Reggenza di predisponente

Leila Castiglione di Catania ci chiede se sia corretto usare "fattore predisponente alla siccità" o piuttosto "fattore predisponente la siccità". Per un inquadramento generale a proposito di valenze e reggenze dei verbi si rimanda alla scheda corrispondente.

Risposta

Reggenza di predisponente

Luca Serianni osserva che «Già i grammatici dell'antichità classica individuarono la natura bifronte del participio, designato con questo nome (greco metochikón, latino PARTICĬPIUM) in quanto "parteciperebbe" delle caratteristiche di nome (e aggettivo) e di verbo. [...] Il participio presente è raramente adoperato con funzione verbale, a differenza di quel che accadeva nell'italiano antico (oggi non si direbbe "Epicuro negante la eternità delle anime" come scriveva il Boccaccio, cit. in ROHLFS 1966-1969: 723, ma "che nega" o "negatore dell'eternità"). Estraneo al parlato quotidiano, quest'uso ricorre soprattutto nella lingua giuridica e burocratica» (L. Serianni, Grammatica italiana, pp. 481-482, cap. XI.412 e 413).

 

Come aggettivo, il Grande dizionario italiano dell'uso diretto da De Mauro registra predisponente quale vocabolo di uso tecnico-specialistico, noto soprattutto nell'ambito della medicina: "di fattore ambientale od organico che, esercitando un'azione di lunga durata, diminuisce le capacità di difesa dell'organismo e favorisce l'insorgere di una malattia" (GRADIT). Considerando che il termine deriva dal participio presente di predisporre, per questa voce verbale transitiva è inoltre possibile leggere, alla terza accezione di uso tecnico-specialistico inerente all'ambito della medicina, la seguente definizione: "determinare nell'organismo una disposizione a contrarre una malattia: l'alimentazione insufficiente predispone all'anemia" (GRADIT). In questo senso, di cosa o fattore che predispone a qualcosa, predisponente (come participio del verbo trivalente predisporre, che richiede, oltre al soggetto, il complemento diretto e un complemento indiretto) esige di essere costruito con a: "un'alimentazione carente predispone (l'organismo) a molte malattie" (DISC 2008).

In qualità di verbo bivalente, invece,  predisporre ha significato di "preparare, disporre qlco. in vista di una situazione certa o possibile [...]: p. un piano di intervento; anche con specificazione della situazione: p. tutto il necessario per la partenza" (DISC 2008).

 

La domanda è relativa al valore di predisporre nel senso di 'che favorisce', 'che può provocare', quindi nell'accezione del verbo che prevede struttura trivalente con complemento indiretto: perciò è preferibile dire fattore predisponente alla siccità.  

 

Per approfondimenti:

GRADIT = Tullio De Mauro, Grande dizionario italiano dell'uso, Torino, UTET, 1999, 6 voll., con l'aggiunta del vol. VII, Nuove parole italiane dell'uso, 2003 (con CD-rom).

ROHLFS 1966-1969 = Gerhard Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti, Torino, Einaudi, 1966-1969, 3 voll.

DISC 2008 = Sabatini Coletti 2008. Dizionario della lingua italiana, diretto da F. Sabatini, V. Coletti, Firenze, Sansoni, 2007 (con allegato CD-Rom).

Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989

 

 

A cura di Manuela Cainelli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

19 settembre 2008


Agenda eventi


Avvisi

Visite in presenza alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

Avviso da Crusca

Mercoledì 7 luglio 2021 sarà possibile visitare in presenza la mostra dantesca allestita nella Sala delle Pale insieme al curatore Domenico De Martino. Sono previsti 2 incontri da massimo 15 partecipanti, uno alle 21 e l'altro alle 22, con prenotazione obbligatoria. Le informazioni sull'allestimento e sulle modalità di prenotazione sono disponibili qui.

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia resterà chiusa venerdì 25 giugno 2021.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione