Plurali anomali: carcere, uovo, dito & Co.

Franco L. di Forlì e Elena P.  si chiedono se in una frase come "le dita (o le uova) si rompono uno a uno" sia da vedersi una "incongruenza" morfologica; Alice M. di Firenze, Chiara Z. e Chiara B. di Roma si interrogano sul plurale di carcere: le carceri o i carceri? Sono corrette entrambe le forme? Da cosa trae origine l'alternanza di genere tra il singolare e il plurale? Per rispondere a tutti pubblichiamo la risposta di Raffaella Setti già apparsa sulla Crusca per voi n. 39 (ottobre 2009). 

Risposta

Plurali anomali: carcere, uovo, dito & Co.

«Raccogliamo qui alcuni quesiti relativi alla formazione del plurale dei nomi che si discostano dai tipi canonici, sotto l'aspetto della forma o del genere o di entrambi i tratti.
Valeria Carozzi chiede se sia corretta l'espressione "inserire
le uova a uno a uno" (essendo uovo il singolare di uova) [...] o una frase come "spaccare le ossa a uno a uno".
Daniela Di genova chiede chiarimenti sul corretto uso dei nomi sovrabbondanti riguardo al numero del tipo
urla/urli.
Marco Baldraz [...] chiede: "perché al singolare questo sostantivo [cioè
carcere] vuole un articolo maschile il e al plurale invece prende un articolo femminile le?".

Il primo quesito riguarda nomi come uovo/uova e osso/ossa che, maschili in -o al singolare, hanno il plurale in -a, residuo della desinenza dei neutri plurali latini. Nell’esempio proposto dal lettore inserire le uova a uno a uno il femminile del plurale e il maschile del singolare sono ravvicinati tanto da poter apparire strano, come nota giustamente il nostro interlocutore. Si tratta però di una forma corretta anche se è possibile formulare lo stesso concetto in modo leggermente diverso ed evitare l’apparente stonatura: “inserire un uovo per volta”. 
Il sostantivo osso, insieme a molti altri nomi con doppio plurale (per questa caratteristica sono chiamati sovrabbondanti), presenta, oltre al plurale ossa, anche la forma ossi così come accade per urlo (oggetto della richiesta di un altro lettore) che ha i plurali urla/urli. Nella maggior parte dei casi la diversa terminazione del plurale corrisponde a una sensibile differenza di significato: urla, così come grida, corrisponde a ‘invocazioni umane’, mentre urli (come gridi) a ‘versi di animali’; anche molti nomi indicanti parti del corpo hanno questa caratteristica del doppio plurale: braccio braccia/braccidito dita/diticiglio ciglia/ciglilabbro labbra/labbri dove la forma in -a è sempre quella riferibile al corpo umano, mentre quella in -i ha accezioni sensibilmente diverse o indica plurali di elementi singoli (ad es. "i diti mignoli", "i labbri superiori").
Con carcere siamo di fronte a un sostantivo terminante in -e: questa uscita mantiene un certo grado di ambiguità per quel che riguarda l’attribuzione del genere (è diversa da -o che rimanda a nomi maschili e da -a che rimanda a nomi femminili). Questo ha prodotto varie oscillazioni di genere nel corso del tempo che si riflettono anche nell’italiano standard. Nell’italiano antico il nome latino maschile CARCER aveva assunto come forme del singolare il carcere maschile e la carcere femminile (forse anche per analogia con il sinonimo la prigione): come traccia di questa oscillazione resta nell’italiano contemporaneo la forma femminile del plurale, unica e stabile, le carceri.» 

Raffaella Setti

10 giugno 2014


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusure straordinarie della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Chiusure straordinarie dell'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

L’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

Vai alla sezione