposizione in o le sue forme articolate nel, nella, nello e così via. Ma, chiede qualcuno, si può usare anche la preposizione a e dunque dire o scrivere insito al sistema, insito alla sentenza? E qualcun altro: si può usare anche la preposizione di e dire o scrivere insito di dubbi? La risposta a entrambe le domande è netta: no. Il costrutto insito di semplicemente non esiste; quanto insito a, una ricerca in Google libri mi ha fatto incontrare due soli esempi in cui è presente la sequenza “insito alla sentenza”: il primo si trova in un manuale di diritto pubblicato nel 1843 e il secondo in una rivista giuridica pubblicata nel 1921. Questi due esempi, e i rari altri analoghi che forse potrebbero incontrarsi navigando in rete e raccogliendo tutto il materiale possibile, sarebbero comunque troppo pochi per considerare accettabile un costrutto non registrato in nessuno dei vocabolari che descrivono l’italiano antico (il GDLI Grande Dizionario della Lingua Italiana diretto da Salvatore Battaglia e da Giorgio Bàrberi Squarotti) e moderno (il Devoto-Oli, il GRADIT Grande Dizionario Italiano dell’Uso diretto da Tullio De Mauro, il GARZANTI, il Sabatini-Coletti, il Vocabolario Treccani e lo ZINGARELLI). Tutti questi repertori lessicografici informano, invece, che insito può avere come sinonimo innato, e dunque possiamo rispondere al lettore che lo ha chiesto che lo scambio fra i due aggettivi è sì possibile, ma solo nei contesti adeguati: possiamo per esempio dire, indifferentemente, che una determinata virtù è insita o innata in una persona, ma, se diciamo che una risposta è insita (cioè ‘inclusa’) in una domanda, non possiamo anche dire che è innata (cioè posta dentro dalla natura) in quella stessa domanda. A proposito di domande: nell’ultima che ci è stata fatta, ci è stato chiesto se si possa dire insitamente. In linea generale, nulla vieterebbe di creare dal femminile dell’aggettivo insito (e dunque insita-) un avverbio di modo in -mente. Ma che cosa dovrebbe significare: in modo insito? in modo innato? Veramente, in un vocabolario di fine Settecento che a suo tempo ebbe un notevole successo l’avverbio insitamente è registrato; ma l’uso talmente raro che se ne è fatto e se ne fa (anzi, non se ne fa) suggerisce di non adoperarlo.

 

Giuseppe Patota

 

27 aprile 2018


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

Vai alla sezione