Seminale

Ci sono stati posti quesiti di varia natura intorno all’aggettivo seminale, che, oltre ai tradizionali usi specializzati della botanica e della biologia, conosce per influsso inglese una recente accezione figurata nei linguaggi delle arti, con il valore di “fecondo, capace di porsi come modello per opere successive” detto di film, narrativa, musica e così via.

Risposta

Franco Fabbri, membro fondatore degli Stormy Six, gruppo seminale del rock italiano
(quarta di copertina di Franco Fabbri, Album Bianco. Diari musicali 1965-2000, Roma, Arcana, 2001)

I quesiti relativi a seminale si potrebbero schematizzare così, affiancando a ciascuno qualche osservazione di risposta:


Quale accoglienza hanno riservato i dizionari dell’uso alla voce seminale nell’accezione figurata?

Nel Vocabolario Treccani online, nel Garzanti, nel GRADIT e nei suoi supplementi, così come nel Sabatini-Coletti la voce in accezione figurata non viene registrata.

In Zingarelli 2022, invece, è presente e figura, nell’articolo, al terzo posto: “1 (bot.) relativo al seme, alla semente 2 (biol.) relativo al seme, allo sperma: ghiandola, vescichetta, liquido s[eminale] 3 (fig.) fecondo (calco sull’ingl. seminal): un’idea s[eminale] | un film, un’opera seminale, che costituisce il modello che genera opere successive”.

Anche in Devoto-Oli compare al significato 3: “fig. Di opera capace di costituire un modello per gli sviluppi successivi di un’arte o di un genere. Esempi: film, romanzo seminale”, preceduto dai significati 1 e 2 relativi alla botanica e alla biologia.


L’impiego figurato di seminale come ‘fecondo, modello per opere successive’ è soltanto recente oppure conosce attestazioni anche tradizionali?

Usi figurati di seminale sono documentabili nel corso del tempo, anche se non sovrapponibili come significato all’ultimo in ordine di arrivo e comunque solo dalla seconda metà del ’900. Grazie alla possibilità di ricerche offerte dalla disponibilità in rete del GDLI con il valore di ‘embrionale’ lo troviamo in Riccardo Bacchelli (Saggi critici, Milano, Mondadori, 1962, p. 465) “Il Vico, tanto nelle posizioni quanto negli svolgimenti logici del suo pensiero, è […] un filosofo involuto, un pensatore oracolare, un profeta più che un dimostratore dei suoi principi e dei suoi veri, uno di quei pensatori che si possono chiamare, per eccellenza, seminali”; e, ancora, in Umberto Eco: “Ho cominciato a scrivere nel marzo ’78, mosso da un’idea seminale. Avevo voglia di avvelenare un monaco […]: il resto è polpa che si aggiunge strada facendo” (Postille a “Il nome della rosa”, “Alfabeta”, 49, 1983, p. 19); e in Germano Celant: “i segni emersi sono solo elementi linguali semplici al loro stato seminale di linguaggio” (Arte dell’Italia, Milano, Feltrinelli, 1988, p. 77).

È a partire dal decennio successivo che si cominciano a incontrare, consultando l’archivio della “Repubblica”, occorrenze inquadrabili nel nuovo significato, calcato sull’inglese, in relazione con opere scientifiche o letterarie e i loro autori, da “la traduzione riveduta in tedesco della sua opera seminale, La società aperta e i suoi nemici” (1992: in un’intervista a Karl Popper in occasione del suo novantesimo compleanno) a “è un testo di seminale importanza per la psicoanalisi e per la letteratura” (1997; si tratta della Gradiva di Freud) a “Leopardi è l’autore seminale di questa costellazione novecentesca” (2000); oppure riferito a produzioni cinematografiche: “pellicola seminale” (1998, è Harder they come), “questa pellicola è considerata seminale, nella nascita di Sherlock Holmes come personaggio del grande schermo” (1998, si tratta di Il cane dei Baskerville).

Il campo semantico privilegiato è decisamente quello musicale: metà degli esempi utili per gli anni ’90 gli appartiene, e se estendiamo l’indagine fino all’oggi il risultato non cambia.


In inglese il valore figurato della voce seminal conosce il medesimo percorso storico?

In inglese per seminal troviamo, oltre ai significati di ambito scientifico, il valore figurato di ‘embrionale’ fin dal XVII secolo (v. Oxford English Dictionary OED); per il valore di ‘fecondo, modello per opere successive’ vengono fornite attestazioni dal secondo dopoguerra (1947).


A quando si possono far risalire i precoci impieghi di seminale nel settore musicale?

Il settore musicale, si è detto, appare come uno dei più disponibili all’accoglimento dell’anglicismo seminale. La data 2012 proposta da una lettrice come soglia dell’acclimatamento in tale uso settoriale può essere anticipata di una buona decina d’anni con l’occorrenza, non di repertorio, qui collocata in esergo, del 2001. E sulla base delle testimonianze d’archivio della “Repubblica”è possibile scendere ancora: “voce degli ‘Underground Life’, gruppo seminale della scena rock italiana” (2000), “formazione seminale dell’heavy metal” (1999), “la promozione del seminale ‘Exile On Main Street’” (1998), “‘Pop Group’, seminale punk-band di Bristol” (1998), “‘Modern Jazz Quartet’ formazione seminale nella storia della musica nera afroamericana” (1994).


È corretto l’uso di seminale in senso figurato, fuori dagli ambiti scientifici?

Non esistono ragioni formali che si oppongano al rispetto della correttezza, dal momento che la struttura fonomorfologica della voce è pienamente adeguata al sistema italiano. La registrazione non unanime nei dizionari è compensata dalla disinvoltura nell’uso reale (la parola non compare mai tra virgolette o corredata da sinonimi esplicativi o altri segnali di circospezione). I motivi di certa perplessità degli utenti sono da ricercare più probabilmente sul piano del significato, nella metafora della procreazione umana o animale applicata alla sfera della creatività intellettuale e artistica che può, in misura più o meno consapevole, creare imbarazzo.


Gabriella Cartago

2 dicembre 2022


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione