Si può dire melenzana e melenzane?

Alcuni utenti ci chiedono se le forme melenzana e melenzane possano essere considerate corrette.

Risposta

Rispondiamo subito ai nostri lettori che la forma corrente (e corretta), registrata nei dizionari della lingua italiana dell’uso, è melanzana, il cui plurale è regolarmente melanzane.

La variante con -e-, melenzana, e in particolare il plurale melenzane sono forme in uso specialmente nel sud d’Italia e sembrano quindi proprie di quella varietà linguistica chiamata “italiano regionale”, un tipo di italiano che varia su base geografica e che si differenzia dall’“italiano standard” in primo luogo (ma non solo) per l’influenza esercitata (soprattutto nella pronuncia e nel lessico) dal dialetto locale.

Tuttavia, per quanto oggi conoscano un uso che appare limitato al Meridione, le varianti melenzana e melenzane non sono veri e propri dialettismi, perché in realtà si tratta di forme antiche (arcaismi), che per lungo tempo hanno convissuto con quelle che oggi consideriamo standard e quindi corrette (cioè melanzana e melanzane). La variante con -e-risulta addirittura quella più anticamente documentata: il TLIO registra solo il femminile singolare melençana (“colore de la melençana”), che compare due volte in un volgarizzamento padovano di fine Trecento di un trattato di medicina (arabo, ma tradotto in volgare dal latino). Il fatto che la parola sia documentata in uno solo dei circa duemila testi che compongono il “Corpus OVI dell’Italiano antico” indica che essa doveva essere piuttosto rara nel Medioevo. Del resto, la melanzana – nota a Firenze come petronciano nel Medioevo (petrongiano nell’antico lucchese) e come petonciano in seguito – è un ortaggio che fu introdotto in Europa dagli arabi proprio nel periodo medievale, non incontrando però una pronta fortuna gastronomica e godendo anzi per molto tempo di una pessima fama in cucina, anche perché anticamente si credeva che il suo consumo fosse causa di pazzia, come mostra il seguente passo tratto dal Novellino (una raccolta toscana di novelle risalente alla fine del XIII secolo): “Maestro Taddeo, leggendo a’ suoi scolari in medicina, trovò che, chi continuo mangiasse nove dì di petronciani, che diverrebbe matto; e provavalo secondo fisica” (cfr. TLIO, s. v. petronciano).

La documentazione inizia a farsi consistente solo a partire dal Cinquecento: in una lettera del 1512 del mercante veneziano Martino Merlini troviamo un’attestazione del plurale ancora con -e-, melenzane (cfr. M. Cortelazzo, Dizionario veneziano della lingua e della cultura popolare nel XVI secolo, Limena (PD), La Linea Editrice, 2007, p. 807). Gli esempi citati nel GDLI mostrano una certa oscillazione nell’uso dei plurali melanzane e melenzane nel Cinquecento, oscillazione che verosimilmente ci sarà stata anche dopo, sebbene tra Sette e Ottocento la forma melanzana sia ormai l’unica a essere registrata nei maggiori dizionari italiani.

Da notare che questa parola manca in tutte e cinque le edizioni del Vocabolario della Crusca, che ha invece il geosinonimo, soprattutto fiorentino (e comunque non generalmente toscano come indicano i dizionari), petronciano (anche femminile petronciana), con la variante più moderna petonciano, utilizzata insieme a melanzana dal famoso gastronomo Pellegrino Artusi: “Il petonciano o melanzana è un ortaggio da non disprezzare per la ragione che non è né ventoso né indigesto” (cit. da La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene [1891, ricetta 399]). Almeno fino all’Ottocento i termini petonciano e melanzana sembrano essere stati quindi in concorrenza tra loro, tuttavia è stato il secondo a prevalere nell’uso generale italiano, al punto che petonciano è oggi sempre meno usato anche dai fiorentini (cfr., a proposito della sostituzione nei negozi e supermercati fiorentini dell’indicazione “petonciani” con “melanzane”, Severina Parodi in La Crusca risponde, Firenze, Le Lettere, 1995, pp. 167-168).

Tornando al nostro quesito, va detto che l’oscillazione nell’uso di melanzana, melenzana, melanzane, melenzane si spiega innanzitutto con l’origine araba della parola. L’arabo bāḏinğān ha infatti subito vari adattamenti nel passaggio da una lingua all’altra, dando luogo a svariate forme nei dialetti italiani e nelle altre lingue europee. Oltre all’italiano melanzana, abbiamo, ad esempio, lo spagnolo berenjena, il catalano alberginera, da cui il francese aubergine, ma abbiamo anche il piemontese maranzana o malansana, il milanese meresgian, il già citato fiorentino antico petronciano, moderno petonciano (petanciana nel Valdarno superiore e petinciana nel Chianti), il romanesco marignano, il napoletano mulignana, l’abruzzese buligname, il salentino marangiana, il siciliano milinciana. Nel tipo italoromanzo melanzana, la base araba sembrerebbe inoltre essersi incrociata con la parola mela, anche se è altrettanto possibile che tale forma sia entrata nella nostra penisola attraverso il greco bizantino melintzána, che è anch’esso un derivato del termine arabo, ma con influenza di mélas ‘nero’ (cfr. DELI, s. v. melanzana).

Melenzana è insomma un’antica variante di melanzana che ancora resiste nell’italiano regionale meridionale, dove – va notato – è però comune soprattutto la forma plurale, melenzane, probabilmente anche a causa di un fenomeno noto come “paretimologia” o “etimologia popolare”, ovvero l’accostamento di parole non trasparenti, non motivate, a parole più note e frequenti (ad esempio: l’italiano stoccafisso è un adattamento dell’antico olandese stokvisch, composto di stok ‘bastone’ e visch ‘pesce’, ma nella nostra lingua la seconda parte del composto è stata accostata all’aggettivo fisso, anche per la caratteristica “rigidità” di questo prodotto). È possibile cioè che i parlanti interpretino la parola melanzana come una sorta di composto di mela e che, quindi, nella formazione del plurale scindano tale, presunto, composto, volgendo al plurale sia il primo, sia il secondo elemento, come accade ad esempio in melegrane, forma popolare per melagrane, plurale di melagrana.

Si consideri, a proposito della facile interpretazione di melanzana come composto di mela, che già nel Cinquecento il medico senese Pietro Andrea Mattioli, traduttore di Dioscoride, immaginò – sulla base dei presunti effetti nocivi legati al consumo dell’ortaggio – che la parola altro non fosse che un composto di mela e insana (cfr. GDLI, s. v. melanzana); e più di recente, il noto comico Nino Frassica, di origine messinese, ha spiegato in tv melanzana come mela anziana.

 

A cura di Antonio Vinciguerra
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

18 ottobre 2018


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Lavori nella sala di lettura della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

A causa dei lavori di installazione del nuovo impianto antincendio nella Sala di lettura della Biblioteca che avranno luogo dal 13 marzo al 14 aprile 2023:

  • dall’8 al 23 marzo non saranno disponibili le opere collocate nel ballatoio della sala di consultazione;
  • dal 13 al 24 marzo tutti i volumi conservati all’interno della sala di consultazione non saranno disponibili;
  • nella settimana dal 20 al 24 marzo, la Biblioteca sarà completamente chiusa al pubblico per due giorni. Le date saranno comunicate non appena verranno stabilite d’intesa con la ditta alla quale sono stati affidati i lavori.

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'Accademia risponde a un quesito sulla parità di genere negli atti giudiziari posto dal Comitato Pari opportunità del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione

09 mar 2023

Le settimane estive della Crusca: corsi per docenti di italiano all’estero

06 mar 2023

L'Accademia collabora all'organizzazione di un corso di perfezionamento sulla scrittura del diritto

17 feb 2023

L'approccio dell'Unione Europea al multilinguismo in uno studio recente pubblicato dalla Commissione per la cultura e l'istruzione (CULT) del Parlamento europeo

15 feb 2023

L'accademica Giovanna Frosini nominata presidente dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio

14 feb 2023

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Vai alla sezione