Possiamo fare il bagno? Certamente sì

Secondo l’insegnamento ricevuto a scuola da alcuni lettori, l’espressione fare il/un bagno sarebbe sbagliata, mentre sarebbe giusto dire prendere il/un bagno, come si legge anche in avvisi ufficiali – solitamente inviti alla prudenza – delle capitanerie di porto. Ci si chiede dunque se l’espressione più semplice, con fare, sia dialettale o comunque davvero scorretta.

Risposta

Accade non di rado che la scuola si schieri a favore di forme ricercate, confondendo la naturalezza della lingua parlata in un unico fascio con i comportamenti errati. Per fare un altro esempio, questo è il caso – fortunatamente raro – dell’insegnante preoccupato che, trovando troppo semplice e vicina al parlato un’espressione come sono andato a scuola, la corregga negli elaborati dei suoi studenti con un più ricercato, ma soprattutto più ingessato e burocratico mi sono recato. Insomma, una insicurezza di fondo su che cosa sia vero errore porta ad arroccarsi in difesa di comportamenti linguistici lontani dall’esperienza comune, e per questo ritenuti più garantiti dal rischio di riflettere qualche forma di ignoranza. Ma ciò che è comune nell’uso dei meno colti non è di necessità errato. E, al pari di andare a scuola, va benissimo fare un bagno (o fare il bagno, e anche fare la doccia; nel parlato il verbo è spesso usato anche nella forma riflessiva: farsi il bagno e farsi la doccia). Il più ricercato prendere un bagno (che ad es. il Tommaseo-Bellini segnala come meno proprio e ricalcato sul francese, dove prendre un bain è l’espressione normale) non è affatto sbagliato, ma talora, soprattutto se adoperato in contesti informali, può anche tradire una certa affettazione, o appunto una non necessaria preoccupazione di essere trovati in errore.

La piena accettabilità dell’espressione meno ricercata trova conferma nei seguenti dati. In un corpus di dieci annate recenti (1992-2001) del quotidiano "La Stampa", si trovano due casi di prendere un bagno, una volta prendere un bel bagno e una volta prendere il bagno. Invece fare il bagno compare centinaia di volte. Nel corpus web RIDIRE la diversità di frequenza è ancora più netta. Nella LIZ - Letteratura Italiana Zanichelli una ricerca automatica rivela che negli autori letterari di ogni epoca a fronte di decine di casi di fare il/un bagno si trova solo tre volte prendere un bagno (mai il bagno). I tre passi sono i seguenti: “Quelli che erano giunti nella prima settimana di luglio e contavano di restare sino alla fine di agosto, dopo aver potuto prendere un bagno sopra cinque, affrontando il mare in collera, intimiditi e scoraggiati, avevano finito per andarsene” (Matilde Serao); “Ella si alza alle dieci o alle dieci e mezzo; prende un bagno di cui i profumi costano ciascun giorno otto o nove lire; e poi si mette allo specchio” (Giovanni Verga); “Ma sì, - seguitò Capolino. - Prendeva un bagno, ai Casotti. Non sa nuotare e, per prudenza, si teneva tra i pali del recinto, dove l'acqua, sì e no, gli arrivava al petto” (Luigi Pirandello).

A margine, osserviamo che prendere un bagno è talora usato anche in altro senso, figurato, per esprimere il concetto di ‘subire un rovescio, un danno o una sconfitta’, tipicamente ma non solo in campo elettorale: “In realtà nemmeno la destra punta alle urne, perché ha paura di prendere un bagno” ("La Stampa").

 

Edoardo Lombardi Vallauri

 

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

27 gennaio 2017


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione