IS, ISIS o DAESH?

Viene da Roma la richiesta a proposito dell'uso, che si sta affermando in alcuni Paesi, dell’acronimo DAESH in luogo di IS o ISIS: cosa ne pensa l'Accademia? 

Risposta

 

IS, ISIS o DAESH?

 

I nomi e quindi le sigle con cui il territorio e il regime sottoposti al Califfo in Medio Oriente (per questo detti anche: Califfato) si nominano e vengono nominati sono diversi. Il più corrente, avallato dagli stessi esponenti di quello Stato, è, anche in italiano, Islamic State, Stato Islamico, in sigla IS, che i francesi, rispettando la loro lingua, volgono in EI, État Islamique. Ci sono varianti più legate al territorio d'elezione (per il momento) di questo Stato, e cioè ISIS (Islamic State of Iraq and Syria oppure Islamic State of Iraq and al-Shām, dove  al-Shāmindicherebbe comunque la “Grande Siria”) o ISIL (Islamic State of Iraq and the Levant). Per iniziativa soprattutto francese si è messa in circolazione anche la sigla DAESH, che sarebbe fatta dalle iniziali dell'espressione araba al-Dawlah al-Islamīyya fīal-Irāq wa-al-Shām, che vale più o meno, per significato,  quella di ISIS, ma sarebbe scambiabile, nella pronuncia araba, anche per una parola derisoria (e per questo sarebbe stata severamente proibita nei territori controllati dallo Stato Islamico); questo nome, non lasciando trasparire, nelle lingue occidentali, l'aggettivo “islamico”, avrebbe il supposto o sperato vantaggio di non far coincidere l'islamismo (che è ovviamente una realtà molteplice e nella stragrande maggioranza dei casi pacifica) con questo nuovo e bellicoso organismo teocratico autoproclamatosi Stato. Qualcuno, tra gli stessi musulmani europei anti jihadisti, ha addirittura proposto UIS, cioè Un-Islamic State, Stato non Islamico. Ma è chiaramente un'inutile provocazione. I nomi propri in genere ce li danno quelli di famiglia o gli amici, i vicini di casa; più difficile (anche se non impossibile) che si impongano quelli che ci affibbiano gli estranei o i nemici,  a meno che non siano vittoriosi su di noi (si pensi ai nomi degli stati africani coloniali e postcoloniali). E quindi è inevitabile che quello del Califfato (se non si imporrà, come sarebbe linguisticamente per noi meglio, proprio questo nome, trasparente ma molto controverso) sia, per il momento, Stato Islamico, che in italiano dovremmo abbreviare con la sigla SI e invece, con la nostra solita anglomania (ma che stavolta ci evita l'imbarazzante somiglianza col nostro cordiale SÌ), sigliamo IS, nome più breve e meno territorialmente circoscritto di quello pur molto comune di Stato islamico di Iraq e Siria, ISIS, e, più gradito, probabilmente, agli stessi jihadisti, che sicuramente preferiscono far incombere le loro minacciose aspirazioni teocratiche su qualsiasi territorio e non solo su Iraq e Siria (come ISIS lascerebbe intendere). Le due sigle, IS e ISIS, entrambe, ovviamente, usate al maschile, come si evince non dall'eventuale articolo determinativo (che viene normalmente apostrofato: l'ISIS), ma dagli accordi (ISIS sconfitto e non ISIS sconfitta), per il momento si equivalgono in numeri assoluti su Google, anche se IS sta progressivamente avanzando ed è probabile che finisca, come si diceva, per affermarsi.

 

Vittorio Coletti

 

Piazza delle lingue: Media

18 marzo 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione