Se non vado errato...

Alcuni ci hanno chiesto delucidazioni sul modo di dire "se non vado errato". Riportiamo una risposta di Giovanni Nencioni, pubblicata sulla Crusca per voi (n° 7, ottobre 1993), dedicata proprio ad alcuni modi di dire che si usano frequentemente.

Risposta

Se non vado errato...

«Ci sono modi di dire come "tenere uno sulla corda", "rispondere a volta di corriere", "aver voce in capitolo", "essere male in arnese", "essere un luogo comune", "fare il punto" ecc. che, sebbene molto appropriatamente usati, non si spiegano senza risalire a costumi, oggetti o concetti di altri tempi; e ce ne sono altri che tramandano usi antiquati della lingua, come la locuzione "vista la mala parata", dove parata conserva eccezionalmente il significato di 'situazione', quindi "vista la situazione spiacevole, la piega negativa presa dagli avvenimenti", oppure [...] "se non vado errato", che risale al costrutto antico errare da 'allontanarsi da', usato spesso in senso morale: "errare dalla fede, dal vero" (per es. in Leopardi: "O forse erra dal vero, Mirando all'altrui sorte, il mio pensiero"), e anche andare errato da o nel ("andare errato dalla religione, nel giudizio"). Perciò usare locuzioni linguisticamente più o meno fossilizzate come "vista la mala parata", "se non vado errato", "stare all'erta", cioè in guardia, non è scorretto, ma conferisce al discorso comune un tocco di ricercatezza o di gergalità, insomma un "vezzo", che può essere fatto di pura ripetizione mnemonica, cioè d'inerzia linguistica, ma anche di modulazione scherzosa o ironica.

Chi ha dubbi come questo può risolverli anche da sé consultando i grandi dizionari di cui disponiamo (il Tommaseo-Bellini e il "Battaglia", ricchi di esempi di autore) e anche quelli di taglia minore, detti scolastici o familiari, che sono spesso informati dell'uso sia antico che moderno.»

14 luglio 2003


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione