Posizione dei pronomi atoni

C. Boraschi chiede delucidazioni sull'uso dei pronomi atoni: «[...] Oggi abbiamo discusso con alcuni colleghi se si poteva dire "gli andiamo a dare" al posto di "andiamo a dargli". Secondo me è scorretto, ma non so dove cercare sulla grammatica. Il doppiatore preferiva dire la prima forma perché è più scorrevole, ma io onestamente ritengo non sia corretta. Lui diceva che era uguale. Chi ha ragione?»

Risposta

Posizione dei pronomi atoni

La discussione che ci racconta nella sua mail è giustificata dai problemi che può sollevare la scelta della posizione dei pronomi atoni. Nell'italiano moderno i pronomi atoni hanno normalmente posizione proclitica, cioè precedono il verbo (es. mi porti un caffè? Gli dai il giornale), tranne in cinque casi in cui invece sono enclitici (formano cioè un'unica parola con la voce precedente):

  • con un imperativo affermativo (es. dimmi, ascoltalo, parlagli). Si sta diffondendo anche con l'imperativo negativo (es. non dirlo) accanto però sempre alla forma proclitica sostenuta dal prestigio della tradizione letteraria (es. non lo dire)
  • con un gerundio presente o passato (es. vedendola, avendomi detto)
  • con un participio passato con funzione di proposizione subordinata (es. giuntami notizia dell'accaduto, andai subito da lei)
  • con un participio presente (quasi soltanto con il riflessivo si; es. confacentesi)
  • con un infinito (es. andarci, proporgli). Proprio questo caso con l'infinito presenta alcune particolarità, una delle quali risponde alla sua domanda. Nel caso in cui l'infinito sia preceduto da un verbo servile (sapere, volere, potere, dovere, ecc.) il pronome atono può appoggiarsi in genere sia al verbo reggente, come proclitico, sia all'infinito, come enclitico (es. lo posso dire/posso dirlo). Questa doppia possibilità si estende anche a qualche altro verbo, in particolare a quei verbi come stare, andare, incominciare, venire, riuscire, cercare che reggono un infinito preceduto da preposizione (es. stare a guardare, andare a vedere, cercare di capire, ecc.). In molti dei casi citati la libertà di posizione del pronome atono è abbastanza ampia per cui potremo trovarlo e usarlo sia in posizione proclitica che in enclisi (es. non riesco a vederlo/non lo riesco a vedere). Il suo esempio contiene il verbo andare che rientra in questa tipologia per cui tutte e due le soluzioni sono perfettamente legittime.

Fin qui abbiamo visto come stanno le cose dal punto di vista strettamente grammaticale, ma la questione investe senza dubbio un altro aspetto: la ricerca nella lingua del doppiaggio cinematografico (e del cinema in generale) di una lingua credibile, verosimile e il più possibile vicina a quella del parlato reale. E non è un'impressione infondata quella del doppiatore che ha sentito la forma "gli andiamo a dare" più scorrevole, direi forse più vicina alla lingua parlata, rispetto a quella con l'enclisi. La "risalita" del pronome (rispetto alla forma enclitica normale con l'infinito) è infatti un fenomeno che ha avuto ampia diffusione nell'italiano dell'ultimo secolo, favorita anche all'influenza della lingua dei mezzi di comunicazione di massa (quella che tecnicamente è stata definita "italiano trasmesso") in cui sono più frequenti fenomeni di focalizzazione. Anticipare il pronome all'inizio della frase produce l'effetto di attirare l'attenzione sulla persona, nel caso del suo esempio, a cui "andiamo a dare", mentre la posizione enclitica ritarda questa informazione con il rischio che l'ascoltatore non ricolleghi correttamente il pronome alla persona (o cosa) cui fa riferimento. Naturalmente, al variare dei contesti, può essere più o meno vicina l'informazione e quindi più o meno reale il rischio di perderla.

A cura di Raffaella Setti
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

9 aprile 2004


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione