Presa in carico

Alessandro Girardi di Roma chiede se sia corretta la locuzione presa in carico o se si debba piuttosto usare presa a carico.

Risposta

Presa in carico

Stando alle fonti giornalistiche e a quelle nel web, la forma presa in carico risulta nettamente più frequente rispetto alla variante presa a carico. Da uno spoglio on line di due fra i maggiori quotidiani nazionali - "la Repubblica" e "il Corriere della Sera" - emerge che, dopo una prima attestazione di presa a carico (forse per attrazione della locuzione d'uso comune a carico), rispettivamente nel 1984 e nel 1994, l'espressione è venuta stabilizzandosi come presa in carico (con ricorso alla preposizione in). In particolare, nel "Corriere" si contano 160 occorrenze di presa in carico (dal 2003 al 2009), a fronte di sole quattro occorrenze per presa a carico. Dati simili si riscontrano nel web, dove presa in carico è decisamente prevalente.
La locuzione presa in carico appare dunque ben acclimata.
Inoltre il VOLIT e il GRADIT registrano prendere in carico nel senso di "ricevere una determinata cosa, effettuarne la dovuta registrazione".

 

Presa in carico si inserisce nella serie di lessemi complessi (in questo caso, si tratta di una di quelle che i linguisti chiamano collocazioni) sul modello di presa in considerazione, presa in consegna, ecc. Qui (come nel verbo correlato prendere in carico) la preposizione in svolge una funzione predicativa, che ritroviamo in analoghi costrutti quali prendere in dono, in moglie, ecc. Con presa in carico si indica l'assunzione di responsabilità rispetto al buon fine di un fatto (nuovo) richiesto. Si tratta di un'espressione tecnica, propria del linguaggio d'ufficio, in cui il "carico" può essere rappresentato da una pratica, un progetto, o anche da una persona (riguardo al suo inserimento); in campo economico, la presa in carico può riferirsi a manovre complesse, come il passaggio di gestione di un ente nelle mani di un altro. Negli ultimi anni la locuzione presa in carico è entrata stabilmente nel linguaggio medico e nell'ambito dei servizi sociali, in cui l'espressione presa in carico (di un paziente o di un utente) designa (con riferimento a un paziente o a un utente) l'iter di azioni e interventi specifici pensati attorno al soggetto (come cura e assistenza).

 

Venendo nello specifico alla richiesta di chiarimento, la locuzione a carico ricorre, piuttosto, in costrutti quali avere/essere a carico (di), in cui la preposizione a (avendo, com'è noto, valore qualificativo) connota uno "stato".
Avere qualcuno a carico significa 'provvedere al suo mantenimento', quindi (estendendo il significato) assumere - anche qui - doveri e responsabilità. Mentre però per avere a carico tali oneri sono insiti in una condizione stabilita (più o meno permanente; quella, ad esempio, di genitore rispetto a un figlio), in prendere in carico essi scaturiscono da un atto di volontà (da un "assenso").
Rimanendo all'esempio appena fatto, la presa in carico (il taking the burden o taking on degli inglesi) richiama il gesto con cui, nel mondo romano, il pater familias riconosceva il neonato, sollevandolo fisicamente da terra: con questo il padre attivava la sua responsabilità ("peso, onere") di genitore (si pensi anche al verbo latino ad-sūmere 'prendere su di sé'); quello che nel diritto familiare - appunto - è diventato uno status rispetto al quale, allora, l'eccezione presa in carico diventa "azione volontaria".

 

A cura di Chiara Mussomeli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

22 gennaio 2010


Agenda eventi


Avvisi

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione