Si può spiccare una consegna?

Una lettrice ci scrive che nella società in cui lavora da tempo, fra “colleghi di più lunga esperienza lavorativa” si usa “spiccare una consegna [...] come sinonimo di emettere”. Quest’uso è messo in discussione dai colleghi più giovani i quali sostengono “che è un volo che si spicca e non una consegna”.

Risposta

Il significato di spiccare qualcosa per ‘staccarlo da qualcos’altro’ è ben attestato dai dizionari e molto antico (dal Duecento), anzi il più in linea con la probabile etimologia del verbo, spiegata come contrario (grazie al prefisso s- privativo) di appiccare (‘appendere a una picca’), ‘attaccare’. Insomma è un sinonimo di staccare (lo usa in questo senso il Boccaccio nel Decameron, IV, 5: “gli spiccò dallo ’mbusto la testa”). La sua frequente collocazione odierna con oggetto ‘volo, balzo ecc.’ è solo uno sviluppo del significato di base e così pure la sua adozione nel linguaggio giuridico e commerciale per ‘emettere e quindi rendere esecutivo’: “spiccare un mandato, un ordine di cattura, una fattura” e pure (ricordato dal Dizionario del linguaggio italiano storico ed amministrativo del Rezasco) di ‘concludere’ o ‘interrompere’: “spiccare una pratica, un negoziato”. Se ci si pensa bene, anche il significato più noto oggi del verbo, in costrutto intransitivo, col valore di ‘distinguersi’ (“Sull'agitato brusio ondeggiante per la sala spicca la voce del Podestà” Bellonci, Rinascimento privato), ‘farsi notare, risaltare’ (“sul fango delle rive spicca bianca la pietra istriana” Claudio Magris, Microcosmi), frequente anche col sostantivo consegna come soggetto (“tra i servizi spicca la consegna a domicilio”, “tra le manifestazioni spicca la consegna del premio…”), rivela la sua vicinanza al significato etimologico.

Questa fedeltà etimologica dovrebbe valere anche per il gergale spiccare una consegna di cui ci chiede la lettrice. Per due ragioni, penso: primo, perché tra i significati estesi di spiccare c’era in passato anche ‘mandare’, ancorché riferito soprattutto a persone (“spiccare ambasciatori, rinforzi”, attestati nel GDLI), da cui può essersi sviluppato spiccare una consegna nel senso di mandarla e quindi recapitarla; secondo, (e più probabile), perché una consegna non è solo la merce consegnata ma anche la bolla o il documento o la tratta ecc. che la accompagna e che quindi si emette, cioè si spicca nel momento in cui si avvia o si deposita al recapito la merce in consegna. È quello che fa pensare il significato di spiccare una consegna che la lettrice dichiara usato dai suoi colleghi. In questo senso, dunque, se consegna è una metonimia per indicare (anche) il documento fiscale che accompagna la merce, spiccare ha il significato di ‘emettere’ e il suo uso è plausibile e congruo. Il tratto gergale starebbe allora più nel significato dato a consegna che in quello di spiccare, di lunga tradizione in ambito giuridico e commerciale (almeno dal Cinquecento, secondo il GDLI).

Ma sono solo ipotesi e sarebbe opportuno poter verificare almeno la diffusione della locuzione spiccare una consegna nel linguaggio di mestiere dei corrieri per rendersi conto della sua familiarità oltre il perimetro lavorativo frequentato dalla signora che ci ha scritto.

Ancora un’ipotesi: se invece di ‘emettere una consegna’ il significato còlto dalla lettrice fosse stato quello di ‘recapitare, cioè portare a buon fine una consegna’, si sarebbe potuto pensare a una sovrapposizione (fenomeno non raro nei linguaggi di mestiere e nei gerghi) del verbo col quasi omofono spicciare transitivo, nel senso di ‘sbrigare’ (“spicciare una faccenda, una pratica”), anche se oggi noto e diffuso soprattutto in forma pronominale (spicciarsi) nel significato di ‘affrettarsi’.

Restando dunque in attesa di qualche ausilio sociolinguistico da lettori di questa rubrica operanti nel mondo della logistica e delle spedizioni, ci limitiamo a rispondere con delle ipotesi, suggerendo però di non rinunciare a combinazioni più appropriate, abbinando spiccare non a consegna (che indica soprattutto la merce consegnata), ma a parole che nominano documenti (bolla, tratta ecc.) e consegna non a spiccare, ma a recapitare, eventualmente sbrigare, se proprio la si vuole... spicciare.

Vittorio Coletti

4 dicembre 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione